Formula E | Le impressioni dei piloti sulle nuove monoposto Gen3 dopo Valencia

I primi commenti

I piloti di Formula E sono rimasti piacevolmente sorpresi dalla terza generazione di monoposto per il campionato elettrico di Formula E: ecco alcuni dei loro pareri.
Formula E | Le impressioni dei piloti sulle nuove monoposto Gen3 dopo Valencia

I test di Valencia di due settimane fa hanno permesso ai team e ai piloti di avere un primo riscontro cronometrico e prestazionale delle nuove monoposto Gen3 della Formula E, che debutteranno ufficialmente a Città del Messico nel 2023. Ecco le impressioni di alcuni dei protagonisti del campionato elettrico.

Mortarra: “Vettura molto più efficiente”

Edoardo Mortara (Maserati) «Max [Guenther, ndr] è già andato più veloce del giro più veloce che abbiamo fatto qui l’anno scorso, quindi siamo già più veloci di un giro. Possiamo aspettarci una differenza maggiore, ma ciò dipenderà dal fatto che sfrutteremo meglio la vettura: vedrete differenze maggiori sugli obiettivi in gara e sui giri previsti, perché la vettura è effettivamente molto più efficiente».

«C’è molto da scoprire. L’anno scorso abbiamo raggiunto il massimo con l’auto Gen2 con un software che sfruttava tutte le prestazioni disponibili dopo anni di lavoro con quelle auto e propulsori. Abbiamo molto da imparare e c’è ancora molto da fare: non è del tutto giusto fare paragoni in questo momento».

Da Costa: “Ancora molte cose da sviluppare”

Antonio Félix da Costa (Porsche): «È stato un processo divertente conoscere la nuova vettura. È un enorme passo avanti in termini di potenza ed è più leggera e queste due cose che aspetti sempre con impazienza come guidatore: più potenza e meno peso. Ora c’è anche un propulsore anteriore e sarà un’auto altamente efficiente: il 40% dell’energia totale utilizzata in una gara proverrà dalla rigenerazione. È un grande passo avanti nella tecnologia ed è divertente.

«Siamo agli inizi e stiamo solo iniziando a fare i conti con le macchine, lentamente. Abbiamo ancora molte cose da sviluppare e imparare solo un mese prima di andare a correre in Messico, ma questo fa parte del processo: è divertente.

«Hanno molta più potenza di prima e al momento, in determinate condizioni, è piuttosto difficile usarli, il che è una buona cosa per chi osserva la gente. Ci saranno altri errori da parte dei piloti e sarà più difficile dominare con questa vettura in questo momento: penso che produrrà ottime gare. Non siamo così veloci in questo momento, ma arriverà con il tempo».

«Proprio come con gli pneumatici Michelin, anche i nuovi Hankook hanno i loro trucchi da capire. Ne siamo stati tutti padroni dopo molti, molti anni con quelle gomme, otto stagioni. Proprio come con la nuova auto, stiamo attraversando un processo e c’è molto da scoprire: ne fa parte ed è divertente. L’addetto agli pneumatici ha il compito più difficile al mondo per capire come funzionano gli pneumatici: è una cosa così difficile. Hankook fornisce a tutti le stesse informazioni per renderlo equo».

Guenther: “Macchina molto aggressiva”

Maximilian Günther (Maserati): «La Gen3 offre diverse sfide con rigenerazione sull’asse anteriore ora e 600 kW totali anteriori e posteriori. La sensazione di frenata è diversa e ancora più variabili possono essere controllate dal software insieme ai vostri ingegneri: le possibilità sono piuttosto entusiasmanti.

«La vettura sarà veloce su strada perché avrai molta più potenza – 100 kilowatt in più, rispetto ai 250 kW della Gen2 – e abbiamo pneumatici diversi con caratteristiche diverse rispetto ai precedenti. Tutto sommato è una grande sfida e la macchina sembra molto aggressiva. Finora mi sto godendo la mia esperienza al riguardo.

Rast e Rowland: “Dobbiamo adattarci”

René Rast (McLaren): «Nessuno ha ancora esplorato i limiti e ci sarà molto tempo da percorrere nel corso della stagione. Dopo un anno o due saremo molto più veloci. Il Gen3 ha ovviamente molta più potenza, è più leggero e più agile in curva. La vettura stessa era molto veloce, soprattutto su un giro a piena potenza da 350 kW».

Oliver Rowland (Mahindra): «Hai due pedali e un volante, ma tanti cambiamenti. Dal punto di vista tecnico c’è il propulsore anteriore che può rigenerare energia senza più freni posteriori, ma ovviamente con molta più capacità di rigenerazione. Le auto sono anche molto più leggere e c’è molto a cui noi piloti dobbiamo adattarci. È praticamente tutto nuovo. Quindi, al momento, non siamo sicuri al 100% di come estrarre i dettagli più fini e sarà emozionante vedere come tutte le altre squadre e i piloti si metteranno al passo nel corso della stagione».

Copyright foto: Sam Bagnall / LAT Images

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Formula E

Commenti chiusi

Articoli correlati