Ferrari Challenge | I vincitori della prima giornata del round di Silverstone

Hladik, Nussbaumer, Grossmann e Froggatt dominano le loro classi

Ferrari Challenge - La prima giornata della Ferrari Challenge Cup si è conclusa: ecco chi ha dominato nelle classi del Trofeo Pirelli, Trofeo Pirelli Am e Coppa Shell del round di Silverstone
Ferrari Challenge | I vincitori della prima giornata del round di Silverstone

Si è conclusa la prima giornata del secondo appuntamento stagionale del Ferrari Challenge Europe, la serie monomarca nata nel 1993, riservata alle 488 Challenge, che nel programma prevede le competizioni delle categorie del Trofeo Pirelli, Trofeo Pirelli Am e Coppa Shell. Nel circuito di 5,891 km di Silverstone i primi acuti del secondo round sono stati del quartetto composto da Vladimir Hladik, Alexander Nussbaumer, Bjorn Grossmann e Chris Froggatt, ognuno nella propria classe. Vediamo nel dettaglio la giornata di gara di sabato.

La prima competizione di ieri, la Coppa Shell, è incominciata con l’ingresso della safety car, resasi necessaria per il diluvio che ha allagato la pista: inevitabile visto che il pilota americano Jean-Claude Saada, autore della pole position agguantata la mattina, ha sprecato il vantaggio della sua 488 Challenge con gomme fredde finendo in testacoda, dopo un contatto l’altra vettura del team Rossocorsa. Ne ha approfittato così un esperto del bagnato come Vladimir Hladik (Team Baron Service), il ceco già quinto nella Coppa Shell europea del 2016, che dopo che la safety car ha tolto il disturbo si è imposto in testa alla corsa ponendo dietro di sé Manuela Gostner (Ineco-MP Racing), Fons Scheltema (Kessel Racing) e Christophe Hurni (Team Zenith Sion-Lausanne). Questo gruppetto hanno provato ad alzare il ritmo cercando di mettere in difficoltà il battistrada, ma Hladik non ha mollato la propria posizione di testa, piazzando il record all’ultimo giro fermando le lancette a 2’25”829, pur venendo superato in pista da Agata Smolka.
All’ultimo giro si è deciso il podio, quando Scheltema, veterano del Ferrari Challenge con all’attivo 196 gare, ha colto l’occasione del doppiaggio di Smolka per superare la Gostner, che ha mantenuto saldo il suo terzo posto (e il primo podio di carriera per la bolzanina) dall’assalto dello svizzero Christophe Hurni.
Meno combattuta la Coppa Shell Am in cui Alexander Nussbaumer ha confermato la prima pole position in carriera con la 488 Challenge di Formula Racing, vincendo la gara della classe e non facendosi mancare anche il giro più veloce. Al secondo posto Ingvar Mattsson (Scuderia Autoropa), autore della vittoria in Gara 1 al precedente round del Mugello; terzo Giuseppe Ramelli con la 488 Challenge di Rossocorsa-Pellin Racing.
Veniamo poi al Trofeo Pirelli disputatosi nel pomeriggio, dove anche qui è stato necessario far intervenire la safety car, dietro la quale è partita una gara che ha visto Bjorn Grossmann (Octane 126) e Nicklas Nielsen (Formula Racing) che hanno ripetuto il precedente exploit del Mugello mettendo in fila gli avversari. Il tedesco l’ha spuntata sull’avversario danese, comandando dal primo all’ultimo giro, mentre Nielsen si può consolare con il giro più veloce ottenuto nel disperato tentativo di superare nel finale Grossman. Sul podio, per la quindicesima volta in carriera nel Ferrari Challenge, anche Enzo Potolicchio (Rossocorsa).
Infine concludiamo il bilancio di sabato con classe Pirelli Am, dove si è imposto l’attuale leader del campionato Chris Froggatt (Ferrari GB), che ha mantenuto la testa della corsa dopo aver superato allo start il connazionale nonché compagno di squadra Jack Brown. Terzo gradino del podio per Martin Nelson (Scuderia Autoropa).

La gara 2 si disputa oggi in due manche, ovvero alle 13.20 e alle 15.50 locali.

Leggi altri articoli in Monomarca

Commenti chiusi

Articoli correlati