WRC | Hyundai, Toyota e M-Sport Ford dovrebbero confermare il loro impegno nel 2022

L'indiscrezione sul futuro del WRC

Pare che tutti e tre i costruttori impegnati nel campionato abbiano dato la propria adesione alla svolta tecnologica che animerà il WRC 2022, a partire dal quale entrerà a regime l'ibrido
WRC | Hyundai, Toyota e M-Sport Ford dovrebbero confermare il loro impegno nel 2022

Secondo DirtFish, che in merito ad indiscrezioni le azzecca quasi sempre, i tre costruttori attualmente impegnati nel WRC hanno dato conferma ed adesione ai regolamenti tecnici della nuova era del Mondiale che si aprirà dal 2022, ovvero quando l’ibrido entrerà a regime sulle vetture Rally1 in gara.

I tre costruttori aderiscono all’era ibrida del WRC?

La FIA aveva inizialmente fissato il termine ultimo per dare il proprio assenso a fine settembre, ma i dubbi di Hyundai Motorsport riguardo in particolare l’unità ibrida avevano poi fatto slittare questa scadenza: da quanto invece risulta dall’indiscrezione che vi stiamo riportando, la scuderia delle auto coreane assieme a Toyota Gazoo Racing e M-Sport Ford dovrebbe aver firmato per far parte del nuovo corso del WRC. 

Resterebbero da chiarire solo dei dettagli

Mancano conferme o smentite da parte dei diretti interessati, ma forse siamo ad un punto di svolta per il campionato mondiale, pronto ad aprirsi alla nuova tecnologia, ad un futuro con più sostenibilità energetica e con l’impegno di almeno tre grandi costruttori. Entro questa o la prossima settimana dovremmo avere l’ufficialità, con la FIA che intanto ha definito i dettagli tecnici della nuove regolamentazioni il mese scorso, oltre ad annunciare l’ingresso dell’ibrido anche nelle Rally2, ma dal 2023. Non dovrebbero esserci quindi ritardi nella tabella di marcia che aprirà una nuova era nel WRC dal 2022, come spiffera una fonte anonima (pare interna al Mondiale) a DirtFish: «C’è ancora qualche dettaglio da sistemare, alcuni elementi contrattuali, ma è tutto ciò di cui ci stiamo occupando ora: per il resto, è tutto a posto».

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati