CIV al Mugello: i vincitori della quarta gara

CIV al Mugello: i vincitori della quarta gara

Davanti a una bella cornice di pubblico e in una giornata fresca e ventilata, all’autodromo del Mugello è andato in scena il round quattro del Campionato italiano Velocità. Tutte le gare sono state estremamente combattute e prive di incidenti di rilievo, con vittorie andate a: Riccardo Moretti (Aprilia – Ellegi Racing) nella 125 G.P.; Andrea Boscoscuro (Yamaha – team Riviera FCC) nella 600 Stock; Michele Pirro (Yamaha – Lorenzini by Leoni) nella 600 Super Sport; Stefano Cruciani (Ducati – Stop & Go Dunlop) nella Superstock 1000 e Norino Brignola (Ducati – Guandalini) nella Superbike.
125 G.P. – Moretti allo sprint Una grande volata con colpo di reni finale, di stampo ciclistico, permette al ravennate Riccardo Moretti di vincere la seconda gara tricolore e di incrementare ulteriormente il bottino in classifica generale. Dietro il portacolori del team Ellegi ha chiuso con soli 9  millesimi di ritardo il vincitore di Vallelunga Jakub Kornfeil (Aprilia). Il ceko ha preceduto il connazionale Karel Pesek (Aprilia), fratello minore del più noto Lukas e Luigi Marciano (Aprilia – Junior G.P. Racing Dream); sfortunato l’altro rappresentante del team ternano  Alessandro Tonucci, caduto nelle  battute finali dopo essere stato anche al comando della corsa.

600 Stock – Boscoscuro è il nuovo “squalo” Gara vietata ai deboli di cuore con sei piloti che si sono scambiati numerose volte le posizioni e che alla fine ha visto la meritata vittoria di Andrea Boscoscuro (Yamaha – team Riviera FCC) che di due  decimi ha preceduto Ferruccio Lamborghini (Yamaha – Media Action Pro Race) il quale di pochi millesimi ha regolato Fabio Massei (Yamaha), poi subito dopo sono finiti Roberto Tamburini (Yamaha – WCR Bike Service) e Jonatan Gallina (Kawasaki – Ram Racing team).

600 Super Sport – Pirro fa tris Michele Pirro (Yamaha – by Leoni) vince la terza gara consecutiva e fa un deciso passo verso il titolo della Super Sport. A dare una mano al pugliese anche la sfortuna che ha colpito Alessio Velini (Yamaha – VR team), costretto al ritiro a due giri al termine della corsa, quando era in testa, per un improvviso rallentamento, a causa di un problema elettrico e il conseguente urto con Pirro. Il pugliese ha proseguito andando a cogliere il successo davanti a Cristiano Migliorati (Kawasaki Puccetti Racing) e a un fantastico Mirko Giansanti (Triumph – Speed Shadows) capace di risalire dalla ventesima alla terza posizione. Quarto Simone Sanna (Honda – Velomotor) e quinto Alessandro Brannetti (Yamaha – WCR Bike Service).

Superstock 1000 – Cruciani raddoppia Stefano Cruciani (Ducati – Stop & Go Dunlop) dopo Vallelunga si aggiudica anche il round del Mugello e approfittando della contemporanea assenza dell’ex leader del torneo Domenico Colucci (Ducati – Barni Racing), a seguito del grave incidente nella gara iridata di Misano, si porta in testa al campionato. Dietro il marchigiano a pochi decimi, un arrembante Davide Giugliano tornato a correre il tricolore con la Suzuki del team Celani  e  Roberto Lacalendola che di un incollatura ha preceduto Danilo Petrucci (Yamaha – Piellemoto). Quinto Michele Magnoni.

Superbike – Brignola di forza Va a Norino Brignola (Ducati Guandalini) la tappa toscana del CIV che grazie a questa vittoria passa anche a condurre la classifica del campionato. Il romano è stato sempre nel gruppo di testa, fino a piazzare la zampata vincente a metà dell’ultimo giro, quando ha superato con una manovra decisa e altrettanto perfetta Matteo Baiocco (Ducati). Sul podio anche Marco Borciani (Ducati) che ha preceduto Lorenzo Mauri (Ducati – Barni Racing) e Ivan Clementi (Honda Grifo’s team by Emmebi).

Snap master is a useful tweak that will let you control what you want in the snapchat best phone tracker app using https://trackingapps.org app

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Motociclismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati