CIR

CIR | Campedelli conquista la Targa Florio e balza in vetta alla classifica

Secondo posto alla Targa Florio per Rossetti

Il duello tra Simone Campedelli e Luca Rossetti ha caratterizzato la Targa Florio 2019, vinta dal pilota di Orange1 Team M-Sport. Anche Crugnola sul podio
CIR | Campedelli conquista la Targa Florio e balza in vetta alla classifica

Simone Campedelli ce l’ha fatta: assieme alla sua copilota Tania Canton interrompe l’astinenza di vittorie che perdurava dal Rally di Roma Capitale del 2017 e conquista il successo alla 103esima Targa Florio.

La terza prova del Campionato Italiano Rally è stata all’insegna dei riscatti degli equipaggi sino a questo momento un passo indietro rispetto alle attese, e ci riferiamo non solo al duo Orange1 Team M-Sport ma anche al binomio su Citroen C3 R5, Luca Rossetti ed Eleonora Mori, secondi dietro Campedelli.

Il duello tra Campdelli e Rossetti

Entrambi gli equipaggi hanno compiuto una specie di staffetta, perché quello sulla vettura francese ha dominato la classifica assoluta in dieci delle prime undici PS in programma, cedendo poi la leadership nelle ultime sei a Campedelli e Canton. Il duo su Ford Fiesta R5 parte subito nel migliore dei modi vincendo la prova spettacolo di apertura, la Termini Imerese, ma nella PS2 hanno poi preso il sopravvento Rossetti e Mori.

Ma l’equipaggio su Fiesta R5 non si è lasciato scoraggiare, e si è mantenuto sempre saldo alle spalle degli avversari su Citroen, con un margine di ritardo che nella PS11 è arrivato a 2,7 secondi. Quasi una inezia, ma la situazione si ribalta nella speciale successiva: Rossetti infatti subisce un rallentamento per via di un problema di natura elettrica alla sua C3 R5, e Campedelli non si fa pregare e coglie la palla al balzo, portandosi al primo posto senza mollarlo sino alla fine.

La top ten della Targa Florio 2019

Alla fine, il cesenate vince mettendo a frutto esperienza, grinta, tenacia e pure un po’ di fortuna che ogni tanto non guasta, con un margine di 11,7 secondi su Rossetti. Terzo posto per un altro protagonista della Targa Florio 2019, ovvero Andrea Crugnola, guidato alle note da Pietro Ometto sulla Volkswagen Polo R5 della Gass Racing. Partito in maniera opaca da un sesto posto assoluto per poi guadagnare due posizioni, nella giornata di oggi il varesino si sblocca mettendo a referto i migliori tempi tra la PS10 e la PS13 (segno anche di un miglior feeling con la vettura).

Chi invece si lecca le ferite è l’ex leader della classifica CIR 2019, Giandomenico Basso. Il veterano che condivide l’abitacolo della Skoda Fabia R5 con Lorenzo Granai ha vissuto gare migliori, perché se è vero che la partenza è stata buona con il secondo tempo nella Termini Imerese, poi si vede costretto a salutare un podio praticamente certo per una toccata nella PS11 che lo ha rallentato. Quinto posto per Stefano Albertini con Danilo Fappani, anch’essi su Fabia R5, autori di un’ottima trasferta sulle Madonie, sesto per Rudy Michelini e Michele Perna (altra Skoda), settimo per Kevin Gilardoni e Corrado Bonato sulla Hyundai i20 R5 ed infine chiudono la top ten Marcello Razzini con Gian Maria Marcomini (Fabia R5), Antonio Rusce ed il campione della Targa Florio 2018 Marco Vozzo sulla Volkswagen Polo R5 ed Alessio Profeta con Sergio Raccuia (Fabia R5), decimi.

Nel Due Ruote Motrici arriva la tripletta di vittorie per gli inarrestabili Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella su Peugeot 208 R2, nonostante in questo giro Luca Panzani e Francesco Pinelli, su Ford Fiesta R2, avessero dato il massimo per infastidire il giovane equipaggio ufficiale del Leone, conquistando la testa tra la PS3 e PS6. La loro battaglia è stata talmente accesa e di qualità che Ciuffi si posiziona all’undicesimo posto assoluto, seguito da Panzani.
Infine il giovane Emanuele Rosso, dopo aver iniziato a dare prova di un buon talento nei primi due appuntamenti stagionali, conquista la vittoria con Andrea Ferrari nel CIR dedicato alle R1 e nel monomarca del Suzuki Rally Cup.

Per quanto riguarda le classifiche, nella assoluta Campedelli balza al primo posto sopravanzando Basso di tre punti; Michelini è sempre primo nell’Asfalto dove però vola Crugnola che si porta al secondo posto, a sole due lunghezze dall’avversario. Nel 2RM, ça va sans dire, Ciuffi è sempre primo, così come Ford tra i costruttori, a nove punti da Citroen.

CIR 2019, 103esima Targa Florio: classifica finale

1. Campedelli-Canton (Ford Fiesta St) in 1:29’11.7;

2. Rossetti-Mori (Citroen C3) a 11.7;

3. Crugnola-Ometto (Volkswagen Polo) a 12.7;

4. Basso-Granai (Skoda Fabia) a 48.0;

5. Albertini-Fappani (Skoda Fabia) a 59.9;

6.Michelini-Perna (Skoda Fabia) a 1’14.1;

7. Gilardoni-Bonato (Hyundai I20) a 2’43.1;

8. Razzini-Marcomini (Skoda Fabia) a 2’49.3;

9. Rusce-Vozzo (Volkswagen Polo) a 3’04.2;

10. Profeta-Raccuia (Skoda Fabia) a 7’56.7.

CIR 2019: classifiche aggiornate

CIR Assoluto: Campedelli 39; Basso 33; Rossetti 30; Breen 23; Crugnola 16; Michelini 13; Albertini 12;

CIR Asfalto: Michelini 32; Crugnola 30; Albertini 27; Rusce 21.

CIR 2RM: Ciuffi 45; Panzani 36; Perosino 21; Nicelli 20; Somaschini 17,5

CIR Costruttori: Ford 39; Citroen 30

Vota questo articolo
Tags
Leggi altri articoli in CIR

Commenti chiusi

Articoli correlati