Lamborghini Super Trofeo | Stoneman ottiene il titolo a Le Castellet con Bonaldi Motorsport

Weekend perfetto del britannico

Dean Stoneman si laurea campione del Lamborghini Super Trofeo Europe, andato in scena questo weekend con l'ultimo appuntamento di Le Castellet.
Lamborghini Super Trofeo | Stoneman ottiene il titolo a Le Castellet con Bonaldi Motorsport

Si conclude con Dean Stoneman campione la stagione 2020 del Lamborghini Super Trofeo Europe. Il pilota britannico di Bonaldi Motorsport vince Gara 1 e con un 2° posto in Gara 2 ottiene il titolo tanto desiderato, battendo il rivale Kevin Gilardoni.

Il resoconto di Gara 1: Boccolacci incassa il primo match-point

Al via di Gara 1, Stoneman resiste a Boccolacci, che prova subito ad attaccarlo. Miloš Pavlović (terzo) tiene a sua volta dietro Jonathan Cecotto. Alle loro spalle si porta Basz, il quale riesce a risalire due posizioni superando Sebastian Balthasar e Max Weering. Stoneman e Boccolacci prendono il largo. L’inglese fa anche segnare il giro più veloce di 2’03″414. Dopo quattro tornate il suo vantaggio nei confronti del francese è di tre secondi. Prima dei pit-stop un brivido per Stoneman, che evita d’un soffio la vettura del doppiato Josef Zaruba in testacoda. A 23 minuti esatti dalla fine, il pilota del team Bonaldi Motorsport rientra ai box per la sosta di routine, seguito immediatamente da Boccolacci che lascia il volante a Gilardoni. Quest’ultimo ritorna in pista davanti, ma Stoneman è nella sua scia e poco dopo riesce a riportarsi primo. Ottima la rimonta di Alberto Di Folco, che dopo avere dato il cambio a Rossel si porta terzo, con il compagno di squadra Guzman alle sue spalle (prima di retrocedere a metà gruppo). Le ultime emozioni le regala ancora Di Folco, che a due minuti dal termine prende la scia di Gilardoni, rimanendoci però fino al traguardo. Stoneman, penalizzato di 420 millesimi sempre per un’irregolarità nel pit-stop, si conferma primo.

Il resoconto di Gara 2: vittoria di Balthasar-Watt, titolo a Stoneman

Movimentato lo start di Gara 2, che vede Stoneman dalla pole scivolare subito quarto. Al comando si porta invece Di Folco, seguito da Gilardoni e Liddy. Dopo due giri, Gilardoni finisce in testacoda e scivola decimo. Stoneman invece riesce a passare Liddy risalendo secondo, per poi superare anche Di Folco guadagnando la leadership. Prima dei pit-stop Di Folco si avvicina a Stoneman. L’inglese rientra ai box per la sosta a 25 minuti dalla fine e Di Folco rimane in pista ancora per due giri. Quando la situazione si stabilizza, davanti a tutti c’è Kevin Rossel, il quale ha preso il posto di Di Folco. Stoneman è terzo alle spalle di Balthasar. Dorian Boccolacci, salito in macchina subentrando a Gilardoni, si trova settimo. A dieci minuti dal termine i primi tre sono raccolti in meno di un secondo. Balthasar prova ad attaccare Rossel, ma deve anche guardarsi alle spalle da Stoneman. Poco dopo il tedesco ci riprova e riesce a sfilare al comando non senza un leggero contatto con la vettura di Rossel, adesso insidiato anche da Stoneman. Ma alle spalle dell’inglese arriva Miloš Pavlović. Stoneman risponde, rompe gli indugi e supera a sua volta Rossel. Proprio nell’ultimo giro Pavlović finisce però in testacoda e tra i due litiganti ha la meglio Jonathan Cecotto che si va a prendere il terzo posto.

Le parole del neo-campione Stoneman

Dean Stoneman dopo Gara 2: «Alla fine ce l’ho fatta. È stata una stagione con alti e bassi. Un’ultima gara difficile, in cui ho dovuto gestire le gomme con molta cautela, esattamente come ho fatto ieri. Inoltre lo “speed limiter” non funzionava e ho dovuto prestare attenzione a non superare la velocità massima quando sono entrato ai box per la sosta. Alla fine è arrivato un secondo posto ed il titolo. Veramente fantastico».

Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati