WRC | Parte il Rallye Monte Carlo 2021: in testa Tanak, incidente per Suninen [VIDEO]

I risultati delle prime due prove speciali

Inizia la stagione 2021 del WRC con il Rallye Monte Carlo: vediamo cosa è successo nella prima giornata di gara
WRC | Parte il Rallye Monte Carlo 2021: in testa Tanak, incidente per Suninen [VIDEO]

Rieccoci con una nuova stagione del campionato WRC, che riparte come tradizione comanda dal Rallye di Monte Carlo, nonostante pandemia e restrizioni. In una edizione che celebra i 110 anni di storia di questa iconica gara, ridotta però ai minimi termini tra il pericolo del Covid-19 e un coprifuoco che in Francia scatta alle 18, si distingue subito Ott Tanak, che al secondo anno con Hyundai Motorsport parte subito con il piede giusto conquistando le prime due prove speciali del Monte Carlo 2021.

Rallye Monte Carlo 2021: la PS1

Pronti via senza passare dallo shakedown, cancellato per evitare assembramenti di pubblico: la stagione 2021 del WRC comincia con la PS1 di Saint-Disdier – Corps, da 20,58km, su asfalti umidi ed insidiosi. Tutti gli equipaggi sono partiti con le Pirelli P Zero Supersoft, ed alcuni di essi (come i Toyota Gazoo Racing e Dani Sordo) hanno optato anche per due Sottozero non chiodati. A rompere il ghiaccio il campione uscente Sébastien Ogier, che ottiene il quarto tempo: primeggia invece Tanak, partito subito alla grande (meglio rispetto a dodici mesi fa, quando il suo debutto con la Hyundai i20 Coupé WRC era iniziato al Monte Carlo con prestazioni in sordina prima del ritiro causa incidente nella PS4). L’estone, nonostante un problema al tergicristalli, chiude primo davanti ad un ottimo Kalle Rovanpera, con un ritardo di 3 secondi tondi, a sua volta distaccato di 5 decimi dal vicecampione WRC uscente Elfyn Evans, che ha lamentato condizioni variabili di grip.

Dietro ad Ogier si posiziona al quinto posto nella PS1 Thierry Neuville, che debutta con il nuovo copilota Martijn Wydaeghe dopo l’improvvisa rottura con lo storico Nicolas Gilsoul. Il belga termina a 3,9 secondi dal compagno di squadra Tanak, e al traguardo dichiara: «È una sensazione strana ad essere onesti. Martijn ha fatto un buon lavoro per la sua prima prova su una vettura WRC. Ho disputato una buona PS e ho avuto un buon feeling: le condizioni sono ancora scivolose ed è abbastanza difficile».

Sesto l’altro Hyundai Sordo, che ha rivelato di avere anch’egli un buon feeling con la vettura pur chiudendo a ben 18,8 secondi dal miglior tempo. Ancor più alto il gap di Gus Greensmith, alfiere a tempo pieno nel 2021 per M-Sport, che termina la sua prova con un ritardo di 34,4 secondi. Ottavo posto e migliore tra i WRC2 Andreas Mikkelsen, smanioso di vincere quanti più rally possibili con la Skoda Fabia Rally2 Evo di Toksport WRT, e con al fianco Ola Fløene al posto di Anders Jaeger. La top ten della PS1 si chiude con Takamoto Katsuta, quarto uomo di Toyota ma che tanto per cambiare sbatte con la sua Yaris WRC sfregiando superficialmente l’anteriore destro della vettura, e con il decimo posto assoluto di Pierre-Louis Loubet, al secondo anno con la Hyundai i20 Coupé WRC di 2C-Competition, e con un ritardo di 51,6 secondi. Nel WRC2 il miglior tempo è di Yohan Rossel, uno dei piloti sulle Citroen C3 Rally2, mentre inizia male l’avventura di Enrico Brazzoli sulla Fabia Rally2 di PA Racing in gara nel WRC2 per conto di Movisport (che schiera anche Nikolay Gryazin, undicesimo assoluto sulla Volkswagen Polo GTI R5). Il cuneese si è ritrovato con la vettura ferma dopo i primi tre chilometri percorsi.

L’incidente di Teemu Suninen

Parte non al meglio anche la stagione 2021 di Teemu Suninen, che quest’anno correrà per M-Sport come pilota part time. Ad una ventina di chilometri dal via la Ford Fiesta WRC del finnico, che stava imprimendo pure un buon ritmo, perde il grip slittando con il posteriore verso un terrapieno: l’impatto sbilancia la vettura che si ribalta, finendo in un piccolo dirupo a bordo strada. L’equipaggio è uscito incolume, a differenza dell’auto, con l’ovvia conseguenza del ritiro per Suninen. Un inizio davvero frustrante per M-Sport, che ha sudato le proverbiali sette camice per riuscire ad essere al via del Rallye di Monte Carlo.

Rallye Monte Carlo 2021: la PS2

La prima giornata di gara si chiude con la PS2 di Saint-Maurice – Saint-Bonnet da 20,78 km. Partenza con il brivido per Tanak, alle prese con lo spegnimento del motore prima del via: nonostante ciò, mette a segno la doppietta vincendo anche questa prova e consolidando la sua leadership in classifica. Secondo miglior tempo per Rovanpera, che forte di un ottimo feeling con la vettura e con le note (come egli stesso ha riconosciuto) chiude secondo in classifica con un ritardo di 3,3 secondi dall’estone. Più sensibile il gap di Evans, terzo a 8,5 secondi e che ha ammesso la difficoltà di prove odierne con sezioni ghiacciate sulla strada, e un grip con i nuovi Pirelli che ha necessitato di tempo prima di ricavare il meglio dalle gomme calde. 

Neuville per ora è quarto ma a quanto pare non proprio soddisfatto del suo avvio di gara, come dimostra il fatto che non si sia voluto fermare per commentare la PS2 una volta arrivato al traguardo. Il suo ritardo da Tanak è di 16 secondi, e soli 9 decimi lo separano da Ogier, quinto ed abbastanza cauto oggi e alle prese con qualche leggero problema ai freni. Sesto Sordo (preoccupato da un rumore sospetto «mai sentito prima» proveniente dalla sua i20 Coupé WRC), risale Loubet al settimo posto, mentre non possiamo non citare l’altro balzo compiuto da Adrien Fourmaux, alfiere di M-Sport per il WRC2: nono assoluto alle spalle di Mikkelsen e secondo di categoria. Una scalata ai danni però del compagno di squadra Greensmith, decimo in classifica con un ritardo che è già arrivato ad un minuto e mezzo, realizzando in prova un tempo peggiore rispetto a colleghi su vetture R5 come Oliver Solberg (al debutto con Hyundai nel WRC2) e Yoann Bonato. Katsuta continua intanto a non imbroccarne una, finendo in testacoda con la sua Toyota Yaris WRC: il giapponese arriva comunque al traguardo, ma quattordicesimo. Mikkelsen è sempre leader nel WRC2, mentre nel WRC3 svetta Rossel davanti a Nicolas Ciamin.

Spigolatura finale: le prime prove speciali del Rally di Monte Carlo 2021 sono state aperte dall’Alpine A110S nel ruolo di vettura zero. A bordo della sport car Esteban Ocon, pilota per Alpine F1 Team e al debutto in un contesto rallistico, anche se solo per una dimostrazione e con dei giri eseguiti settanta minuti prima della partenza di ogni PS. 

Domani si partirà alle prime luci dell’alba in modo tale che la giornata – composta da sei prove speciali – finisca nei limiti del coprifuoco nazionale imposto alle 18: qui tutti i dettagli del programma del Rallye di Monte Carlo 2021.

Rallye Monte Carlo 2021, la classifica dopo la PS2

Crediti Immagine di Copertina: Hyundai Motorsport

Crediti Video: WRClips

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati