CIRT | Incidente per Paolo Andreucci, costretto al ritiro dal Rally Adriatico [VIDEO]

L'equipaggio sta bene

Brutta disavventura per Paolo Andreucci e Francesco Pinelli, protagonisti di un pauroso incidente con la loro Skoda al Rally Adriatico: entrambi sono fortunatamente illesi
CIRT | Incidente per Paolo Andreucci, costretto al ritiro dal Rally Adriatico [VIDEO]

Si sta disputando oggi la giornata di gara vera e propria del 28esimo Rally Adriatico, round d’apertura della stagione 2021 del Campionato Italiano Rally Terra, e già la prima prova speciale ha riservato un colpo di scena notevole.

L’incidente di Andreucci e Pinelli

Protagonista loro malgrado l’equipaggio formato da Paolo Andreucci e Francesco Pinelli, che debuttano su sterrato a bordo della Skoda Fabia Rally2 Evo gommata MRF e con il supporto del team M33 di Max Rendina. L’undici volte campione nazionale rally e secondo nel CIRT 2020, durante la Colognola 1, stava affrontando una stretta curva a sinistra quando la vettura si è sbilanciata sul lato destro, cappottandosi da una parte ed impattando su un terrapieno, che ha avuto un effetto di rimbalzo sulla Fabia ulteriormente ribaltatasi. Una dinamica che a vederla è stata spaventosa, ma fortunatamente l’equipaggio è uscito incolume.

Il rammarico di Andreucci

Certo, la gara di Andreucci e Pinelli finisce qui, con uno zero nel punteggio segnato per il Rally Adriatico: ma ripetiamo, entrambi stanno bene (la mente è andata all’incidente di tre anni fa che coinvolse Ucci e la sua copilota Anna Andreussi, durante un test estivo prima del Rally di Roma Capitale: tanta apprensione, ma fortunatamente la coppia si riprese da quel brutto sinistro), ed a scanso di retorica questa è la cosa più importante. Il pilota ha commentato, esprimendo il proprio rammarico: «Mi dispiace per MRF Tyres, per il team H Sport di Silvio Lazzara e per tutti i nostri partner. Purtroppo subito dopo un dosso ho perso la vettura finendo rovinosamente nel terrapieno. Nel corso dello shakedown avevamo avuto buoni riscontri cronometrici e anche nella prima prova, stando ai nostri riferimenti, stavamo andando molto bene. Peccato perché il nostro campionato inizia con uno stop: adesso dovremo impegnarci per recuperare il gap dagli avversari».

Per la cronaca, dopo le prime quattro prove speciali comanda in testa Umberto Scandola con Guido D’Amore sulla Hyundai i20 R5.

Crediti Video: Matteo Raggi – Video Brum Brum

Crediti Immagine di Copertina: ACI Sport

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati