WRC | M-Sport al lavoro per la vettura 2022 ibrida. Potrebbe essere il Ford Puma?

M-Sport tra il campionato 2021 e i progetti 2022

In parallelo all'attuale campionato, i team sono al lavoro anche per sviluppare le vetture 2022, che avranno nuove specifiche regolamentari e l'unità ibrida. Tra di essi anche M-Sport, che potrebbe pensionare la Ford Fiesta WRC
WRC | M-Sport al lavoro per la vettura 2022 ibrida. Potrebbe essere il Ford Puma?

La stagione 2021 per i team impegnati nel WRC porta con sé un doppio fronte di lavoro, con lo sviluppo delle nuove vetture per il prossimo anno (in cui debutteranno i nuovi regolamenti tecnici e le unità ibride a bordo delle auto Rally1) che corre in parallelo con l’impegno nell’attuale campionato. Come ha spiegato il direttore tecnico di Toyota Gazoo Racing, Tom Fowler, su DirtFish, «il bilanciamento delle risorse sull’auto del 2022 è una delle cose più difficili. Siamo team WRC, non di F1. Non siamo preparati ad imprimere una nuova evoluzione completa dell’auto o un enorme sviluppo ogni anno, in contemporanea con un telaio diverso per un nuovo regolamento. Ogni qualvolta che cambia il regolamento ci troviamo davanti un enorme picco nel carico di lavoro per tutta la squadra, e questo è difficile da bilanciare».

Nei prossimi mesi partiranno i test di M-Sport con la vettura 2022

C’è poi chi ha deciso di prendere atto di una situazione che al momento non consente certo la vittoria del Mondiale, sacrificando perciò questa stagione abbassandone le aspettative per puntare invece a sbancare nel 2022: è il caso di M-Sport, le cui ambizioni per il 2021 sono inversamente proporzionali per il 2022, considerata anche la partenza piuttosto deprimente nell’attuale campionato. Richard Millener, team principal della squadra, ha fatto il punto su Rallye-Magazin riguardo il lavoro condotto per lo sviluppo della nuova vettura, che prenderà il testimone dell’attuale Ford Fiesta WRC. Il team attende come gli altri loro rivali le unità ibride fornite in via esclusiva da Compact Dynamics, mentre sono ancora al lavoro per rifinire il telaio della nuovo vettura. «Penso che non cominceremo i test prima di maggio o giugno», ha ammesso Millener. Ricordiamo poi che le specifiche delle nuove auto saranno bloccate sino al 2026, mentre l’omologazione finale dovrebbe essere prevista per questa estate.

Riprende quota l’opzione Ford Puma per il 2022

Anche Millener, alla pari del capo di M-Sport Malcom Wilson, confida in una cambio di passo prestazionale il prossimo anno: «Ciò che conta è che nel 2022 saremo al via con una vettura competitiva. Se un altro top driver [forse Andreas Mikkelsen? ndr] si unirà a noi, torneremo nelle posizioni di vetta», spiega, asserendo inoltre che i test delle nuova unità ibrida e dei nuovi motori non avverranno «con i vecchi telai WRC», perché «non avrebbe alcun senso». Si vocifera sempre più insistentemente che, a dispetto da quanto trapelato lo scorso anno, il progetto di schierare il Ford Puma come vettura Rally1 dal 2022, soppiantando la Ford Fiesta, non sia stato del tutto accantonato, ma anzi pare che il marchio americano possa sfruttare il palcoscenico del WRC per mettere sotto i riflettori l’ultimo modello del Suv compatto lanciato nel 2019 (nel web spunta pure un ipotetico concept, come vediamo qui di seguito).

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati