CIR

CIR | Rachele Somaschini conquista la Coppa ACI Sport Femminile 2021

Successo al debutto al Rally 1000 Miglia

Rachele Somaschini conquista per la seconda volta in carriera la Coppa ACI Sport Femminile, in questo caso con due gare d'anticipo
CIR | Rachele Somaschini conquista la Coppa ACI Sport Femminile 2021

È un momento d’oro per Rachele Somaschini, la pilota che ultimamente si sta togliendo non poche soddisfazioni. Come quella ottenuta al Rally 1000 Miglia, dove la giovane rallista con al proprio fianco Nicola Arena (in sostituzione di Giulia Zanchetta) ha condotto la Citroen C3 R5 verso il diciottesimo posto assoluto ma, soprattutto, in vetta alla classifica femminile. 

Seconda Coppa ACI Sport Femminile per Rachele Somaschini

Risultato già raggiunto al Rally Il Ciocco e alla Targa Florio, oltre che alla Terra Valle del Tevere e al Val d’Orcia, se parliamo di competizioni fuori dal Campionato Italiano Rally Sparco. Tornando al piazzamento sugli asfalti bresciani, grazie ad esso Rachele Somaschini ha conquistato in maniera matematica la Coppa ACI Sport Femminile, per la seconda volta nella sua carriera dopo il trionfo nel 2019 e battendo una temibile rivale come Patrizia Perosino, ferma in classifica a 55,5 punti da lei. Un verdetto arrivato con due gare di anticipo, lo stesso numero di appuntamenti in meno con cui altri due sue colleghi come Davide Nicelli e Simone Goldoni, sempre al 1000 Miglia, hanno conquistato rispettivamente il Clio Trophy Italia ed il Suzuki Rally Cup.

“In futuro cercherò di essere meno eccessivamente cauta”

Insomma, il terzultimo round del CIR Sparco ha portato in dote alcuni verdetti di questa stagione. Stagione che fino a qui è stata molto intensa e con alcune soddisfazioni di rilievo per la pilota entrata nell’orbita di ACI Team Italia, come il primo posto nella classifica europea ERC femminile al Rally di Roma Capitale. Somaschini ha così commentato il suo esordio (vincente) al Rally 1000 Miglia: «È stato difficile guidare su queste strade per la prima volta ma anche tanto divertente. Infatti nel secondo giro, dopo aver giocato un paio di jolly, ho cercato di tenere la testa salda e pensare a portare la macchina all’arrivo, per raggiungere il traguardo che mi ero prefissata. Mi sono resa conto che avere tanto margine di vantaggio mi ha condizionata troppo e, nella ripetizione delle prove, anziché spingere dove avrei potuto, tendevo a guidare in modo accorto, pur con qualche concessione allo show, per timore di compromettere il risultato ultimo, magari con un’uscita di strada. Questa cautela, che voglio imparare a ridimensionare per il futuro, ha influito sui riscontri cronometrici di gara, ma ci ha assicurato la vittoria in ottica di Campionato».

I prossimi impegni di Rachele Somaschini

La giovane pilota lombarda proseguirà ora con il suo impegno nel CIR Terra, di scena al Rally dei Nuraghi e del Vermentino questo fine settimana, e nel weekend successivo al Rally delle Azzorre, valido per l’ERC. Ad ottobre poi Rachele Somaschini affronterà un trattamento innovativo con dei farmaci sperimentali per curare la fibrosi cistica di cui è affetta dalla nascita, e che fronteggia anche tramite le iniziative del progetto #CorrerePerUnRespiro, assieme alla Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica.

La pilota di Cusano Milanino torna quindi sul suo recente successo, per poi passare ai ringraziamenti: «Aver acquisito questo titolo, per la seconda volta, è una grande soddisfazione, che desidero condividere con chi ha creduto in me, chi mi sostiene da sempre o anche solo da poco tempo, dandomi l’opportunità di crescere. Si aggiunge un altro tassello al disegno della mia vita e alle ambizioni del mio progetto #CorrerePerUnRespiro, destinato alla lotta contro la fibrosi cistica, che è la mia più forte motivazione nelle competizioni e non solo. Voglio ringraziare per questo risultato tutti i miei sponsor, ACI Team Italia e ACI Sport per il supporto e il grande lavoro dedicato alla visibilità del Campionato, Sportec Engineering per la preziosa assistenza e la mia famiglia che mi segue sempre. Un doveroso grazie anche a Giulia Zanchetta, mia navigatrice nell’inizio della stagione, costretta a fermarsi poi per un infortunio, e a Nicola Arena che mi sta a fianco con pazienza, facendo finta di rimproverarmi quando affronto un tornante di leva mentre si diverte un mondo, ma soprattutto grazie a tutti gli appassionati che, con un sostegno costante, danno significato ai miei sforzi».

Crediti Immagine di Copertina: ACI Sport

 

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in CIR

Commenti chiusi

Articoli correlati