FIA F2 | Correa sotto i ferri per 17 ore, operazione riuscita alla gamba destra

Aggiornamento delle condizioni di salute

Juan Manuel Correa ha parlato per la prima volta dopo l'incidente: "Grazie a tutti per l'affetto, ha fatto la differenza".
FIA F2 | Correa sotto i ferri per 17 ore, operazione riuscita alla gamba destra

Non si trova in una situazione facile Juan Manuel Correa, ancora in una clinica privata del Regno Unito dopo il terribile incidente di Spa-Francorchamps in Formula 2. Il pilota è stato sottoposto a un intervento chirurgico domenica scorsa, la cui operazione è durata ben 17 ore ma con esito positivo.

I dettagli dell’operazione

Potrebbe esserci un recupero completo per lo statunitense originario dell’Ecuador, che ha subìto dei gravi danni alle gambe e ai piedi nell’impatto letale per Anthoine Hubert. In una nota diramata sui propri social, i medici hanno dovuto risolvere alcuni problemi ai vasi sanguigni e rimuovere alcune schegge ossee, ma la parte più critica sarebbero stati i giorni successivi, in attesa di capire l’esito effettivo. Per ora sembrano esserci (finalmente) notizie positive, anche se Correa potrà uscire dall’ospedale fra sei settimane e con un anno intenso di riabilitazione, con l’incertezza di non poter più correre.

Le parole di Correa

«Queste ultime settimane sono state molto dure», ha scritto Correa, le prime parole dopo il weekend belga, «più dure di qualsiasi altra cosa che ho mai affrontato, sia fisicamente che mentalmente. Come obiettivo ho il recupero delle mie gambe, specialmente la destra, le cui condizioni sono incerte e la mia riabilitazione fisica sarà estremamente lunga e complicata. Tuttavia sto processando tutto quello che è successo e quello che succederà. Voglio ringraziare ogni persona che, in un modo o nell’altro, ha mostrato tutto il suo appoggio e mi sento molto onorato per l’immensa quantità di messaggi di affetto che ho ricevuto. Grazie a tutti dal profondo del mio cuore, e sappiate che i vostri incoraggiamenti hanno fatto la differenza».

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Formula 2

Commenti chiusi

Articoli correlati