IndyCar | Nuovo aeroscreen provato da Dixon e Power a Indianapolis

Arriveranno il prossimo anno

Scott Dixon e Will Power (in foto) hanno provato il nuovo aeroscreen sviluppato da Red Bull per l'IndyCar.
IndyCar | Nuovo aeroscreen provato da Dixon e Power a Indianapolis

Dopo aver annunciato la collaborazione con Red Bull, la IndyCar ha finalmente visto in azione il nuovo aeroscreen che verrà introdotto il prossimo anno. A Indianapolis, Scott Dixon e Will Power hanno svolto una sessione di test per alcuni riscontri.

Aeroscreen testato a Indianapolis

Prima di ieri, il privilegio di provare una nuova soluzione per la protezione del pilota sulle monoposto americane l’aveva avuto il solo Dixon, che aveva svolto qualche tornata sull’ovale di Phoenix con un simil-cupolino rigido e senza intelaiature. Quello che si è visto sul catino dell’Indiana è un aeroscreen completamente diverso e ingombrante, che incorpora sia gli elementi della prima variante Red Bull testata per la Formula 1, sia altri dell’Halo che è già spopolato in Europa e anche in Asia. Lo screen è laminato in policarbonato con un rivestimento antiriflesso all’interno e un elemento riscaldante anti appannamento. Inoltre, Dallara ha realizzato un sistema di raffreddamento all’interno dell’abitacolo, dopo che Dixon si era lamentato delle alte temperature nel test precedente.

Le parole di Power e Dixon

Esteticamente la soluzione non piace a tutti e snatura l’ideale di monoposto, ma i piloti hanno già dato un parere positivo. «La visuale va bene, non c’è nessun problema con insetti o altro che arriva sullo screen» ha detto Power. «Bisogna lavorare ancora su piccole cose, ma onestamente sono molto contento. È davvero un enorme passo avanti per la sicurezza. Penso che altre categorie seguiranno questo esempio». «Totalmente d’accordo», ha concluso Dixon, che ha spiegato anche cosa è cambiato rispetto alle prime versioni.

I prossimi test

I test non si fermano qui: lunedì prossimo, Simon Pagenaud e Ryan Hunter-Reay scenderanno in pista al Barber Motorsports Park per capire la fattibilità su un circuito stradale, mentre il 15 ottobre Dixon e Josef Newgarden si lanceranno su un breve ovale come Richmond, rientrato nel calendario della serie. In programma anche una quarta sessione sul tracciato breve di Sebring il 5 novembre, con protagonisti Sébastien Bourdais e James Hinchcliffe.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Formule

Commenti chiusi

Articoli correlati