Dakar | Ecco il Red Bull Off Road Junior Team per l’edizione 2021: si unisce alla squadra anche Cristina Gutierrez

La squadra e il prototipo aggiornato

Qualche novità per il Red Bull Off Road Junior Team pronto a disputare un'altra Dakar: la squadra tagliata su misura per lanciare i giovani nei rally raid si presenta
Dakar | Ecco il Red Bull Off Road Junior Team per l’edizione 2021: si unisce alla squadra anche Cristina Gutierrez

In vista dell’ormai imminente Dakar 2021, in partenza il prossimo 2 gennaio, Red Bull Off-Road Junior Team ha ufficializzato qualche novità per la sua squadra che coinvolge non solo la line-up, ma anche il mezzo su cui saliranno i piloti.

Le novità del prototipo Overdrive OT3 del Red Bull Off Road Junior Team

Il progetto nato in occasione della Dakar di quest’anno, con l’obiettivo di lanciare i giovani in quell’avventura che il rally raid più leggendario al mondo può offrire, partì con la collaborazione della belga Overdrive, e vede aggiungersi tra i propri partner anche Polaris RZR, costruttore leader nel settore dei Side by Side. Ancora una volta i giovani piloti potranno usufruire di un veicolo SxS OT3 predisposto da Overdrive con l’obiettivo di poter avere a disposizione i migliori mezzi per crescere e fare esperienza. Per l’edizione 2021 l’OT3 disporrà di alcuni aggiornamenti per il pacchetto, sviluppati per rendere il veicolo più prestante ed affidabile, e di un aspetto completamente rivisto per renderlo ancora più grintoso. Il prototipo è un SSV con motore da 177 cv dotato di cambio a sei marce, con in più rispetto agli altri mezzi del suo genere un telaio che combina fibra di carbonio e kevlar, tale da poter consentire un miglioramento nel rapporto peso/potenza rispetto alla concorrenza.

Torna alla Dakar Mitch Guthrie Jr

Per quanto riguarda la squadra, Red Bull Off-Road Junior Team proporrà un miscuglio tra conferme e novità. Partiamo dalle prime, con il ritorno di Mitch Guthrie Jr, il 24enne figlio d’arte che ha debuttato alla Dakar 2020 (sventolando però bandiera bianca nella settima tappa) dopo aver ottenuto successi come il doppio titolo nel King of the Hammers (proprio come il padre) e prima ancora essersi laureato campione del mondo UTV 2016, ed aver vinto tra le altre cose anche il Baja 1000 nel 2017.

«È fantastico tornare alla Dakar 2021 – ha commentato Guthrie Jr -. È stato un anno lungo e il fatto che questa gara si possa svolgere è una bella notizia per il motorsport. Siamo incredibilmente preparati rispetto alla scorsa stagione […]. Abbiamo avuto molti alti e bassi l’anno scorso, ma abbiamo imparato così tanto […] che ci renderà quest’anno molto più facile. Sento che saremo competitivi sin dal primo giorno […]. La base dell’OT3 è ancora quella, ma nel complesso è un veicolo quasi nuovo. Complessivamente sono stati apportati tanti piccoli e grandi cambiamenti per migliorare in così tante aree diverse. A questo punto io e Ola [Floene, il suo esperto copilota, ndr] siamo parecchio a nostro agio con la vettura e anche fiduciosi in essa, il che è importante».

Il debutto di Seth Quintero

Guthrie Jr inoltre si è detto «entusiasta» per i suoi compagni di squadra, tra cui il 18enne Seth Quintero, con il quale dice di essere amico da molto tempo. Il giovanissimo pilota ha le idee molto chiare, come ha dichiarato: «Gareggiare alla Dakar 2021 significa molto per me. Avere solo 18 anni e poter competere ad un livello così alto con così tante leggende di questo sport è qualcosa che non dimenticherò mai. Essere il concorrente più giovane sicuramente mette un po’ di pressione ma allo stesso tempo la toglie. Sento che ci saranno molti occhi su di me e ho molto da dimostrare giacché sono così giovane, ma sono anche molto nuovo in questo sport. Anche essere il più giovane americano a competere in questo evento è fantastico. Spero che questo apra gli occhi a così tante persone a casa e le spinga a iniziare a gareggiare all’estero. Il mio obiettivo principale è aprire la strada alla generazione prima di me. Avere l’opportunità di correre con l’OT3 è una grande opportunità. Il team ha progettato un’auto e una struttura fantastica. Tutti vanno molto d’accordo […] . È qualcosa molto diverso da ciò che utilizzo per correre dalle mie parti, c’è più potenza, l’OT3 è manuale e ci sono molte altre differenze, ma sono anche similitudini nel senso che parliamo pur sempre di veicoli UTV».

Entra nel Red Bull Off Road Junior Team Cristina Gutierrez

La squadra Red Bull Junior si completa con un nuovo ingresso, quello di Cristina Gutiérrez, la più esperta con le sue quattro partecipazioni alla Dakar, miglior pilota di genere femminile (anche se queste distinzioni e categorizzazioni, che non dovrebbero esserci, lasciano il tempo che trovano) nell’edizione 2019 e già sei volte campionessa spagnola tra le donne nel Campionato Rally All-Terrain. La pilota iberica, che dopo la Dakar debuterrà nell’Extreme E al fianco di Sébastien Loeb nel team di Lewis Hamilton, ha dichiarato: «La Dakar in Arabia Saudita è davvero fantastica, è bello poterci tornare. Tutti coloro che amano il nostro sport sognano di correre questa gara, ed è sempre stato anche il mio di sogno. L’ultima volta in Arabia Saudita l’atmosfera attorno al rally è stata incredibile. Sono davvero felice poterci ritornare. A partire dal mio primo test con la mia nuova squadra, è stato incredibile. Conoscere tutte le persone coinvolte nel team è stato un piacere. Tutto ciò che riguarda l’assetto è molto professionale e attendo con impazienza le possibilità che questa nuova opportunità mi ha dato. Ogni volta che mi presento alla Dakar sono concentrata sullo svolgere il miglior lavoro possibile. Ho imparato così tanto dalle Dakar a cui ho partecipato e cercherò di mettere in pratica tutte queste lezioni nel 2021, in modo da poter aiutare la mia nuova squadra».

Leggi altri articoli in Dakar

Commenti chiusi

Articoli correlati