Ci lascia Sabine Schmitz, Regina del Nurburgring Nordschleife

A 51 anni dopo aver lottato contro il cancro

Sabine Schmitz si è spenta ieri a 51 anni. La Regina del Nurburgring lottava contro il cancro da ben quattro anni.
Ci lascia Sabine Schmitz, Regina del Nurburgring Nordschleife

Dopo una lunga battaglia con il cancro che durava da diverso tempo, si è spenta a 51 anni Sabine Schmitz. Considerata da tutti la Regina del Nürburgring Nordschleife, è stata la prima donna a vincere la 24 Ore nel 1996, oltre a diventare nota per il programma televisivo Top Gear.

Un terribile cancro si porta via Sabine Schmitz

Una triste notizia ha colpito tutta la comunità sportiva internazionale: Sabine Schmitz è morta ieri a seguito di un cancro contro il quale stava lottando dal 2017. A comunicarlo è stato Frikadelli Racing, il team fondato da lei e dal marito Klaus Abbelen e attivissimo nelle competizioni GT3 in Europa e partner di Porsche. Così si legge nella nota rilasciata sui social: «Sabine Schmitz (14.5.1969 – 16.3.2021) è morta ieri (martedì) dopo la sua coraggiosa lotta contro il cancro. Aveva 51 anni. Klaus Abbelen e tutti i parenti e gli amici sono profondamente rattristati da questa perdita incommensurabile». Nata ad Adenau e cresciuta a Nürburg, la sua carriera è legata indissolubilmente all’Inferno Verde, vincendo per la prima volta nel 1996 e ottenendo il bis l’anno successivo nella 24 Ore del Nürburgring. La ciliegina sulla torta arrivò nel 1998, diventando anche la prima donna a vincere il titolo del campionato VLN. In totale, la Schmitz – che ha ricoperto anche il ruolo di istruttore di guida – ha completato oltre 30.000 giri nel circuito tedesco. Tra il 2015 e il 2016 ha disputato come wild card anche un paio di appuntamenti nell’ex World Touring Car Championship proprio al Nürburgring, centrando anche la zona punti.

I messaggi da parte del Nurburgring e di Clarkson

«Il Nürburgring ha perso la pilotessa più famosa» ha scritto la pista sui propri social. «Sabine Schmitz è morta troppo presto dopo una lunga malattia. Ci mancherà lei e la sua allegria. Riposa in pace Sabine!». Anche Jeremy Clarkson, noto ex conduttore di Top Gear, è rimasto scioccato dalla notizia: «È un giorno triste. Sabine era una persona meravigliosa e allegra. Anche veloce».

Copyright foto: Frikadelli Racing via Twitter

Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati