WRC | Il percorso del Rally Italia Sardegna 2019, tra conferme e il ritorno del CIR

Ufficializzato il percorso

Poche novità e molte certezze per il Rally Italia Sardegna 2019: ecco il percorso reso ufficiale oggi e le prove trasmesse in diretta
WRC | Il percorso del Rally Italia Sardegna 2019, tra conferme e il ritorno del CIR

Squadra che vince non si cambia: è evidentemente questo lo spirito che ha animato gli organizzatori del Rally Italia Sardegna nel definire il programma di gara del 2019, che in buona sostanza rispecchia quello della stagione precedente, molto apprezzato dagli appassionati ed addetti ai lavori.

Il CIR ritorna nel Rally Italia Sardegna

Saranno 19 in tutto le prove speciali della sedicesima edizione della tappa italiana del WRC, che quest’anno varrà anche per il Campionato Italiano Rally, il Tricolore Junior e quello Terra. Per il sesto anno consecutivo l’evento, che si terrà dal 13 al 16 giugno, avrà come fulcro la città di Alghero, l’enclave catalana che ospita la prova del Mondiale Rally a partire dal 2014, anno del trasferimento da Olbia alla Riviera del Corallo. Anni in cui il programma WRC si intrecciava proprio con il CIR e che nel 2019 vedrà calare nuovamente nella ciudad e sui percorsi del nord Sardegna sia gli equipaggi mondiali che quelli nazionali, che correranno alla pari dei loro colleghi terraioli impegnati nel Tricolore per il format di Gara 1 e Gara 2, come avveniva qualche anno fa (anche se Simone Campedelli ci ha rivelato che questa soluzione potrebbe essere rischiosa, mentre Paolo Andreucci, che però non sarà al via del CIR 2019, ha parlato di «ritorno che infonde prestigio al Campionato»).

Il percorso del Rally Italia Sardegna 2019

L’ottavo appuntamento del WRC 2019 ha superato l’anno scorso l’esame di maturità, regalando una sfida al cardiopalma ed incertissima tra Sébastien Ogier e Thierry Neuville, vinta poi da quest’ultimo. Merito anche di un percorso (disegnato come sempre da Tiziano Siviero) che come abbiamo detto ha messo d’accordo un po’ tutti, coniugando spettacolo e livello tecnico. Di conseguenza, riecco anche quest’anno le prove speciali che hanno fatto la storia del Rally Italia Sardegna, compresi gli ultimi sei anni sulla costa ovest della Sardegna.

Alghero si prepara a riaccogliere il circus del WRC confermando quindi il quartier generale al complesso del Lu Qualté (sede dell’organizzazione e della sala stampa dal 2015, subentrando al più periferico Quarté Sayàl), in pieno centro e ad un tiro di schioppo dal porto, in cui avrà sede come è avvenuto da sei anni a questa parte il Parco Assistenza, tra le ramblas progettate dall’architetto catalano Joan Busquets e il Piazzale della Pace.

Si comincia giovedì 13 giugno alle 9, con lo shakedown di Olmedo, paese vicino ad Alghero, da 3,84 km: proprio questo prologo del Rally Italia Sardegna presenterà una delle poche novità del 2019, ovvero lo start fissato dalla miniera di bauxite nelle vicinanze. Alle 17 la prima PS di Ittiri Arena da 2 km, altro classico degli ultimi tempi.
Venerdì 14 giugno altre speciali che fanno parte dell’identità del RIS, come Tula (22,28 km), Castelsardo (14,69 km), Tergu-Osilo (14,14 km) e Monte Baranta (10,90 km), da ripetere due volte, per un totale quindi di 8 prove speciali e 124,02 km di velocità.
Sabato la giornata più lunga del lotto, con 144,98 km da percorrere contro le lancette: Coiluna-Loelle (14,97 km), Monti di Alà (28,44 km) e Monte Lerno (29,08 km), altre PS simbolo del Rally Italia Sardegna (nel 2014 le ultime due furono unite per creare una speciale monstre di quasi 60 km!), da ripetere due volte.
Chiusura domenica con gli ultimi 42,04 km cronometrati spartiti tra due prove da correre due volte, ovvero Cala Flumini (14,06 km) e la Sassari-Argentiera (6,96 km), che nel secondo giro varrà come consueta Power Stage. In tutto saranno 313,04 i chilometri competitivi quest’anno. Gran finale al Porto di Alghero (sperando che la canicola non sia implacabile come negli anni scorsi), con tanto di ormai iconico tuffo dei vincitori nelle acque antistanti.

Le dirette del Rally Italia Sardegna 2019 e la convenzione con Grimaldi

Se l’anno scorso la programmazione tv è stata imponente, anche nel 2019 si mira alla massima copertura, con la novità di DAZN che come sappiamo detiene i diritti di trasmissione del WRC, oltre all’altro servizio on demand, streaming ed a pagamento, del canale ufficiale WRC + All Live. Anche la tv in chiaro farà la sua parte con Rai Sport e, presumibilmente, Sportitalia.
Le prove speciali previste per la diretta saranno l’Ittiri Arena di giovedì alle 17 in punto, i due giri della Coiluna-Loelle alle ore 8:08 e 16:08 di sabato e, come abbiamo accennato, la Sassari-Argentiera di domenica, alle ore 9:08 e 12:18.

Forte del riconoscimento internazionale, tra cui il primato nel ranking WRC per quanto riguarda le trasmissioni worldwide, con ottimi ascolti, ed il prestigioso FIA Action Environment per i risultati conseguiti sul fronte della sostenibilità ambientale, il Rally Italia Sardegna ogni anno rinnova il suo appuntamento nonostante abbia dovuto far fronte negli ultimi anni a polemiche pretestuose, burocrazia e difficoltà logistiche (oltre agli ultimi rumors che vedrebbero nel 2020 la cancellazione delle tappe italiane, francesi e tedesche dal Mondiale Rally per far posto ad appuntamenti in Paesi fuori Europa).

A tal proposito una voce non confermata dava un importante costruttore, impegnato nel WRC, piuttosto seccato per le complessità legate a dover raggiungere l’isola e il presunto poco pubblico nel parco assistenza. Vera o meno questa voce, c’è da dire che comunque la Sardegna non se la passa proprio benissimo in fatto di collegamenti (ma è un problema che riguarda le istituzioni politiche, non quelle sportive): ecco perché, anche alla luce che quest’anno i partecipanti dei campionati nazionali muoveranno un’ulteriore massa di persone ed appassionati, ACI Sport ha deciso di rinnovare l’accordo con Grimaldi Lines, in modo tale che si possano fissare dei prezzi agevolati per raggiungere l’isola con le navi della compagnia (su www.rallyitaliasardegna.com tutte le info).

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati