WRC | Arctic Rally Finland, si va verso le porte chiuse. Rallye Monte Carlo 2022 con base a Monaco?

Le ultime dai rally invernali

Si attende l'ufficialità, ma è plausibile che il secondo round del WRC 2021, l'Arctic Rally Finland, si svolga a porte chiuse. Intanto, si lavora per il Monte Carlo 2022
WRC | Arctic Rally Finland, si va verso le porte chiuse. Rallye Monte Carlo 2022 con base a Monaco?

Chiuso il Rallye di Monte Carlo e con esso il primo appuntamento del WRC 2021, si può voltare pagina pensando ai prossimi round, tirando un sospiro di sollievo per essere riusciti a mandare in porto la prima tappa del calendario in un periodo durissimo per quanto riguarda la pandemia.

Verso le porte chiuse per l’Arctic Rally Finland

La prossima fermata sarà l’Arctic Rally Finland, evento previsto per il fine settimana del 26-28 febbraio. La gara di stanza a Rovaniemi, nel Circolo Polare Artico, si svolgerà in una zona dove attualmente i contagi sono sotto controllo (sei casi ogni centomila abitanti a Rovaniemi, come riporta RallyeSport): ma dal momento che questo virus ci ha insegnato, o dovrebbe averci insegnato, che bisogna anticipare le sue mosse per non ritrovarci poi con una situazione fuori controllo, l’evento – riporta la testata locale Keskisuomalainen, in attesa di un comunicato ufficiale – si svolgerà a porte chiuse come il round nazionale che l’ha preceduto, il recente Arctic Lapland Rally. L’amministrazione della regione lappone, nel prendere questa decisione, ha soppesato gli eventuali spostamenti causati dal «turismo invernale da altre regioni confinanti con la Finlandia», come spiegano le autorità locali secondo le indiscrezioni di stampa.  Non a caso la stessa amministrazione ha deciso in questi giorni di prorogare le restrizioni agli eventi con oltre cinquanta persone sino alla fine di febbraio.

Monte Carlo 2022, da Gap a Monaco?

Tornando al Monte Carlo, conclusa una difficile 89esima edizione che celebrava i 110 anni di storia dell’evento, si guarda già al 2022 con qualche novità allo studio. Il primo atto della nuova era ibrida del WRC potrebbe fissare la propria base e il proprio fulcro nella zona di Monaco, e non più nella cittadina di Gap come avviene dal 2014 ad oggi. Lo spostamento della Alte Alpi alla Costa Azzurra e Alpi Marittime ha ricevuto una conferma preliminare dalla parole del commissario generale del Rallye, Christian Tornatore, che ha ammesso – riporta sempre RallyeSport – la volontà di rendere più protagonista il Principato, al momento solo sede in alcune occasioni della partenza, di qualche prova speciale nonché zona tradizionale di arrivo e premiazione finale. Quest’anno Monaco ha rappresentato l’area dell’ultima tappa con le quattro PS conclusive, ma se si darà corso a questo cambiamento, già ipotizzato in precedenza, ci potrebbero essere contestualmente delle novità per il percorso stesso della gara.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati