WRC | Rally Italia Sardegna, Oliver Solberg: “Continueremo ad andare forte, tutto può succedere”

Breve intervista ad Oliver Solberg

Oliver Solberg ci ha concesso qualche veloce battuta a margine del suo attuale impegno al Rally Italia Sardegna 2020, dove lotta per la vittoria nel WRC3
WRC | Rally Italia Sardegna, Oliver Solberg: “Continueremo ad andare forte, tutto può succedere”

DA ALGHERO – Senza far torto a nessuno, ma tra i protagonisti più attesi al Rally Italia Sardegna 2020 annoveriamo sicuramente Oliver Solberg, impegnato in questa stagione in due fronti internazionali: il campionato ERC, dove attualmente è in scia al leader del campionato europeo Alexey Lukyanuk ed in lotta per il titolo (oltre ad aver vinto per il secondo anno consecutivo il Rally Liepāja), e nel WRC3 dove ha sino ad oggi ottenuto un successo di categoria al Rally Estonia.

Al suo debutto nella tappa isolana del Mondiale il giovane figlio d’arte stava andando sino a stamattina alla grande, per poi subire una foratura che lo ha fatto recedere dalla vetta del WRC3. Al suo ritorno sulla Skoda Fabia Rally2 Evo con cui ha corso l’ultima volta nel 2020 al Rally di Svezia, il pilota guidato alle note da Aaron Johnston comunque è ancora in scia per la vittoria, visto il gap contenuto di 4,9 secondi dal nuovo leader dopo la PS10 Jari Huttunen. Con sei prove speciali al termine, abbiamo sentito Oliver Solberg per una rapida intervista (e grazie a mamma Pernilla per avercelo concesso).

Solberg: “Stiamo ancora sviluppando la Skoda Fabia Rally2”

Una vera e propria sfortuna quella di stamattina, ma questo è il rally. Comunque, i gap per il successo finale restano contenuti. Credi ancora nella vittoria?

«Dobbiamo continuare a spingere, sfortunatamente c’è stata quella foratura , ma le cose stanno così. Proviamo ad andare forte, e vedremo domani, ma sarà un pomeriggio interessante anche quello di oggi. Tutto può succedere, e non siamo molto lontani».

Torni con la Skoda Fabia Rally2, dove stai dimostrando un buon feeling nel tuo debutto sugli sterrati sardi. Avresti potuto dar prova della stessa velocità con la tua fidata Volkswagen Polo GTI R5?

«Sì, sicuramente, puoi andare molto forte con la Polo senza problemi. Ma stiamo ancora provando a sviluppare la Skoda, migliorandola sempre di più».

Quali sono le difficoltà più grandi che stai riscontrando al Rally Italia Sardegna, nonostante tu stia andando molto forte?

«La foratura sicuramente, perché è stata inaspettata, mentre le altre difficoltà sono le strade strette ed insidiose, perciò c’è da avere assolutamente cura della vettura».

Oliver Solberg in vista del Rally Ungheria nell’ERC

Parlando dell’ERC, il mese prossimo si torna a correre su asfalto al Rally Ungheria. Quanto ti sono stati utili gli errori e le esperienza accumulati nel precedente Rally Fafe Montelongo, sempre su cemento?

«Senza dubbio è stata una bella esperienza in vista dell’Ungheria con tutta quella pioggia e quel fango: avevamo una buona velocità, ma questa volta correremo con la Skoda, perciò sarà qualcosa di davvero nuovo per noi, visto che useremo la vettura per la prima volta su asfalto».

Il tuo avversario per il titolo Lukyanuk rischia di abbandonare il campionato per motivi di budget, cosa ne pensi?

«È un peccato, sarebbe bello avere una lotta vera e propria con lui, ma questa è comunque la vita. Spero comunque di avere una vera battaglia contro di lui per il titolo».

Sei apparso nella serie cult Gymkhana di Ken Block: la Sardegna potrebbe essere una location per i traversi e le esibizioni funamboliche di questo appuntamento molto amato dagli appassionati?

«Credo proprio di sì, la Sardegna è un posto fantastico, perciò perché no?».

“Non penso di tornare per ora nel rallycross, il rally è la mia priorità”

Ora sei concentrato nei rally, ma ti rivedremo un giorno fare delle nuove incursioni nel mondo rallycross?

«Forse, non saprei, al momento il rally è il mio impegno principale, ed è ciò che sognavo di fare. Perciò per ora no».

E magari lottare per il titolo WRC3…

«Vedremo, è una bella lotta, ne capiremo di più dopo il Rally Italia Sardegna». I margini non sono ampi per il titolo, ma Solberg ci ha abituato a stupirci nonostante la sua giovane età.

 

Tags
Leggi altri articoli in Interviste

Commenti chiusi

Articoli correlati