WRC | ACI Rally Monza, prima giornata: Sordo leader, Ogier ed Evans ancora in ballo, Tanak insegue. L’amarezza di Neuville

La classifica dopo la PS6

Chiudiamo la prima giornata dell'ACI Rally Monza con il resoconto dell'ultima prova speciale di oggi e la classifica aggiornata
WRC | ACI Rally Monza, prima giornata: Sordo leader, Ogier ed Evans ancora in ballo, Tanak insegue. L’amarezza di Neuville

La prima giornata dell’ACI Rally Monza si chiude nel segno di Dani Sordo, nuovo leader della corsa dopo le prime sei prove speciali del programma. Una piccola consolazione per Hyundai Motorsport, che stamattina ha dovuto rinunciare alla sua testa di serie per i titoli Thierry Neuville (ne riparliamo più sotto) per via di un imprevisto in gara. Esapekka Lappi abdica allo spagnolo e lascia la leadership che aveva conservato sino alla PS5, mentre i due pretendenti alla corona del WRC 2020, ovvero Sébastien Ogier ed Elfyn Evans, restano ancora in scia, così come Ott Tanak.

ACI Rally Monza 2020: la PS6

Nella sesta prova speciale, la PZero Grand Prix 1 da 10,31 km che rappresenta l’unica del programma nell’Autodromo a non avere sezioni su sterrato, tra l’oscurità del crepuscolo emerge Sordo con un gran bel tempo, conquistando così la vittoria di PS davanti ad un sorprendente Takamoto Katsuta. Di conseguenza lo spagnolo di Hyundai scalza Lappi, che dopo aver osato con successo stamane con le gomme da neve ha optato, in questo caso, per quattro da bagnato, in modo da risparmiare quelle invernali. Il finnico di M-Sport compie una sbavatura in un chicane ma comunque resta attaccato a Sordo nella classifica, con una distanza di un solo secondo. Ogier fatica con il grip ma comunque la sua tempra da campione lo tiene ancora in pista per la vittoria, così come il compagno di squadra in Toyota Gazoo Racing Evans, che chiude una giornata cauta ma senza errori fatali.

Tanak staziona sempre al quinto posto della generale, davanti a Kalle Rovanpera ed Andreas Mikkelsen, che ricordiamo corre con una vettura Rally2 e non WRC (la Skoda Fabia Evo, per la precisione). Chi invece debutta per la prima volta con una World Rally Car è Ole Christian Veiby, il cui obiettivo è ovviamente imparare dalla Hyundai i20 Coupé WRC del team 2C-Competition, e fino ad ora l’apprendimento sta andando bene: chiude la prima giornata ottavo, senza drammi e con prestazioni costanti. 

Nel WRC2 Pontus Tidemand conferma la vetta, ma Adrien Fourmaux si fa strada per riprendersi la leadership che aveva stamane prima della foratura avvenuta nella PS5, salendo al secondo posto a 6,8 secondi dallo svedese su Skoda Fabia Rally2 e scalzando così Mads Ostberg, ora terzo ma comunque distante 12,4 secondi dalla vetta. Nel WRC3 primo posto per Andreas Mikkelsen: Jari Huttunen, in corsa per il titolo, ha già accumulato un minuto di ritardo, seguito dai diretti rivali per il successo di categoria Kajetan Kajetanowicz e Marquito Bulacia. Tom Kristensson è in testa allo Junior WRC, dove registriamo il ritiro del nostro Fabio Andolfi che, dopo una mattinata molto positiva, è fermato da un problema meccanico alla Ford Fiesta Rally4.

Neuville: “Ho deluso la mia squadra”

Ma come dicevamo lo sconfitto di giornata è stato sicuramente Thierry Neuville, che nella PS4 di oggi ha commesso un errore che gli è costato la vittoria all’ACI Rally Monza e, ormai è un dato di fatto, il titolo 2020. L’impatto con un new jersey in cemento ha causato un patatrac tale che ha poi costretto il belga al ritiro, con la speranza di ripresentarsi domani. Ma ormai la frittata è fatta. Intercettato dai giornalisti di DirtFish, il pilota ha espresso tutta la sua amarezza: «Sono dispiaciuto per la squadra, li ho delusi. Ho cercato di fare del mio meglio ma sfortunatamente non ha funzionato». Neuville ha anche spiegato che dopo il fattaccio la sua Hyundai i20 Coupé WRC era ancora pilotabile «perché lo sterzo era ancora a posto, così come il cerchio e la gomma, ma avrei perso 20-25 secondi in prova». Ha poi spiegato che non dovrebbero esserci danni notevoli al motore, ma solo un po’ di infiltrazione di acqua dopo il successivo impatto con una pozzanghera, quindi è possibile che domani possa ripartire in gara.

Domani è un altro giorno, in tutti i sensi visto che si lascia momentaneamente l’Autodromo per affrontare le temute prove in quota del bergamasco: qui i dettagli, incluse le dirette tv.

 

ACI Monza Rally, classifica dopo la prima giornata

 

Crediti Immagine di Copertina: Hyundai Motorsport

Tags
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati