Formula E | Mercedes, dalle stalle alle stelle: la rivincita di Vandoorne a Roma

L'emozionante weekend dei tedeschi

Stoffel Vandoorne ottiene una vittoria in Gara 2 nell'ePrix di Roma della Formula E con Mercedes-Benz, anche se c'è del rammarico per Gara 1.
Formula E | Mercedes, dalle stalle alle stelle: la rivincita di Vandoorne a Roma

Una montagna russa di emozioni quella che ha vissuto il Mercedes-EQ Formula E Team nel weekend di Roma della Formula E. Arrivato come favorito, il team tedesco ha ottenuto una pole position e una vittoria con Stoffel Vandoorne, letteralmente passato dalle stalle alle stelle nel giro di 24 ore.

Vandoorne e quella doppia sfortuna in Gara 1

Spieghiamo il motivo di tale affermazione partendo dalle qualifiche del sabato. Vandoorne ha iniziato al meglio la propria giornata ottenendo la sua terza pole position in Formula E, mentre il suo compagno di squadra Nyck de Vries – in quel momento leader della classifica di campionato – si è qualificato 8°, 7° dopo la penalizzazione di Maximilian Günther. In Gara 1, Vandoorne è scattato benissimo dalla prima posizione ma André Lotterer ha azzardato subito un sorpasso al primo giro. Il belga, che forse ha anche chiuso troppo sul tedesco, è finito praticamente nella via di fuga e ha perso ogni chance di vittoria, ma non si è comunque arreso ed è risalito fino al 5° posto. Nel cercare di evitare un lento Lucas di Grassi, Vandoorne ha poi perso il controllo della sua monoposto sui caratteristici dossi del tracciato italiano, impattando contro il muro e coinvolgendo sfortunatamente anche de Vries: doppio KO per gli uomini di Mercedes.

Redenzione per Vandoorne in Gara 2

Ed ecco qui la rinascita di Mercedes: alla domenica, Vandoorne è partito dal 4° posto sulla griglia di partenza e, sfruttando al meglio l’errore del poleman Nick Cassidy e l’Attack Mode, il belga si è issato in testa e non l’ha più mollata fino alla bandiera a scacchi. Seconda vittoria in carriera per Vandoorne, evidente felice ed emozionato per aver raddrizzato la situazione. Tutto diverso per de Vries, uscito in qualifica nelle peggiori condizioni e quindi risultato solo 18°. Il nederlandese ha lottato per la top-10 ma, proprio nell’ultimo giro, ha completamente sbagliato la frenata e ha colpito violentemente Sam Bird.

“Una performance quasi perfetta”

Ian James, Team Principal del Mercedes-EQ Formula E Team, ha detto al termine di Gara 2: «L’ho già detto ieri: questa squadra ha dimostrato resilienza per tutto il weekend. Il team ha svolto un lavoro eccezionale lavorando fino a tarda notte per garantire che entrambe le nostre auto fossero riparate per la gara. Non è stato facile ma hanno fornito performance straordinarie e l’enorme mole di lavoro è stata risolta in tempo per le FP3. Dopo la dura giornata di ieri [sabato, ndr], abbiamo premuto il pulsante “reset” e ci siamo avvicinati a questa giornata come sempre. Non mi piace definire una prestazione dominante ma penso che quella di Stoffel possa essere definita quasi perfetta. È rimasto fuori dai guai nei primi giri di gara, per poi riuscire a lottare fino alla vetta. Nyck è stato, invece, di nuovo meno fortunato oggi».

Copyright foto: Mercedes-Benz

Leggi altri articoli in Formula E

Commenti chiusi

Articoli correlati