Rissa a Lonato al Campionato Mondiale Kart, la FIA sanziona Luca Corberi: 15 anni di sospensione

Ecco la decisione del Tribunale Internazionale

Luca Corberi, protagonista di una rissa dentro e fuori dalla pista nel Campionato Mondiale Kart della classe KZ lo scorso ottobre, è stato sospeso per 15 anni dalle competizioni.
Rissa a Lonato al Campionato Mondiale Kart, la FIA sanziona Luca Corberi: 15 anni di sospensione

La FIA ha preso una decisione per Luca Corberi e la rissa avvenuta sei mesi fa a Lonato, in occasione del FIA KZ Karting World Championship. Il pilota italiano, allora ufficiale di Tony Kart Racing Team, è stato sospeso per ben 15 anni da qualsiasi campionato motoristico sanzionato dalla Federazione.

In breve, cosa era successo a Lonato?

Vi ricordate quanto successo al South Garda Karting lo scorso 4 ottobre? Durante la Finale della classe KZ, Corberi era entrato a contatto con Paolo Ippolito nella prima e velocissima curva del circuito bresciano per poi finire violentemente contro le barriere esterne. Impossibilitato a ritornare in corsa, Corberi ha staccato il musetto anteriore – da sottolineare che è facile toglierlo essendo anche molto leggero – e ha atteso un giro a bordo prima (e in un punto pericolosissimo) prima di scagliarlo contro il rivale di CRG ma colpendo invece un altro pilota. Poi, in parco chiuso, Corberi ha caricato fisicamente Ippolito e il padre Marco (proprietario anche dell’impianto) ha emulato quanto ha fatto il figlio. Purtroppo i video della rissa hanno fatto il giro del mondo, mettendo sotto una cattiva luce il panorama karting al quale, invece, abbiamo voluto rispettosamente – non coprendolo abitualmente – sottolineare gli aspetti positivi.

La decisione finale della FIA sul caso

Però, ora c’è da riportare la decisione presa dalla FIA nel corso della giornata di ieri e attraverso il Tribunale Sportivo Internazionale. Oltre alla squalifica dall’evento – anche Ippolito era stato squalificato in finale per l’incidente –, a Luca Corberi è stato posto un divieto di 15 anni in ogni disciplina sanzionata dalla Federazione, anche un ruolo che lo coinvolga direttamente o indirettamente a qualsiasi titolo e compresi gli allenamenti ufficiali organizzati dai titolari di licenza. Corberi potrà ricorrere in appello entro 7 giorni, ma difficilmente verrà cambiata la decisione finale.

Qui potete trovare la decisione completa.

Leggi altri articoli in Notizie

Commenti chiusi

Articoli correlati