WRC | In vista dell’Ypres Rally Evans ed Ogier faranno una gara di preparazione in Belgio

In gara all'Hemicuda Rally

Elfyn Evans e Sebastien Ogier non hanno mai partecipato all'Ypres Rally, motivo per cui correranno prima all'Hemicuda Rally, sempre in Belgio, per prepararsi al meglio
WRC | In vista dell’Ypres Rally Evans ed Ogier faranno una gara di preparazione in Belgio

Craig Breen non sarà l’unico a svolgere qualche gara preparatoria in Belgio in vista del penultimo appuntamento del WRC, l’Ypres Rally su asfalto che si terrà il prossimo weekend del 19-22 novembre. Anche Toyota Gazoo Racing ha deciso di mandare in avanscoperta due suoi piloti, quelli che si stanno giocando il titolo mondiale e che quindi devono essere pronti più che mai per il rush finale del campionato.

Evans ed Ogier all’Hemicuda Rally

Elfyn Evans, attuale leader del WRC, e Sébastien Ogier (che al momento occupa la piazza d’onore in classifica) correranno infatti all’Hemicuda Rally, appuntamento in terra belga che si terrà il 25 ottobre, caratterizzato da otto prove speciali per un totale di 88,76 km cronometrati. Entrambi non hanno mai corso ad Ypres, appuntamento che prima di entrare nel Mondiale quest’anno è stato già affrontato invece dal citato Breen (che però necessita anch’egli di un po’ di rodaggio prima della gara, visto che quest’anno non ha mai corso con la Hyundai i20 Coupé WRC su asfalto), tra l’altro vincitore uscente, dal compagno di squadra Thierry Neuville e da Esapekka Lappi per quanto riguarda il fronte M-Sport. All’Hemicuda Evans ed Ogier correranno ovviamente con le loro Toyota Yaris WRC, e si ritroveranno in competizione anche i colleghi del WRC2 Ole Christian Veiby e Nikolay Gryazin, più Grégoire Munster, tutti nell’orbita di Hyundai.

Toyota e Hyundai, la guerra fredda sull’Ypres Rally

A proposito di quest’ultima, Ogier aveva in questi giorni lanciato contro la squadra del costruttore coreano i suoi strali polemici giacché il loro team manager, Alain Penasse, è anche organizzatore dell’Ypres Rally, insinuando quindi che i rivali sulle i20 potessero godere di un presunto vantaggio competitivo. Penasse ha liquidato l’accusa, spiegando che era noto da tempo il suo doppio ruolo, schivando così una nuova critica dopo quella simile già fatta partire dal team principal di Toyota Gazoo Racing Tommi Mäkinen nei mesi scorsi.

Crediti Immagine di Copertina: Toyota Gazoo Racing

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati