Formula E | Delusione per Porsche a Monaco: “Buon lavoro in qualifica, ora prepariamo il Messico”

La sfortuna colpisce i tedeschi

André Lotterer e Pascal Wehrlein non riescono a ottenere risultati soddisfacenti a Monaco con Porsche e guardano già al prossimo round della Formula E in Messico.
Formula E | Delusione per Porsche a Monaco: “Buon lavoro in qualifica, ora prepariamo il Messico”

Calano le performance del TAG Heuer Porsche Formula E Team all’ePrix di Monaco. Dopo due podi ottenuti a Roma e a Valencia, la squadra tedesca non riesce a cogliere un altro ottimo risultato nel suo esordio sulle strade del Principato, con André Lotterer e Pascal Wehrlein fuori dalla zona punti.

La gara, in breve, di Porsche a Monaco

E dire che il weekend stava procedendo con buone speranze per la gara: Wehrlein aveva, infatti, ottenuto l’8° posto dopo aver mancato la Super Pole per soli 5 centesimi di secondo. Al primo giro, quando il gruppone è arrivato al tornantino del Grand Hotel, il tedesco è precipitato al 15° posto e non è stato in grado di recuperare il terreno perso, finché non è arrivata una foratura a pochi minuti dal termine che lo ha costretto a rientrare ai box. Lotterer ha provato in tutti i modi a metterci una pezza: partito dal 19° posto e con pochissime possibilità di sorpasso, il francese ha utilizzato intelligentemente l’Attack Mode ed è risalito fino al 9° posto. La felicità è durata molto poco perché, al termine della corsa, gli è stata inflitta una penalità di 5” per un contatto all’ultimo giro giudicato non corretto.

Lindesay: “Sei settimane per prepararci al Messico”

Amiel Lindesay, Responsabile Attività Formula E di Porsche: «Pascal ha fatto un buon lavoro in qualifica e ha perso per pochissimo la Super Pole. L’inizio gara non è stato ideale: quando è rimasto bloccato in mezzo al traffico al tornante, le prime posizioni erano ormai fuori portata. Le qualifiche non sono andate bene per André ma ha fatto un ottimo lavoro recuperando dal 19° al 9° posto in gara: non molti ci riescono a Monaco. Sfortunatamente, la penalità di tempo lo ha privato della ricompensa che si meritava. Mancano sei settimane alle prossime gare in Messico, useremo questo tempo per prepararci alle sfide della seconda metà della stagione».

Copyright foto: Porsche

Leggi altri articoli in Formula E

Commenti chiusi

Articoli correlati