WRC | Mikkelsen ribadisce il desiderio di correre con M-Sport nel 2022

L'autocandidatura di Mikkelsen

Senza che nessuno glielo abbia chiesto, Andreas Mikkelsen si propone (nuovamente) per un sedile in M-Sport nel WRC 2022
WRC | Mikkelsen ribadisce il desiderio di correre con M-Sport nel 2022

Da vecchio volpone del WRC, Andreas Mikkelsen ha le idee chiare sul team su cui puntare nel 2022, anno in cui si spalancherà l’era ibrida nel Mondiale Rally. Per il norvegese M-Sport è la squadra ideale dove competere dal prossimo anno, come ha rivelato su WRC.com (ribadendo un concetto già espresso nel recente passato).

Ecco perché Mikkelsen punta a M-Sport

Fresco di ritorno nel campionato dopo un 2020 che definire sabbatico è un po’ riduttivo, tra il ruolo di tester ufficiale per le gomme da rally Pirelli e una stagione conclusa correndo qualche appuntamento dell’ERC e all’ACI Rally Monza (vincendo, tra l’altro), il pilota attualmente impegnato nel WRC2 con Toksport WRT e la Skoda Fabia Rally2 Evo (conquistando la vittoria al Rallye di Monte Carlo ed il secondo posto nel successivo Arctic Rally Finland) sa che questo 2021 sarà una interlocuzione che lo divide dal ritorno ai piani alti del WRC, con un team ufficiale. Almeno, questo è ciò di cui è convinto e che va raccontando da tempo. E nel panorama delle tre squadre in gara nel Mondiale anche il prossimo anno, Mikkelsen opta per M-Sport, spiegando perché.

«M-Sport sarebbe davvero un buon posto dove trovarsi nel 2022. Guardando al passato, ci ricordiamo del 2017? Sembra che M-Sport sia sempre molto forte da subito, e forse gli altri costruttori con i budget più grandi hanno poi recuperato un po’. Voglio tornare nella massima categoria e, come ho detto, M-Sport è un ottimo posto dove stare». Il norvegese fa riferimento alla capacità di M-Sport di tirare fuori il meglio ad ogni introduzione di novità tecniche regolamentari nel campionato, come l’ingresso delle WRC Plus proprio nel 2017. La storia potrebbe ripetersi, mantenendo ovviamente le cautele del caso, con il team di Malcom Wilson e Richard Millener più lesto nel mettersi subito a lavoro sulle nuove Rally1 ibride, diventando i primi a testare la vettura che sarà in gara dal prossimo anno.

Mikkelsen si propone anche come sviluppatore per M-Sport

Auto che Mikkelsen, manco a dirlo, si offre per sviluppare, avendo «molta esperienza» al riguardo. «Ho lavorato molto con Skoda, Citroen, Hyundai e, ovviamente, Volkswagen. Ho lavorato allo sviluppo della Polo R WRC dal 2012, svolgendone gran parte con quella vettura», spiega l’attuale leader del WRC2, pronto per il Rally di Croazia del prossimo 22-25 aprile. «Una delle cose che ho imparato dallo sviluppo di vetture è che è necessario che l’auto funzioni in un ampio spettro di condizioni. Hai bisogno di un’auto abbastanza neutra e questo è quello che avevamo con la Polo, ed è per questo che ha funzionato così bene. Se hai una vettura che funziona al meglio solo in un certo insieme di condizioni, allora sarà dura».

 

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati