WRC 2022, i primi test per le ibride partiranno da gennaio 2021. M-Sport sostituirà la Fiesta con il Ford Puma?

Continua l'avvicinamento al WRC 2022

In vista della rivoluzione ibrida del WRC 2022, i team inizieranno i primi test con le nuove specifiche dal prossimo gennaio. Intanto M-Sport potrebbe correre tra due anni con il Ford Puma Rally1
WRC 2022, i primi test per le ibride partiranno da gennaio 2021. M-Sport sostituirà la Fiesta con il Ford Puma?

Stabilito il fornitore unico per la tecnologia ibrida che entrerà a regime dal WRC 2022 (ovvero la tedesca Compact Dynamics), il cammino verso il nuovo e più sostenibile corso del Mondiale Rally procede verso nuove tappe: la prossima saranno i test della nuova classe Rally1.

Tempi più stretti per mettere a punto la tecnologia ibrida

Da gennaio 2021 infatti i team ufficiali potranno iniziare a provare le nuove vetture con la componentistica ibrida fornita da Compact Dynamics, ovvero propulsori e batterie, mentre già nel corso di questa stagione potranno testare le altre parti che secondo i nuovi regolamenti verranno sottoposti ad una rivisitazione, come la trasmissione, le sospensioni, dettagli aerodinamici e così via.

«È positivo che la decisione sia stata presa – ha spiegato a DirtFish Tom Fowler, direttore tecnico di Toyota Gazoo Racing – e qualsiasi ulteriore dibattito se questa decisione sia giusta o sbagliata non avrebbe senso». Tuttavia Fowler mette in guardia: «Penso sia giusto dire che ancora non sappiamo molto di Compact Dynamics. In questo momento possiamo tirarci indietro e fare qualcosa di proattivo verso il 2022. Se una cosa dipende dalle cure di altri ti senti più a tuo agio se sei coinvolto e puoi avere un ruolo in merito».

Secondo Richard Millener di M-Sport i mesi da qui alla fine dell’anno consentiranno di svolgere giusto il 40% del lavoro verso la svolta ibrida, «cosa che ci lascerebbe molto da fare nella prossima stagione. Oltre ai test preliminari, dovremmo verificare se non ci siano problemi o difetti e poi revisionare il nostro lavoro. È una deadline serrata, soprattutto se consideriamo che inizialmente avremmo dovuto avere 15 o 16 mesi di tempo per lavorare sulle nuove vetture». Ma comunque, «ce la faremo e la cosa positiva e che i team sono tutti insieme al lavoro adesso. Remiamo tutti nella stessa direzione», sostiene Millener.

Il futuro di M-Sport sarà il Ford Puma Rally1?

A proposito di M-Sport, sempre DirtFish rivela che la vettura da loro schierata dal WRC 2022 in poi dovrebbe essere basata sul Ford Puma, il Suv crossover EcoBoost che – dettaglio non ininfluente – è guarda caso ibrido. Da M-Sport non ci sono conferme al riguardo e si preferisce restare sul vago, ma pare comunque che la direzione sia già segnata e che il futuro nella competizioni WRC per il team di Malcom Wilson potrebbe essere seriamente nel segno del Ford Puma Rally1.

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati