WRX | Cambia ancora il calendario 2021: esce la Norvegia, ritorna il Portogallo

Si punta a riaprire al pubblico

Il calendario 2021 del Campionato del Mondo FIA Rallycross cambia ancora, posticipando la partenza ed accogliendo il ritorno del Portogallo: ecco perché queste modifiche
WRX | Cambia ancora il calendario 2021: esce la Norvegia, ritorna il Portogallo

In teoria il prossimo 12-13 giugno sarebbe dovuto partire dalla Norvegia il Campionato del Mondo FIA Rallycross 2021, che quest’anno a causa della pandemia avrà un carattere più europeo che mondiale visto che tutti i round si svolgeranno nel continente.

Il WRX punta a riaprire le porte al pubblico

Ed invece il calendario 2021 è stato rivisto e riscritto, a partire dal primo appuntamento stagionale di scena al World RX of Norway at Lånkebanen, non molto lontano dall’iconica (per la disciplina) Hell, che viene invece depennato, e con la partenza del campionato spostata di un mese. Arne Dirks, nominato da poco come direttore esecutivo del neonato Rallycross Promoter GmbH, la società che cura i diritti commerciali del WRX, ha spiegato: «Tutti noi stiamo notando il ​​trend positivo della pandemia in Europa mentre si va verso l’estate. Ecco perché, dopo aver mantenuto i contatti con i nostri principali stakeholder, abbiamo preso la decisione consapevole di ritardare l’inizio del Mondiale, nella speranza di poter aprire le porte ai fan in tutti i round possibili in sicurezza, e abbiamo [quindi] messo insieme quella che crediamo sia una miscela irresistibile di iconiche piste da rallycross e location all’avanguardia».

Come cambia il calendario WRX 2021

Quindi, considerando l’andamento delle campagne vaccinali ed il trend in discesa della pandemia in Europa, il WRX slitta a luglio, partendo da quello che era originariamente il terzo round in programma, ovvero il World RX di Spagna sul circuito di Barcellona, e che andrà invece ad aprire la serie come già avvenuto nel biennio 2017-2018. Tra fine luglio ed inizio agosto sarà la volta della Germania con il debutto del Nürburgring, inizialmente previsto nel 2020 e poi saltato a causa del Covid, valido come doppio appuntamento. Segue poi la Svezia con il round di Höljes a fine agosto, mentre la gara in Francia manterrà la propria data inizialmente fissata agli inizi di settembre. La sequenza di eventi poi continua a rispettare la scansione originaria, con Lettonia e Belgio. Si chiude poi a fine ottobre, con un ritardo rispetto al precedente calendario 2021 di due settimane, con il ritorno del World RX del Portogallo, sul circuito di Montalegre, che torna così nel WRX a tre anni dall’ultima apparizione.

«Poter confermare il ritorno di Montalegre, un circuito che è sempre stato uno dei preferiti dai fan e non manca mai di offrire un caloroso benvenuto al World RX, è una notizia fantastica per tutti gli interessati», ha concluso Dirks, «e anche se ovviamente siamo delusi di non poter gareggiare in Norvegia quest’anno a causa delle continue complicazioni legate alla pandemia, siamo sicuri che vedremo la tappa di Hell tornare di nuovo sul calendario in futuro, con il World RX che corre verso una nuova era brillante».

Oltre alla categoria regina delle RX1, nel Mondiale Rallycross vedremo in azione anche la già Supercars che si chiamerà European Rallycross RX1, inserita negli appuntamenti svedesi, francesi, lettoni e belgi del calendario. La ex European Super 1600, oggi RX3, si disputerà invece nella tappa della Spagna, poi Svezia, Francia, Belgio e Portogallo. Infine, la RX2 completamente elettrica avrà luogo in cinque eventi, esclusi quello di scena in Lettonia ed il Portogallo.

Campionato del Mondo FIA Rallycross, il nuovo calendario 2021

23-24 luglio: World RX of Spain
31 luglio – 1 agosto: World RX of Germany
20-22 agosto: World RX of Sweden
3-5 settembre: World RX of France
18-19 settembre: World RX of Latvia
9-10 ottobre: World RX of Belgium
23-24 ottobre: World RX of Portugal

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati