IndyCar | Addio ad Al Unser Sr., quattro volte vincitore della Indy 500

All'età di 82 anni

Al Unser Sr., quattro volte vincitore della 500 Miglia di Indianapolis, ci ha lasciati ieri all'età di 82 anni, dopo una lunga lotta contro il cancro.
IndyCar | Addio ad Al Unser Sr., quattro volte vincitore della Indy 500

Si è spento giovedì mattina nella sua casa di Chama (Nuovo Messico), all’età di 82 anni, Al Unser Sr., una vera e propria leggenda della 500 Miglia di Indianapolis con le sue quattro vittorie. Da ben 17 anni impegnato in una battaglia con il cancro, la sua morte è stata annunciata da Doug Boles, presidente dell’Indianapolis Motor Speedway.

Le vittorie a Indianapolis di Al Unser Sr.

Una vera e propria carriera dedicata alle competizioni e alla Indy 500 quella di “Big Al”, con il primo start nell’edizione 1965 e l’ultimo nel 1993; nel mezzo, una pole position e quattro vittorie (1970, 1971, 1978, 1987), di cui l’ultima con una March-Cosworth di Penske Racing che lo incoronò come il più vecchio vincitore di sempre, alla “veneranda” età di 47 anni. La sua carriera nell’USAC e nella IndyCar vanta numeri da capogiro, come i titoli nel 1970, nel 1983 e nel 1985, oltre a 39 successi totali. Il ritiro arrivò nel 1994, quando non riuscì a qualificarsi alla 500 Miglia di Indianapolis di quell’anno: destino volle che quella gara la vinse suo figlio, Al Unser Jr.. «Sarà ricordato come uno dei migliori che abbia mai corso a Indianapolis e a tutti noi mancherà il suo sorriso, il suo senso dell’umorismo e la sua personalità calorosa e disponibile» ha detto Boles in una nota. «Un’icona e un eroe per i fan delle corse di tutto il mondo. Un membro storico e amato dalla famiglia dell’Indianapolis Motorsport Speedway. […] Godspeed, racer» ha cinguettato il profilo ufficiale del catino dell’Indiana su Twitter.

Terza tragedia nella famiglia Unser nel 2021

Un 2021 nefasto per la famiglia Unser. Il fratello maggiore di Al, Bobby, è morto lo scorso 2 maggio 2021, dopo aver vinto anche lui a Indianapolis in ben tre occasioni, oltre a 10 vittorie assolute alla Pikes Peak. Sei settimane dopo, il 13 giugno, è stato il turno di Bobby Unser Jr., figlio di Bobby e nipote di Al, dopo aver sviluppato dei coaguli di sangue a seguito di un intervento chirurgico all’anca.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Formule

Commenti chiusi

Articoli correlati