Cosimo Barberini: i tre titoli consecutivi nel Trofeo Abarth Selenia e le prospettive per il 2019 [INTERVISTA]

Breve intervista a Cosimo Barberini

Dopo aver ottenuto il suo terzo successo di fila nel Trofeo Abarth Selenia, Cosimo Barberini ha fatto il punto sull'ultimo weekend al Mugello e sulla stagione trionfale. Inoltre ci ha parlato del suo futuro
Cosimo Barberini: i tre titoli consecutivi nel Trofeo Abarth Selenia e le prospettive per il 2019 [INTERVISTA]

Fresco di tripletta nel Trofeo Abarth Selenia, Cosimo Barberini conferma ancora una volta il suo feeling speciale con la competizione monomarca e soprattutto con la vettura spider in versione sportiva, la 695 Assetto Corse Evoluzione con cui mietuto successi sin dal primo round stagionale. Ma il percorso non è stato sempre sul velluto, anche nell’ultimo weekend al Mugello, come abbiamo approfondito con il diretto interessato.

“Ogni vittoria fa storia a sé ed è speciale”

Sì perché Cosimo Barberini ci ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo la conquista dell’hat trick nel Trofeo Abarth Selenia, dove ha vinto per tre anni consecutivi – 2016, 2017 ed, ovviamente, 2018. «La vittoria del campionato ha sempre un fascino diverso, anche se è il terzo che vinco consecutivamente non è mai la stessa cosa», ci ha confidato il giovane imprenditore toscano. Ma, come abbiamo accennato, la strada verso il successo è sempre una traiettoria in forte pendenza. «Quest’anno è stato molto combattuto a causa di due zero che ho fatto e di alcune penalità che mi hanno inflitto, e come tutti gli anni ci siamo giocati la vittoria nella prima gara dell’ultimo evento del campionato». L’anno scorso, per dire, l’imprenditore di Montaione che ha mosso i primi passi nel motorsport partendo dalla motocross, si è giocato proprio al Mugello e proprio all’ultimo round la vittoria finale con Juuso Pajuranta, il finlandese che anche quest’anno ha concluso secondo al Trofeo Abarth Selenia. Copione che quindi si è ripetuto anche quest’anno, ma non sono mancati i colpi di scena sotto la pioggia battente dei giorni scorsi: «Il weekend è andato benissimo, io e Juuso eravamo molto vicini con i tempi ma credo che a lui mancasse un po’ di passo gara. In Gara 1 grazie ad un sorpasso nel quinto giro alla Bucine sono riuscito a passare al comando e giungere primo al traguardo, vincendo così gara e campionato. Viste le condizioni meteo questo era l’obbiettivo che io ed il team ci eravamo prefissati: infatti Gara 2 è stata meno fortunata. Con l’inversione della griglia siamo partiti in ottava posizione e sotto safety car. Al quinto giro, mentre eravamo in rimonta, è andata in testacoda un pilota alla curva del Correntaio [si tratta di Michele Monetti, ndr] e io non sono riuscito ad evitarlo distruggendo così la mia Abarth», ricostruisce Barberini.

Ma come riesce a mantenersi costante su questi livelli e a dominare un campionato, lottando metro per metro, per tre anni consecutivi? «La costanza nel monomarca è molto difficile da ottenere – spiega Captain America, come è soprannominato lo Steve Rogers delle Abarth – perché è un mix di situazioni che sei obbligato a gestire proprio a causa delle vetture uguali ai concorrenti. Hai da tenere sotto controllo la pressione che possono metterti gli avversari, visto che il passo gara bene o male è sempre lo stesso, e devi avere una base di assetto che sia un buon punto di partenza in ogni pista; inoltre devi essere scarico di cervello e non avere pensieri oltre alla gara e devi avere ovviamente un gran team! Noi facciamo tutto in casa, dal trasporto della vettura ai meccanici, al team manager e ovviamente al pilota e quindi la soddisfazione di confermarsi per ben 3 volte di fila è doppia».

Il 2019 di Cosimo Barberini

Barberini lo abbiamo visto anche dividere il suo impegno nel TCR, sia nella serie italiana che in quella europea grazie al supporto di Top Run e NOS Racing (frutto di un accordo con Thunder-B e per volere del patron di NOS Massimo Poli), a bordo di una Subaru WRX TCR schierata a Monza, penultimo appuntamento della serie Europe. «Voglio ringraziare Top Run e Nos Racing per avermi fatto correre a Monza, e mio fratello Iacopo Barberini che è la persona che mi ha sempre supportato, oltre ad essere mio team manager. Grazie a lui ho iniziato a correre e che è anche grazie a lui se sono riuscito a vincere così tanto nel Trofeo», precisa il toscano. Ma quale sarà il suo futuro, già a partire dalla prossima stagione? «Il 2019 resta un punto interrogativo – ammette – Sicuramente sarò al volante di qualche vettura che correrà un campionato ACI o FIA. Stiamo ancora aspettando quelli che saranno i programmi Abarth se uscirà con una nuova auto. Ho avuto qualche esperienza in TCR sia nell’italiano che nell’europeo e questo potrebbe essere una possibile categoria futura. Ho fatto anche alcuni test in Nascar, in Lamborghini e adesso mi sto avvicinando anche al mondo Porsche, ma per ora non abbiamo ancora deciso quella che sarà la nostra prossima sfida».

Leggi altri articoli in Interviste

Commenti chiusi

Articoli correlati