WRC | Arctic Rally Finland 2021, svelati percorso e dettagli del programma

Ecco le prove speciali e gli altri dettagli

Sono stati diramati i dettagli dell'Arctic Rally Finland, secondo appuntamento del WRC 2021 di scena al Circolo Polare Artico. Temperature e condizioni rigide, un regolamento ad hoc e persino una incursione sulle slitte per gli equipaggi
WRC | Arctic Rally Finland 2021, svelati percorso e dettagli del programma

A poche settimane dal secondo appuntamento del WRC 2021, trapelano le prime informazioni dettagliate sull’Arctic Rally Finland, evento che ha sostituito il Rally di Svezia, cancellato causa complicanze legate alla pandemia.

I primi dettagli dell’Arctic Rally Finland 2021

Previsto dal 26 al 28 febbraio, l’appuntamento con base a Rovaniemi, in Lapponia, sarà un autentico evento invernale, giacché in questo periodo le temperature nella zona del Circolo Polare Artico possono raggiungere anche i meno 20 gradi come picco più basso. In teoria quindi dovrebbe essere scongiurato il pericolo di clima mite che lo scorso anno segò le gambe – e il chilometraggio – del Rally Svezia (non a caso allora si pensò di spostare la gara più a nord in occasione dell’edizione successiva). Sarà un round breve, con sole 10 prove speciali e 251,08 km cronometrati, ma intenso per le condizioni offerte, come abbiamo anticipato, e per il tipo di sfida.

Le attività collaterali dell’Arctic Rally Finland

Andiamo con ordine: anzitutto, visto la situazione globale in termini di pandemia e di varianti del virus che spuntano a macchia di leopardo, l’Arctic Rally Finland sarà a porte chiuse, come vi avevamo anticipato; questo però non significa che il programma per i nostri concorrenti non sia fitto, tutt’altro. Prima delle ricognizioni previste martedì 23 febbraio tutti gli equipaggi prioritari – ed altri che verranno appositamente selezionati – potranno usufruire di alcune attività collaterali, di quelle che di solito gli organizzatori di un rally mettono in piedi prima delle varie formalità per mostrare le peculiarità del luogo. Da quanto trapela, queste attività all’Arctic saranno una prova di kart sul ghiaccio, uscite con husky da slitta e probabilmente la possibilità di conoscere da vicino la città di Rovaniemi (diventata partener ufficiale della gara grazie ad un accordo di 300.000 euro siglato con gli organizzatori, e che prevede la pubblicità della cittadina durante l’evento) e il suo abitante più illustre, ovvero Babbo Natale, evidentemente disponibile essendo lavoratore stagionale. Si parla anche di una eventuale esperienza con una slitta trainata da renne, come scrive Rallit.fi. Il tutto ovviamente rispettando le norme di sicurezza sanitaria che stanno alla base ormai sia del nostro vivere quotidiano, che degli appuntamenti del WRC.

Il percorso di gara dell’Arctic Rally Finland 2021

Venerdì 26 febbraio si entra nel vivo con lo shakedown di Vennivaara, non molto lontano da Rovaniemi, previsto la mattina; nel tardo pomeriggio poi via alle prime due prove speciali, ovvero i due giri della Sarriojärvi da ben 31,05 km ciascuno, a nord-est dalla base del rally (che sfrutterà alcune PS già viste nell’Arctic Lapland Rally, appuntamento del campionato nazionale finnico che si è tenuto di recente, più altre da percorrere in senso inverso). Il secondo passaggio sarà in notturna: il tracciato corre nella zona del lago omonimo, con «tratti molto stretti oltre a numerose curve e incroci», come ha spiegato il vicedirettore di gara, Kari Nuutinen.

Sabato 27 ci sarà il cuore della gara con ben 144 km cronometrati: in programma sei prove speciali da ripetere ciascuna una seconda volta, a cominciare dalla Mustalampi da 24,43 km, con un tratto che corre lungo «una palude gelata» e zone condivise con una prova speciale nota ai piloti di casa, la Jyrhämäjärvi; si prosegue poi con la Kaihuavaara da 19,91 km, che godrà della diretta televisiva, ed infine la Siikakämä da 27,68 km, che ripropone nella zona forestale una PS dell’Arctic Lapland, ma in versione ridotta «di circa 15 km».

Infine domenica 28 si chiude con la Aittajärvi da 22,47 km, PS che nella seconda ripetizione varrà come Power Stage, e che propone «una prova leggendaria della Lapponia con una sezione che attraversa le fattorie di Niemelä», ha illustrato Nuutinen. «È difficile confrontarla con qualsiasi altra cosa e va vista per crederci». «Le prove speciali hanno in parte familiarità con l’Arctic Lapland Rally, che fa parte del campionato finlandese di rally», ha poi chiosato il videdirettore. «Tuttavia, alcune prove speciali saranno un po’ più brevi, il che è più adatto al format del Campionato del Mondo, e la tipologia delle prove è stata modificata per renderle più eque tra tutti i piloti».

Le particolarità del regolamento di gara

Solitamente gli appuntamenti del WRC propongono sfide uniche, difficilmente comparabili con gli altri round: questo concetto varrà più che mai per l’Arctic Rally («È probabile che le temperature oscillino tra -6 e -14 ° C durante la settimana del rally, ma possono scendere fino a -20 ° C; c’è anche molta neve, quindi le condizioni sono perfette per un rally invernale», ha spiegato Nuutinen), che per il tipo di condizioni davvero irripetibili rispetto al resto del calendario imporrà anche un regolamento di gara particolare. Infatti ogni auto iscritta dovrà avere a bordo un “kit di sopravvivenza” studiato per cavarsela in una condizione rigida e invernale: dall’attrezzatura per liberare la vettura in caso di inabissamento nelle neve (anche perché non si potrà contare sull’aiuto degli spettatori), all’abbigliamento pesante per l’equipaggio casomai si ritrovasse appiedato e forzato a far ripartire il proprio mezzo, o anche per stare caldo all’interno dell’abitacolo con qualche deroga (ad esempio per le scarpe dei navigatori, purché il materiale esterno sia ignifugo). Nel regolamento si fa cenno anche all’eventuale presenza di renne sul percorso, a cui bisogna prestare attenzione.

Crediti Immagine di Copertina: Toyota Gazoo Racing

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati