CIR

CIR | Marco Pollara ritorna nel Campionato Italiano Rally con ACI Team Italia. Esordio sulla Citroen C3 R5

Al suo fianco Daniele Mangiarotti

La stagione 2021 di Marco Pollara sarà improntata al ritorno nel Campionato Italiano Rally dopo le recenti esperienze internazionali. I dettagli del pacchetto a sua disposizione
CIR | Marco Pollara ritorna nel Campionato Italiano Rally con ACI Team Italia. Esordio sulla Citroen C3 R5

Dopo l’esperienza internazionale nello Junior WRC con qualche buon risultato, il figliol prodigo Marco Pollara torna a casa e si prepara ad affrontare il 2021 all’interno del Campionato Italiano Rally, e sempre sotto l’ala protettrice di ACI Team Italia.

Il programma del vivaio nazionale del motorsport italiano ha infatti puntato anche quest’anno, tra gli altri, sul giovane siculo già campione 2019 CIR Junior. In questa stagione Pollara tornerà nel CIR che in passato disputò in maniera pressoché completa nel 2018, allora su Peugeot 208 T16 e con al proprio fianco Giuseppe Princiotto, classificandosi alla fine nono assoluto. L’anno prima il siculo fece doppietta conquistando il CIR Due Ruote Motrici ed anche il suo primo titolo Junior nazionale. 

Pollara e Mangiarotti su Citroen nel CIR 2021

Nel 2021 il pilota classe 1996 ritroverà alle note Daniele Mangiarotti, che debuttò per la prima volta al suo fianco lo scorso anno in occasione della Targa Florio (chiusero quarti assoluti), mentre la vettura prescelta sarà la Citroen C3 R5 del Peletto Racing Team, già al fianco di Paolo Andreucci nel CIR Terra. Per Pollara sarà una prima volta in carriera con la versione rally dell’auto del marchio transalpino. Il supporto al pilota verrà invece assicurato ancora una volta dalla scuderia Movisport e da Luca Costantino, che ricordiamo presidente della messinese CST Sport.

“Con Mangiarotti ottimo feeling”

«Felice» per il sostegno anche nel 2021 da parte di ACI Team Italia e quindi della Federazione, il pilota siciliano (che vedremo esordire nella sua nuova stagione al Rally Il Ciocco del prossimo marzo, apertura del CIR) ha così commentato: «Lo scorso anno ho vissuto una stagione nel mondiale anomala, visto il continuo slittamento delle gare causa Covid, ma nonostante tutto sono riuscito a condurre una annata arrivando sempre a punti». Nel 2020 ricordiamo in particolare il quinto posto al Rally Estonia ed il sesto al Rally Italia Sardegna, entrambi nello Junior WRC.  «Quest’anno – prosegue Pollara – abbiamo deciso di ritornare tra le strade del Campionato Italiano Rally e di farlo nella massima serie. Al mio fianco ci sarà Daniele Mangiarotti, con il quale ho avuto l’opportunità di correre insieme lo scorso anno per la Targa Florio e da subito abbiamo trovato un ottimo feeling a bordo. Le coperture, saranno come sempre le Pirelli, ottime gomme con cui riesco a trovarmi benissimo su qualsiasi fondo stradale. Grazie alle mani esperte di Loris Malatesta abbiamo elaborato una livrea molto accattivante [visibile in testa all’articolo, ndr], con colori a cui sono particolarmente legato e con cui ho già corso in passato. La vettura a cui mi affiderò in questa stagione ha dimostrato in passato di essere un mezzo molto performante e con Daniele proveremo sin da subito a partire bene. Voglio ringraziare la Federazione, nella persona di Daniele Settimo, per questo importante supporto, in una stagione che si prospetta molto combattuta, visto il parterre di nomi che si sentono in questi giorni».

Il copilota Mangiarotti ha commentato: «Sono estremamente felice di intraprendere con Marco questo percorso. Credo che per lui sarà un anno importante, dove poter mettere in atto l’esperienza maturata nel campionato del mondo rally Junior, dove anche se con poche gare, ha dimostrato una continua crescita e questo è fondamentale per un pilota che vuole crescere come lui. Il primo approccio con Marco è stato alla Targa Florio, dove ci siamo trovati subito a nostro agio in auto e fuori e questo sarà un grande punto di partenza per provare a costruire e rafforzare la nostra crescita, il tutto insieme al prezioso supporto di Aci Team Italia e di tutta la Federazione. Sono sincero, non vedo l’ora di iniziare, opportunità come queste sono una vera carica, quindi vi do appuntamento al Ciocco».

 

Leggi altri articoli in CIR

Commenti chiusi

Articoli correlati