Il ritorno sulle scene di Rhys Yates, schierato da M-Sport nel British Rally Championship

Definita la stagione 2021 di Yates

Torna alle competizioni Rhys Yates, sempre con M-Sport, team che lo schiera come pilota di punta per il Campionato Britannico Rally
Il ritorno sulle scene di Rhys Yates, schierato da M-Sport nel British Rally Championship

Negli ultimi mesi avevamo perso un po’ di vista Rhys Yates, il giovane pilota britannico nell’orbita di M-Sport che lo scorso anno non andò oltre due partecipazioni nel WRC2 con la Ford Fiesta MkII R5, ovvero il Rallye di Monte Carlo e la Svezia. Poi arrivò la pandemia, che cancellò di netto anche il British Rally Championship, il campionato nazionale dove, prima dell’annullamento della stagione causa Covid, Yates era al momento terzo.

Gli ultimi eventi a cui ha preso parte Yates

Al di là della partecipazione ad eventi speciali come l’M-Sport Return to Rally Stages e il Goodwood Speedweek, il pilota classe 1992 negli ultimi tempi non ha preso parte ad alcuna gara (a parte quelle online), neanche alla ripartenza del WRC. Mondiale dal quale è assente anche in questo 2021, anche perché nel frattempo il team ha ristretto per motivi di budget la formazione schierata tra WRC e Mondiale di supporto. Almeno sino ad oggi, quando è arrivato l’annuncio che Yates che sarà schierato da M-Sport nel campionato nazionale britannico a bordo della Fiesta Rally2.

M-Sport punta a vincere il BRC con Yates

Campionato che partirà, se tutto va bene e non ci saranno altre cancellazioni e rinvii come accaduto anche nell’attuale stagione, a luglio con il Nicky Grist Stages. «Siamo molto felici di continuare a supportare Rhys nel 2021 e non vediamo l’ora di scoprire cosa ha in serbo per il British Rally Championship», ha dichiarato il team principal Richard Millener. «Sappiamo di cosa è capace Rhys e siamo rimasti colpiti dalle prestazioni e dagli sforzi che ha profuso nelle sue gare nel WRC2 e nel BRC l’anno scorso. Il BRC è un campionato molto importante per M-Sport, è una parte importante della nostra storia, che risale al 1979, quando correva Malcolm Wilson. Questo è il nostro campionato di casa, quindi vogliamo vincerlo con un promettente pilota britannico».

“Il rally è uno sport a livello mentale tra i più difficili al mondo”

Yes si è detto ovviamente «felice» di questo ingaggio, e ha spiegato: «Mi sento più pronto che mai in questa stagione e mi sento davvero a mio agio in auto. So che la competizione sarà dura con i veterani del BRC e un gruppo di piloti molto competitivo, ma penso che possiamo trovarci nelle prime posizioni lottando per la vittoria ed anche per il campionato». In una lunga intervista su The Checkered Flag, il britannico ha poi aggiunto: «Penso che il rally sia, mentalmente, uno degli sport più difficili al mondo. Non puoi comprare esperienza nei rally, ed è per questo che le persone che sono in giro da molto tempo di solito sono lì alla fine [delle gare, ndr]. I nuovi arrivati di solito sono un po’ più lenti e arrivano alla fine, come me, o semplicemente non ce la fanno mentalmente. […] Le prove speciali del Regno Unito sono le migliori al mondo. Sono così larghe, veloci, scorrevoli. Sono cresciuto con queste cose».

Crediti Immagine di Copertina: Twitter Rhys Yates

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati