Renault Clio Rally4 pronta per le gare: ottenuta l’omologazione FIA

Omologata la nuova Clio Rally4

Dopo mesi di lavoro, di test e la dimostrazione al Rallye Monte Carlo 2021, la Renault Clio Rally4 ha ottenuto l'omologazione da parte della FIA: le caratteristiche
Renault Clio Rally4 pronta per le gare: ottenuta l’omologazione FIA

Dopo la versione Rally5, la Renault Clio è pronta per le competizioni anche nella classe Rally4, quella che tu un tempo era nota come R2.

La Renault Clio Rally4 riceve l’omologazione

Presentata in occasione del Rallye di Monte Carlo dello scorso gennaio (come avvenne per la  controparte Rally5 nell’edizione 2020), dove l’abbiamo vista aprire la strada in qualità di vettura zero, la nuova nata della casa della Losanga per le competizioni rallistiche ha ottenuto l’omologazione FIA: il che significa che potrà da oggi poter gareggiare nei vari eventi e campionati nazionali ed internazionali.

Le caratteristiche della Renault Clio Rally4

La Clio Rally4 segue la nascita della Rally5, presentata assieme alle altre versioni Cup ed RX della Clio nel 2019 ed in corsa nelle competizioni l’anno dopo (incluso un trofeo monomarca dedicato, inserito da questa stagione nell’ERC). Il 2021 sarà invece la volta del gradino successivo nella scala piramidale ideata dalla FIA per soppiantare le vecchie classi, con la Rally4 della casa francese che basa la propria carrozzeria sul modello della Clio R.S. Line e componenti come la culla motore, la pedaliera, la colonna dello sterzo e i sedili avvolgenti Sabelt mutuati dalla Rally5, a norma di regolamento tecnico che disciplina entrambe le classi. Ma se quest’ultima poneva l’enfasi sulla natura accessibile dell’auto, adatta a chi inizia ad ambientarsi nella disciplina, la Rally4 fa un ulteriore passo avanti, mettendo l’accento sulle prestazioni.

Il motore è un 4 cilindri TCe 16 valvole da 1330 cm3 da 215 cv (180 quelli della Rally5), con coppia da 350 Nm ed un regime massimo di 6.500 giri/minuto: il turbo è di nuova concezione, così come i pistoni e le bielle, mentre la vettura sul fronte dell’affidabilità può contare su freni da corsa PFC Brakes e gli ultimi ritrovati in fatto di ammortizzatori, con i nuovissimi BOS Suspension regolabili. La Clio Rally4 è frutto non solo del lavoro di tecnici ed ingegneri, ma anche di oltre 5.000 km di test partiti lo scorso anno, terminato il primo lockdown, e che hanno visto coinvolti piloti del calibro di Stéphane Sarrazin (prossimo al debutto nell’Extreme E), Bryan Bouffier, Manu Guigou e Jean-Sebastien Vigion.

La Renault Clio Rally4 è pronta per le consegne

Ora la nuova vettura rally di Renault è pronta per le consegne ai team clienti privati, segnatamente in Francia, Spagna ed anche Italia. Benoît Nogier, Direttore Commerciale Racing di Renault Sport Racing, ha commentato: «Questa omologazione premia l’incredibile lavoro svolto dai nostri team durante la progettazione e lo sviluppo della Clio Rally4. Siamo molto orgogliosi del prodotto che offriamo: un’auto progettata senza compromettere le prestazioni, la sicurezza e il divertimento su qualsiasi terreno. La Clio Rally4 ha un solo obiettivo: diventare il nuovo punto di riferimento della sua categoria. Risponde perfettamente alle specifiche che ci eravamo prefissati, come abbiamo visto nelle difficili prove speciali dell’ultimo Monte Carlo».

Sui prossimi passi da fare con la Renault Clio Rally4, Nogier ha poi spiegato: «Le nostre prossime scadenze riguardano ora le prime consegne e il suo debutto in gara questa primavera. Stiamo già lavorando ad alcuni progetti entusiasmanti che non vediamo l’ora di condividere con voi!».

Crediti Immagine di Copertina: Groupe Renault

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati