WRC | Il trionfo di Mikkelsen al Rallye Monte Carlo su Skoda Fabia Rally2 Evo: “Ho ritrovato la sensazione di essere felice alla guida”

Ritorno alle scene con vittoria per Mikkelsen

Tornato a disputare una stagione completa dopo un anno più o meno sabbatico, Andreas Mikkelsen vince, anzi domina, il Rallye Monte Carlo 2021, 85 anni dopo il debutto di Skoda in questa gara
WRC | Il trionfo di Mikkelsen al Rallye Monte Carlo su Skoda Fabia Rally2 Evo: “Ho ritrovato la sensazione di essere felice alla guida”

Andreas Mikkelsen in queste settimane aveva messo in guardia sul fatto che il suo ritorno nel WRC, dalla porta di servizio del Mondiale, non era un modo per tenersi occupato ma per tornare a vincere, anzi stravincere, e consentirgli così di rimettere piede in un team ufficiale nel 2022. Al Rallye di Monte Carlo, primo appuntamento della stagione, il norvegese ha dato corso a quelle che, se le avesse dette qualcun altro, sarebbe suonate come dichiarazioni al limite della smargiassata.

Il dominio di Mikkelsen al Rallye Monte Carlo 2021

Il norvegese comincia il suo anno con Toksport WRT, che gli mette a disposizione la Skoda Fabia Rally2 Evo, centrando non solo la vittoria nel WRC2, ma una prestazione che potremmo definire superlativa: abbiamo parlato di totale simbiosi con la vettura, di talento e conoscenza della disciplina per niente appannata dall’anno sabbatico da cui arrivava (pur partecipando nel finale di stagione a due appuntamenti dell’ERC e uno del WRC, l’ACI Rally Monza), aiutato anche dalla conoscenza delle nuove gomme Pirelli, che lui ha sviluppato nel 2020 in veste di tester ufficiale, sebbene sulla Citroen C3 WRC. E così, mentre altri si demoralizzavano per un rally notoriamente imprevedibile ed insidioso nelle sue condizioni mutevoli, Mikkelsen e il suo copilota Ola Fløene (che sostituisce Anders Jaeger) si sono letteralmente goduti il Monte Carlo, conquistando una raffica di migliori tempi di categoria e, a parte un testacoda nell’ultima prova speciale, la Power Stage che è stata da loro comunque vinta nella categoria ottenendo il massimo dei punti (da quest’anno anche i piloti del Mondiale di supporto possono conquistare il punteggio extra), disputando una prova praticamente perfetta e sempre in testa, senza farsi impensierire dai rivali che non sono stati capaci di agguantarli.

Il norvegese ha fatto valere anche la propria esperienza, gestendo al meglio le gomme, ma il suo successo è dipeso anche dal buon lavoro di squadra in Toksport, come lo stesso ha riconosciuto alla fine: «Hanno fatto un lavoro fantastico, visto che si trattava di trovarsi in sintonia con i propri meccanici in modo che si potesse afferrare il loro feedback. Anche Ola ha fatto un lavoro fenomenale, dandomi sempre le note in tempo, un ottimo lavoro da parte sua. E dal team hanno svolto un lavoro perfetto sulla vettura, non mancava mai nulla, la Skoda era sempre al 100%. È stato davvero, davvero il weekend perfetto: massimo punteggio, punti massimi in Power Stage, siamo assolutamente felicissimi».

Mikkelsen punta anche a qualche gara su una vettura WRC

Mikkelsen ha poi spiegato: «Siamo partiti con un buon ritmo, senza spingere troppo dove mi sentivo a mio agio. Non mi sono mai sentito come se stessi spingendo forte. Ho commesso un errore nella Power Stage, non avevamo nessun apripista ma fortunatamente è andata bene […]. È bello avere la sensazione di essere felice quando guidi ed è passato un po’ di tempo dall’ultima volta che ho avuto quella sensazione. Ora non vedo l’ora di gareggiare sulla mia superficie preferita in Finlandia», riferendosi al prossimo appuntamento dell’Arctic Finland Rally, previsto a febbraio. «Non guido una Skoda su terreni morbidi da molto tempo, non vedo l’ora», conclude il norvegese, che ha ribadito il fatto di voler fare quanti più rally possibili soprattutto per evitare impreviste cancellazioni di appuntamenti a causa della pandemia, ed anche il desiderio di affiancare all’impegno principale nel WRC2 e nell’ERC anche qualche uscita su una World Rally Car, «di qualsiasi marchio essa sia».

Quarto posto per Bulacia 

Intanto Skoda festeggia il primo successo della Fabia Rally2 Evo fresca degli ultimi aggiornamenti, a 85 anni dalla prima partecipazione del marchio ceco al Rallye Monte Carlo (allora con la Popular Sport, a bordo della quale c’era l’equipaggio formato da Zdeněk Pohl e Jaroslav Hausman) e a tre anni dalla vittoria nel WRC2 in questo iconico appuntamento della Fabia R5, al tempo guidata da Jan Kopecký.

Per quanto riguarda invece Toksport WRT, al di là del successo di Mikkelsen la squadra ha ottenuto un quarto posto con Marco Bulacia, all’esordio a Monte Carlo: «Quando abbiamo stilato le note prima della partenza, non immaginavo quanto questo rally potesse essere difficile. Fortunatamente la Fabia Rally2 Evo rende la vita di un pilota molto più semplice in condizioni del genere», ha spiegato il giovane boliviano.

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati