Primo test completato per Dumas e la Volkswagen I.D. R Pikes Peak negli Stati Uniti

Continua la preparazione per la cronoscalata

Con tre settimane che precedono la Pikes Peak, Romain Dumas ha portato al termine la prima prova sulle difficili strade della corsa verso il cielo. La vettura elettrica di Volkswagen si è comportata perfettamente, dando degli ottimi segnali per la gara.
Primo test completato per Dumas e la Volkswagen I.D. R Pikes Peak negli Stati Uniti

«Le notizie dal Colorado sono molto positive: stiamo rispettando la tabella di marcia per la preparazione della I.D. R Pikes Peak e ora possiamo concentrarci sulla messa a punto»: così il direttore della Volkswagen Sven Smeets ha spiegato come sta procedendo l’avventura di Romain Dumas e la Volkswagen I.D. R Pikes Peak negli Stati Uniti.

La cronoscalata verso il cielo del Colorado e nota in tutto il mondo e la casa tedesca vuole riuscire a conquistarla grazie al suo bolide completamente elettrico, affidandolo all’esperto pilota francese che ha nel suo curriculum due vittorie alla 24 Ore di Le Mans con Audi e Porsche. Essendo una strada aperta al pubblico, la squadra ha potuto testare la vettura solamente per tre ore prima di lasciare spazio alle normali auto. In questa prova ci si è concentrati principalmente sulle sospensioni e sulle gomme, oltre all’utilizzo ottimale della batteria e del recupero di energia in franata. «Una gestione energetica perfetta è tra gli elementi chiave per conquistare il record nella categoria delle auto elettriche» – ha detto François-Xavier Demaison, Direttore Tecnico della Volkswagen Motorsport e responsabile del progetto I.D. R Pikes Peak – «Il primo test negli U.S.A. è andato bene. Questo dimostra che le nostre simulazioni al computer e i test di guida in Europa erano corretti».

«La I.D. R Pikes Peak è la migliore auto che abbia mai guidato su questa montagna» – ha affermato Dumas – «L’accelerazione e le velocità in curva sono davvero impressionanti e in aggiunta l’auto è anche molto immediata. Grazie alla trazione elettrica, non ho bisogno di cambiare marcia e posso così concentrarmi invece sulle traiettorie”, ha spiegato il francese. “Va da sé che ci siano sempre margini di miglioramento. Nei prossimi test di guida continueremo a lavorare sulla messa a punto. Conosco il tracciato della Pikes Peak come le mie tasche ma è la prima volta in cui guiderò un’auto elettrica. Sto imparando qualcosa di nuovo a ogni metro al volante della I.D. R Pikes Peak».

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati