FIA Rally Star, siglata la collaborazione con M-Sport

Il programma punta alla ricerca di giovani rallisti

L'iniziativa FIA Rally Star, che mira alla ricerca e al lancio nei campionati mondiali rally dei giovani piloti di domani, godrà della partnership di M-Sport
FIA Rally Star, siglata la collaborazione con M-Sport

Mentre si sta consumando l’ultimo atto del campionato WRC 2020, tra neve, pioggia e colpi di scena, il futuro del Mondiale – o meglio, dei suoi protagonisti, i piloti – si sta delineando con il progetto FIA Rally Star, ambiziosa iniziativa federale in collaborazione con tutte le Federazioni motorsportive nazionali per scovare i talenti rallistici del futuro, con una età compresa tra i 17 e i 25 anni.

Il FIA Rally Star a grandi linee

In precedenza avevamo presentato questo programma, che muoveva i primi passi da una fase di selezioni via simulatori o, nella guida reale, con i Motorkhana, per poi virare verso la fase delle finali continentali con prove su vetture Cross Car, che definiranno così i sette piloti che potranno incominciare la scalata verso lo Junior WRC 2023, passando prima per una ulteriore selezione con gare ad hoc a bordo di auto Rally3. Il tutto con i giovani piloti seguiti ed istruiti passo passo ad ogni livello, sia in via teorica che pratica, in modo da formare un solido background per i rallisti del domani. Inoltre, in caso di vittoria dello Junior WRC, il trionfatore potrà nella stagione successiva salire sul gradino successivo partecipando al WRC3, totalmente sovvenzionato.

M-Sport al fianco del FIA Rally Star

Questo ambizioso progetto ora ha un partner ufficiale che fornirà le proprie vetture alla causa, ovvero M-Sport, che in fatto di formazione e lancio di giovani talenti ha fatto la propria mission. Non a caso parliamo dell’unico team che ad oggi ha prodotto una vettura per ogni livello della piramide FIA delle nuove classi, a partire dalla base rappresentata dalle Rally5, ex R1, sino al vertice delle Rally1, già World Rally Car. In pratica, M-Sport potrebbe accogliere un pilota alle prime armi e farlo progredire “in casa”, grazie ai suoi modelli che coprono ogni esigenza e tipo di esperienza: inevitabile quindi che la scelta della FIA ricadesse sul team di Dovenby Hall. Non dimentichiamo infine che la realtà britannica supporta lo Junior WRC, fornendo le Ford Fiesta Rally4 ai giovani piloti: vetture ufficiali anche del nostro Campionato Italiano Rally Junior.

“FIA Rally Star combacia con i nostri valori”

Ha commentato Malcom Wilson, amministratore delegato di M-Sport: «Lo sviluppo di giovani piloti, con un percorso chiaro dalla base sino ai rally di alto livello, è sempre stato al centro della nostra attività e il programma FIA Rally Star è perfettamente allineato con quell’obiettivo. Siamo orgogliosi di supportare i giovani piloti e siamo costantemente alla ricerca di modi innovativi per trovare le future stelle di questo sport. Non c’è mai stato niente di simile al programma Rally Star, nella sua portata e ambizione, e non vedo l’ora di lavorare con la FIA nella ricerca della prossima generazione di campioni del mondo rally». Il direttore di M-Sport Poland Maciej Woda ha aggiunto: «Eravamo interessati al programma FIA Rally Star da un bel po’ di tempo. È un’iniziativa fantastica di cui la FIA dovrebbe essere molto orgogliosa e che combacia davvero con i valori fondamentali di M-Sport. La nostra “Scala delle Opportunità” rispecchia l’attuale FIA Rally Car Pyramid e siamo l’unico costruttore ad avere un’auto disponibile per ogni livello. L’anno di preparazione in cui si imbarcheranno i piloti selezionati del FIA Rally Star dovrà essere accessibile. Potremmo avere un pilota che non ha mai messo piede su un’auto da rally. Siamo in una posizione perfetta per questo, la nostra gamma inizia con la Fiesta Rally5 entry-level, ottima per qualcuno che impara le basi del rally, e finisce con la Fiesta Rally1 di livello WRC ».

 

 

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati