Nasce nel 2022 il Mondiale Cross Country FIA. Prima tappa la Dakar

Al via un nuovo Mondiale FIA

Dal 2022 nascerà il settimo campionato FIA di livello internazionale, ovvero il Mondiale Cross Country Rally, frutto di un accordo con ASO
Nasce nel 2022 il Mondiale Cross Country FIA. Prima tappa la Dakar

L’universo delle competizioni internazionali marchiate FIA si espande ed accoglie l’ingresso del Cross Country. Il Consiglio Mondiale del Motorsport ha infatti approvato di recente la promozione dell’attuale Coppa del Mondo FIA Cross Country a Mondiale di disciplina, e le novità non finiscono qui.

Il Mondiale Cross Country frutto dell’accordo tra FIA e ASO 

Amaury Sport Organisation, colossale ente che organizza e promuove campionati ed eventi dal ciclismo all’atletica, passando ovviamente per il motorsport, diventerà il promoter della serie: questo significa che una delle corse nel suo portafoglio, vale a dire la Dakar, aprirà il Mondiale Cross Country Rally 2022, che si aggiunge così agli altri sei campionati internazionali FIA, ovvero la Formula 1, la Formula E, il WEC di endurance e il WKC di karting sul fronte della pista, più il WRC e la recente acquisizione del World RX (Rallycross) sul fronte invece delle discipline rally ed affini. Il presidente della FIA Jean Todt ha commentato: «Sono lieto dell’esito di lunghe e fruttuose discussioni con l’ASO, che diventa promotrice del FIA World Rally Championship per il rally cross country, con un calendario che include la leggendaria Dakar». Il contratto tra FIA ed ASO per la gestione dei diritti commerciali e per la promozione sarà di cinque anni.

I primi dettagli sul Mondiale Cross Country FIA 

E saranno quasi certamente cinque gli appuntamenti della stagione che si aprirà nel 2022 dalla Dakar, con gli altri round che verranno annunciati prossimamente. Sul fronte dei regolamenti si sta lavorando per una armonizzazione per garantire anche equità per i concorrenti che si iscriveranno, mentre anche questa serie si aprirà via via alle energie alternative, come farà la Dakar che già dalla prossima stagione accoglierà un team come Audi che schiera un veicolo con powertrain elettrico, mentre nei prossimi anni la transizione ecologica della corsa andrà sempre più verso la mobilità sostenibile ed alternativa che dovrà diventare la norma entro il 2030. Per quanto riguarda le categorie in gara nel Mondiale Cross Country FIA, si va dalla T1 alla T4, coprendo quindi tutto lo spettro attuale sia per le auto che per i side by side, più la categoria T5 per i camion: inoltre, l’accordo tra FIA e ASO determina «un ulteriore sviluppo» per la T3 e T4, mentre verranno ufficializzate nuove regole FIA per la T5.

«In un momento in cui il cross-country sta subendo una trasformazione cruciale, la creazione di un Campionato del Mondo FIA è un’ottima notizia per lo sviluppo della nostra disciplina», ha commentato Yann Le Moënner, amministratore delegato di ASO. «In qualità di promoter esclusivo, ASO è orgogliosa di integrare la Dakar nel calendario del Campionato del Mondo FIA e lavorerà per promuovere gli eventi affinché le competenze tecniche delle case automobilistiche che prendono parte a questi rally in condizioni estreme possano essere valorizzate. Il Mondiale li accompagnerà in questa progressiva transizione verso le energie alternative, con la FIA che integrerà nel regolamento tecnico categorie e classifiche specifiche per queste nuove tecnologie».

Leggi altri articoli in Dakar

Commenti chiusi

Articoli correlati