“Le Mans ’66 – La grande sfida” candidato a 4 premi Oscar 2020

Anche come miglior film

“Le Mans ’66 – La grande sfida” ha ricevuto ben quattro nomination ai prossimi Oscar, tra cui anche nella categoria di miglior film.
“Le Mans ’66 – La grande sfida” candidato a 4 premi Oscar 2020

Dopo il successo internazionale (sia di critica, sia di incassi), “Le Mans ’66 – La grande sfida” di James Mangold è in corsa per gli Oscar 2020. Il film – che racconta la sfida tra Ford e Ferrari alla 24 Ore di Le Mans del 1966 e, più in particolare, della storia di Carroll Shelby e Ken Miles – ha ricevuto ben quattro nomination.

Gli altri canditati al premio di miglior film

Il panorama del motorsport torna finalmente sotto i riflettori nel cinema, con la pellicola candidata come miglior film, miglior montaggio, miglior sonoro e miglior montaggio sonoro. Se le ultime tre categorie erano scontate, non era lo stesso per la prima, la più ambita da tutti i registi. Non sarà facile perché ci sono delle opere altrettanto di successo: “1917” di Sam Mendes, “C’era una volta a… Hollywood” di Quentin Tarantino, “The Irishman” di Martin Scorsese, “Jojo Rabbit” di Taika Waititi, “Joker” di Todd Phillips, “Parasite” di Bong Joon-ho, “Piccole donne” di Greta Gerwig e “Storia di un matrimonio” di Noah Baumbach. Gli Academy Award saranno assegnati il prossimo 9 febbraio al Dolby Theatre di Hollywood e, nell’attesa, v’invitiamo a recuperare il film e la nostra recensione.

La storia (e i suoi interpreti) in breve

La storia si concentra più sul lato americano, dove i protagonisti saranno Carroll Shelby, storico pilota che vinse la maratona francese nel 1959 su Aston Martin e che progettò la vincente Ford GT40, e il leggendario Ken Miles, britannico ma naturalizzato statunitense che contribuì allo sviluppo del bolide della Casa dell’Ovale Blu. A interpretare i due ci saranno rispettivamente Matt Damon e Christian Bale, più Jon Bernthal nel ruolo di Lee Iacocca (uno dei dirigenti della Ford dei tempi) e Tracy Letts in quello di Henry Ford II.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati