Junior WRC 2021, gli equipaggi in gara nella stagione del ventennale

Gli iscritti nello Junior WRC 2021

Scopriamo chi correrà quest'anno nello Junior WRC per succedere al trono di Tom Kristensson, campione uscente. Da Sesks al debuttante Creighton, passando per Pajari ed Armstrong: tutti i nomi
Junior WRC 2021, gli equipaggi in gara nella stagione del ventennale

Lo Junior WRC taglia quest’anno il traguardo delle venti edizioni, prima di cambiare pelle nel 2022 e cedere il passo ad una totale ristrutturazione dei campionati del mondo rally di supporto, con l’addio dalla competizione delle vetture Due Ruote Motrici. Ma questo è il futuro prossimo: il presente vede ai nastri di partenza la stagione 2021 del Mondiale Under, che partirà dagli asfalti del Rally di Croazia il prossimo 22-25 aprile per poi dipanarsi lungo altri quattro appuntamenti, e terminare in Spagna a novembre.

I premi in palio nello Junior WRC 2021

Vent’anni fa Sébastien Loeb e Daniel Elena conquistarono il titolo Junior WRC dando inizio ad una carriera di successi che hanno fatto la storia dei rally, sino all’improvvisa e clamorosa recente separazione tra i due; quest’anno otto equipaggi lotteranno per la vittoria finale a bordo delle Ford Fiesta Rally4 di M-Sport Poland gommate Pirelli, con in palio per il campione Junior la possibilità di scegliere tra un programma ad iscrizione gratuita nel WRC3 2022, con cinque gare senza costi di accesso e il tutto con la Fiesta Rally2 di M-Sport e 200 pneumatici Pirelli a disposizione, oppure la possibilità di partecipare a cinque appuntamenti totalmente spesati sempre nel Mondiale di supporto con la nuova Fiesta Rally3.

Ma vediamo quindi chi sono gli equipaggi in gara nello Junior WRC 2021.

Gli equipaggi iscritti nello Junior WRC 2021

Il lettone Martins Sesks arriva dalle esperienze nell’ERC, con il 2018 che resta per ora il suo anno più vincente dove ottenne il titolo ERC3 ed ERC Junior Under 27, e già che c’era pure quello nazionale lettone Junior.  Ma soprattutto è il vicecampione uscente dello Junior WRC, con tanto di vittoria di categoria al Rally Estonia. Questo sarà il suo terzo anno programmato nella competizione Under, e dopo aver iniziato ad accumulare esperienza nel 2019 (chiuse decimo) ed essersi avvicinato al titolo nel 2020, in questa stagione proverà a chiudere i conti assieme al navigatore Renars Francis

Sami Pajari ha solo 19 anni (Sesks 21) ma ha già alle spalle quattro anni nei rally, mentre lo scorso anno si classificò terzo nello Junior WRC, dando prova di essere un interessante contendente conquistando 19 prove speciali in tutta la stagione. Il miglior rookie del 2020 troverà al suo fianco Marko Salminen, che ha guidato tra gli altri piloti come Takamoto Katsuta, Teemu Suninen, Teemu Asunmaa e pure Valtteri Bottas nelle sue incursioni nei rally. «Mi sento più fiducioso ora, conosco la vettura e sono a mio agio, anche la maggior parte dei piloti del nostro campionato sono allo stesso livello», ha dichiarato Pajari.

Tra gli altri piloti al via citiamo Robert Virves (con Sander Pruul), estone classe 2000 che abbiamo visto di recente anche al Rally Il Ciocco, e che sempre in Italia si preparerà al Rallye Sanremo della prossima settimana in vista della Croazia. Vanta una partecipazione in gara allo Junior WRC, conquistando il terzo posto di categoria al Rally Estonia: quest’anno sarà uno degli outsider da tenere d’occhio, per vedere come crescerà nel suo percorso. Poi il finlandese Lauri Joona, nato nel 1996 e tra i giovani del suo Paese che cerca l’ascesa in una disciplina popolarissima tra i finnici, dopo aver vinto il campionato Junior in Finlandia ed aver ottenuto il premio Flying Finn Future Star, che speriamo sia beneaugurante per il suo futuro; al suo fianco il navigatore Ari Koponen.

Ancora, nello Junior WRC 2021 ci sarà anche un veterano della competizione come Raul Badiu, al suo quarto anno nel Mondiale Under e già campione Junior in Romania, con Rares Fetean che debutta come suo lettore di note; il 26enne Jon Armstrong (con Phil Hall), che rispetto agli altri proviene dal mondo degli eSport vincendone il titolo WRC virtuale nel 2018 (avessi detto), ma che al tempo stesso si è fatto le ossa nei rally della realtà, Mondiale compreso (nono posto nel WRC2 al Rally di Catalogna 2017); il pluricampione slovacco Martin Koči, le cui prime apparizioni nello Junior WRC risalgono al 2013 e prima ancora nell’antenato WRC Academy, e fu secondo nel 2016 dietro a Simone Tempestini (si trattò della sua ultima apparizione nel campionato di categoria, dove torna quest’anno con al fianco Petr Těšínský) ed infine l’esordiente William Creighton (con Liam Regan), che prima di quest’anno ha disputato appuntamenti nei confini del Regno Unito.

“Abbiamo alcune celebrazioni speciali in programma per il ventennale dello Junior WRC”

«La line-up dei piloti di quest’anno porterà ancora più entusiasmo al nostro campionato, un modo fantastico per celebrare il nostro 20esimo anno», si sbilancia il FIA Junior WRC Championship Manager Maciej Woda. «Abbiamo i contendenti al campionato dell’anno scorso che si scontrano con contendenti  degli anni passati e altri dai vari campionati Junior. Normalmente è abbastanza chiaro chi siano i nostri più forti concorrenti quando accedono al primo round del campionato, ma quest’anno non è così. Per gli equipaggi di quest’anno è stato particolarmente difficile mettere insieme il sostegno per entrare nel campionato, hanno tutti lavorato molto duramente per arrivare a questo punto e voglio cogliere l’occasione per riconoscere il loro impegno. È un privilegio davvero speciale organizzare il FIA Junior WRC Championship nel suo 20esimo anniversario, abbiamo alcune celebrazioni speciali programmate per la fine dell’anno – annuncia Woda – e non vedo l’ora di condividere maggiori dettagli».

 

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati