FIA Motorsport Games | Salgono a 15 le discipline per la seconda edizione in Francia

Introdotti anche i rally

Aumentano le discipline che verranno incluse nella prossima edizione dei FIA Motorsport Games, ospitati a Marsiglia e a Le Castellet.
FIA Motorsport Games | Salgono a 15 le discipline per la seconda edizione in Francia

Un importante aumento delle discipline per i FIA Motorsport Games, che salgono da sei a quindici nella seconda edizione in programma dal prossimo 23-25 ottobre a Marsiglia e a Le Castellet. Novità assoluta i rally, che prenderanno una corposa importanza.

Tutti i dettagli sulle nuove discipline

Sono state confermate le sei discipline che hanno dato luogo all’edizione inaugurale di Vallelunga del 2019: GT, Touring Car, Formula 4, Drifting, Karting Slalom e Digital rimarranno nel pacchetto, con l’aggiunta di altre correlate quali la GT Sprint, con la GT Cup che diventerà la GT Sprint Relay. Come anticipato, i rally sono destinati a essere una parte importante dell’evento con ben quattro discipline separate tra di loro: le prime due si terranno su strade asfaltate con l’introduzione delle nuove Rally2 (le attuali R5) e Rally4. Anche le storiche saranno in scena con le Historic Rally e le Historic Regularity Rally. Dopo il buon successo del Karting Slalom riservati a coppie maschio-femmina con età pari o inferiore ai 16 anni, verranno affiancate le classi Karting Sprint e Karting Endurance. Altra aggiunta è la Crosscar: da capire se coinvolgerà le kartcross, ma quel che è certo è che si vedranno due gare separate per gli Junior e i Senior. Maggiori informazioni nei prossimi mesi.

Le parole di Jean Todt

«La combinazione tra un lungo adatto agli spettatori come il Paul Ricard e una vasta gamma di discipline poterà sicuramente uno spettacolo memorabile, incoraggiando più autorità sportive nazionali a competere», ha dichiarato Jean Todt, Presidente della FIA. «L’inclusione dei rally e dell’historic aggiungerà più varietà, mentre un’ulteriore attenzione alle discipline base susciteranno interesse tra i più giovani, che sono vitale per il futuro del nostro sport».

Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati