FIA F2 | Latifi promosso dalla Williams in Formula 1

Al posto di Kubica

Nicholas Latifi correrà in Formula 1 con Williams assieme a George Russell, dopo aver lottato per il titolo in Formula 2 quest'anno.
FIA F2 | Latifi promosso dalla Williams in Formula 1

Arriva la prima – e, probabilmente, sarà anche l’unica – promozione di un pilota di Formula 2: Nicholas Latifi correrà con la Williams in Formula 1. Il pilota canadese, in forza alla DAMS e attualmente 2° in campionato, affiancherà George Russell nel 2020, prendendo il posto di Robert Kubica.

I dettagli dell’accordo

Quest’anno, Latifi ha svolto il ruolo di test driver per la squadra fondata da Sir Frank, conducendo diverse prove in pista e partecipando a sei sessioni di prove libere. Dopo l’addio annunciato di Kubica – che si è ampiamente lamentato delle condizioni in cui versa il team, attualmente ultimo nel Mondiale con appena un punto –, Latifi si è assicurato il posto. «Sono elettrizzato all’idea di diventare un pilota ufficiale nel 2020», ha dichiarato il canadese. «Mi è piaciuto lavorare con il team quest’anno, supportandolo nello sviluppo della vettura e aiutandolo ovunque, sia in pista che in fabbrica. Non vedo l’ora di continuare e sono felice di fare il mio debutto in Formula 1 in Australia». «Sono lieta di annunciare che Nicholas sarà un nostro pilota assieme a George nel 2020», ha aggiunto Claire Williams, figlia di Frank e Deputy Team Principal. «Siamo rimasti immensamente colpiti da ciò che ha ottenuto quest’anno in Formula 2, insieme al suo impegno per la squadra e il lavoro che ha svolto dietro le quinte».

Il passato di Latifi

C’è da ricordare che, in passato, Latifi è stato per due anni tester di Renault, passando poi alla Force India (ora Racing Point). In quattro stagioni e mezzo nella Formula 2 ha raccolto cinque vittorie, mentre negli anni trascorsi nella Formula 3 e nella World Serie by Renault 3.5 non si notano risultati di rilievo. Il padre Michael è uno degli investitori del McLaren Group, avendo lasciato oltre 200 milioni sterline nel 2018.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Formula 2

Commenti chiusi

Articoli correlati