WRC | Il nuovo calendario 2021: fuori il Rally GB, entra il Belgio con Ypres

Cambia ancora il WRC 2021

Il Belgio con l'Ypres Rally sostituirà la tappa in Gran Bretagna, che dovrebbe tornare nel 2022 per disputarsi in Irlanda del Nord: le ultime novità del WRC 2021
WRC | Il nuovo calendario 2021: fuori il Rally GB, entra il Belgio con Ypres

Mentre attendiamo di conoscere la sorte del Rallye di Monte Carlo che aprirà il campionato il prossimo 21-24 gennaio (si fa? Non si fa? Giovedì era attesa una risposta a queste domande sulla base delle decisioni della prefettura di Gap, ma ancora non si sa nulla), il WRC 2021 cambia di nuovo volto. Dopo la cancellazione del secondo round, il Rally di Svezia di febbraio, e l’incertezza – tanto per cambiare – sulla sostituzione nello stesso periodo con l’Arctic Rally in Lapponia, il WRC Promoter ha comunicato oggi ufficialmente il depennamento del Rally GB, sostituito dall’Ypres Rally.

L’Ypres Rally entra nel calendario 2021

La Gran Bretagna perde così quest’anno la sua gara nel Mondiale Rally, dopo le incertezze sul luogo in cui si sarebbe disputato nella stagione 2021 (si vociferava di interesse dell’Irlanda del Nord, che avrebbe così rimpiazzato il Galles), mentre il Belgio fa il suo ingresso per la prima volta nel WRC come 35esimo Paese ospitante del campionato. A dire il vero, questo debutto si sarebbe dovuto consumare nella seconda metà del 2020, a sua volta come evento inserito in corsa per dare sostegno ad un calendario ridotto ai minimi termini causa pandemia: ma proprio la seconda ondata del Covid-19 ha fatto sì che la gara belga, prevista per il 19-22 novembre scorso, venisse cancellata del tutto.

Ora arriva la rivincita di Ypres, già previsto quest’anno però come evento di riserva. L’appuntamento su asfalto invece è stato promosso come gara ufficiale, anche se per ora non si conoscono le date precise: indicativamente, lo slot in cui questo round sarà piazzato sarà quello di agosto, tra il Rally di Finlandia ed il Cile, attenendo ovviamente l’approvazione finale da parte della FIA e della Federazione motorsportiva belga. Jona Siebel, managing director del WRC Promoter, ha commentato: «Ypres è stata una pietra miliare estremamente popolare dei rally europei per più di mezzo secolo [l’evento nasce nel 1965, ndr]. La sua promozione nel WRC rappresenterà una delle sfide più dure della stagione e sono felice che il campionato visiterà finalmente il Belgio dopo lo sfortunato annullamento dell’anno scorso. Il suo complicato mix di stradine strette asfaltate con grandi affossamenti lungo le strade, assieme ad alcune prove speciali notturne e il clima potenzialmente incerto, fornirà un sacco di brividi e colpi di scena per i fan». Riguardo al depennamento del Rally GB, che dovrebbe tornare nel 2022 e questa volta davvero disputarsi nel Nord Irland, Siebel ha spiegato: «È triste che quest’anno il WRC non godrà della bellezza dell’Irlanda del Nord, ma la pandemia continua a colpire l’economia globale. Il nostro entusiasmo per un round WRC rimane forte e non vediamo l’ora di continuare le nostre discussioni per il 2022»

Yves Matton, a capo del settore Rally in FIA, ha aggiunto: «Il calendario 2021 è stato sviluppato sullo sfondo delle sfide portate dalla pandemia del Covid-19 e sapevamo che avremmo probabilmente dovuto affrontare problemi in corso in questo nuovo anno. È un’opportunità per l’Ypres Rally che potrà inserirsi dopo il tentativo dell’anno scorso. Mostrerà il DNA del rally con un percorso che collega Ypres a Spa-Francorchamps, due luoghi iconici del motorsport belga. Non vedo l’ora». Ricordiamo che Matton è nato in Belgio.

L’incertezza sui finanziamenti, a causa della pandemia, dietro alla cancellazione del Rally GB

Bobby Willis, promoter per l’Irlanda del Nord nel Rally GB, ha spiegato i motivi di questo forfait nel 2021: «È plausibile che il Covid-19 possa diminuire i sostanziali vantaggi economici che il WRC storicamente conferisce alle sue regioni ospitanti, e quindi gli investimenti non rappresenterebbero il miglior rapporto qualità-prezzo in questo momento. Dobbiamo accettare la situazione per il 2021 e concentrarci sulle nostre discussioni per esplorare le strade per il 2022». In pratica, più che i timori del virus (in un Paese come la Gran Bretagna alle prese con una variante molto contagiosa), hanno pesato gli effetti del Covid sull’economia e sul fatto che il gioco non valesse la candela, con una totale incertezza sui finanziamenti pubblici per l’evento visto il difficile e complicato periodo.

WRC 2021, il nuovo calendario

1. Monte Carlo : 21-24 gennaio
2. TBA
3. Croazia : 22-25 aprile 
4. Portogallo : 20-23 maggio
5. Italia : 3-6 giugno
6. Kenya : 24-27 giugno
7. Estonia : 15-18 luglio 
8. Finlandia : 29 luglio – 1 agosto
9. Belgio (agosto)
10. Cile : 9-12 settembre
11. Spagna : 14-17 ottobre
12. Giappone : 11 – 14 novembre

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati