WRC | Rally Italia Sardegna 2020, i risultati nel WRC2 e WRC3 e i commenti da Skoda e Citroen

Bilancio delle categorie di supporto

Facciamo il punto sui risultati nel WRC2 e WRC3 del Rally Italia Sardegna, dalle vittorie di Tidemand e di Huttunen in giù, e scopriamo le classifiche aggiornate
WRC | Rally Italia Sardegna 2020, i risultati nel WRC2 e WRC3 e i commenti da Skoda e Citroen

Il Rally Italia Sardegna che si è concluso ieri è stato una battaglia campale anche nelle categorie di supporto del WRC, a cominciare dal WRC2 dove alla fine l’ha spuntata Pontus Tidemand su una Skoda Fabia Rally2 Evo privata (per Toksport WRT) assieme a Patrik Barth.

Rally Italia Sardegna 2020, la vittoria di Tidemand nel WRC2 e le difficoltà di Ostberg

L’equipaggio svedese ha mostrato una costanza invidiabile nel loro debutto al RIS, volando in testa alla categoria alla fine della prima giornata non appena Adrien Fourmaux di M-Sport, in vetta sino a quel punto, ha dovuto fare i conti con una foratura. Quasi una corsa ad eliminazione nel WRC2, visto che al netto di prestazioni di alto livello (le R5 delle categorie cadette sono entrate agevolmente nella top ten assoluta, non sfigurando rispetto alle più prestanti WRC Plus, e giovando alcune – va detto – della favorevole posizione di partenza arretrata), ci sono stati molti imprevisti e problemi, come quelli che hanno colpito il povero Mads Ostberg.

Il pilota su Citroen C3 R5 infatti nella prima giornata di gara ho dovuto fare i conti con un inaspettato problema trasmissivo, tale da azzerargli la trazione anteriore. In pratica il norvegese ha gareggiato in una prima tappa in cui «tutto sembrava andasse storto» con una vettura a due ruote motrici e non quattro, influenzando negativamente la sua intera gara. Alla fine Ostberg riesce a salvare in corner un quarto posto, dietro a Eyvind Brynildsen sull’altra Fabia Rally2 Evo di Toksport WRT ed Ole Christian Veiby, su Hyundai i20 R5 ed anch’egli alle prese con grattacapi come forature e danneggiamenti alla vettura (ma almeno ha evitato il ritiro, come è invece è successo al compagno di team Nikolay Gryazin e a Forumaux).

Tornando a Tidemand, il pilota conquista il suo terzo successo stagionale nel WRC2 e potenzia la sua leadership in classifica, distaccando un Ostberg – che sembrava lanciatissimo per il titolo sino a poco tempo fa – a diciotto lunghezze. «Sono molto contento di aver vinto nel WRC2 al mio debutto nel Rally Italia Sardegna. Non è stato facile essere il primo della categoria che parte sulla strada per tutto il rally. Avevamo una strategia sicura e l’abbiamo seguita rigorosamente. Per il campionato questo risultato è molto buono», ha spiegato il pilota Skoda. Il suo inseguitore in classifica, ovvero Ostberg, ha invece commentato: «Ovviamente sono dispiaciuto per l’inizio della gara, anche se ci sono molti aspetti positivi da cogliere dal weekend, con due buone tappe sabato e domenica. Abbiamo fatto del nostro meglio per risalire la classifica. Siamo riusciti a recuperare quattro dei sei minuti persi venerdì mattina. Adesso ci concentreremo sui restanti round di asfalto [vale a dire il Belgio a novembre e Monza a dicembre, ndr]: sappiamo che la C3 R5 è molto competitiva su questa superficie e sono fiducioso nella mia capacità di lottare per la vittoria».

WRC3, vittoria di Huttunen per Hyundai

Nel WRC3 successo per Jari Huttunen su Hyundai i20 R5, balzato in testa alla fine della giornata di sabato dopo il forfait di Oliver Solberg, alla sua seconda uscita stagionale su Skoda Fabia Rally2 ed autore di una gara sino a quel punto perfetta: un leader incontrastato, capace di risalire subito dopo una foratura nella seconda tappa ma poi costretto alla resa per una uscita di strada. Costretto al ritiro momentaneo, rientra in gara domenica ma non va oltre il sesto posto di categoria. Sul podio, oltre ad Huttunen, sale invece il già tre volte campione europeo Kajetan Kajetanowicz, altro Skoda, seguito da Marquito Bulacia su Citroen C3 R5. «Dopo la foratura subita alla partenza non ci siamo arresi – ha spiegato quest’ultimo, già vincitore al Rally del Messico nel WRC3- . Abbiamo continuato a guidare bene nella speranza di risalire la classifica, quindi sono estremamente soddisfatto del nostro risultato. Ero davvero a mio agio con la C3 R5. L’auto era molto efficiente e facile da guidare in queste prove difficili. Se decidessimo di prendere parte a un quinto round, come consentito dal regolamento, sceglieremmo di gareggiare a Monza».

A proposito di Citroen, erano ben sei le C3 R5 schierate nel WRC3, che si sono portate a casa nel complesso sette prove speciali vinte: Yohan Rossel e Nicolas Ciamin, in particolare, soprattutto nella prima giornata hanno dimostrato di aver il passo per lottare per il podio, ma delle noie alla vettura nella tappa successiva hanno costretto entrambi alla resa, ritornando in gara domenica e chiudendo nelle ultime posizioni. Ritiro invece per Eric Camilli. Da notare infine l’ottimo quarto posto, sponda Hyundai Rally Team Italia, per il nostro Umberto Scandola, su i20 R5.

I commenti da Skoda e Citroen

Chiudiamo con i commenti dai dirigenti Skoda e Citroen. Partiamo da Pavel Hortek, team manager per la divisione motorsport della casa ceca, che così si è espresso: «Congratulazioni a Pontus e Patrik per la vittoria nel WRC2. Ora Pontus è in un’ottima posizione per vincere anche il titolo. Oliver e Aaron sono stati davvero sfortunati. Tuttavia, sono ancora molto giovani e possono imparare molto da una situazione come questa. Hanno comunque mostrato in modo impressionante la loro velocità».

A sua volta, l’Head of Customer Racing di Citroen Racing, Didier Clément, ha commentato: «È stato un weekend difficile per tutti noi. La C3 R5 è stata molto veloce – lo dimostra ogni weekend, ad ogni rally – ma per una volta abbiamo peccato di affidabilità. È frustrante perché la velocità c’era e i nostri piloti hanno dimostrato di essere in grado di mettere le C3 R5 tra i primi posti in quasi ogni prova di questo impegnativo Rally Italia Sardegna. Lavoriamo costantemente, ogni giorno, per fornire ai nostri equipaggi un’auto sempre più affidabile e potente. Questo fine settimana è stato duro, ma non ho dubbi che le nostre squadre torneranno più forti nei prossimi eventi in calendario».

WRC2, Rally Italia Sardegna 2020: classifica finale

1.Tidemand / Barth (SWE / SWE), Škoda Fabia Rally2 evo, 2: 51.58.4 ore.
2.Veiby / Andersson (NOR / SWE), Hyundai i20 Rally2, +28,8 sec.
3.Brynildsen/Minor (NOR/AUT), Škoda Fabia Rally2 evo, +49.7 sec.
4.Østberg / Eriksen (NOR / NOR), Citroën C3 Rally2, +2: 08.3 min.

WRC2 2020, classifica aggiornata

1.Pontus Tidemand (SWE), Škoda, 105 punti
2.Mads Østberg (NOR), Citroën, 87 punti
3.Adrien Fourmaux (FRA), Ford, 66 punti

WRC3, Rally Italia Sardegna 2020: classifica finale

1.Huttunen / Lukka (FIN / FIN), Hyundai i20 Rally2, 2: 50: 19.2 ore.
2.Kajetanowicz / Szczepaniak (POL / POL), Škoda Fabia Rally2 evo, +1: 21,2 min.
3.Bulacia Wilkinson/Der Ohannesian(BOL/ARG), Citroën C3 Rally2, +2:07.5 min.
4.Scandola/D’Amore (ITA/ITA), Hyundai i20 Rally2, +5:45.3 min.
5.Heller/Marti (CHL/ESP), Ford Fiesta Mk II Rally2, +9:36.3 min.
6.Solberg / Johnston (SWE / IRL), Škoda Fabia Rally2 evo, +10: 15.0 min.

WRC3 2020, classifica aggiornata

1.Marco Bulacia Wilkinson (BOL), Citroën, 70 points
2.Jari Huttunen (FIN), Hyundai, 68 punti
3.Kajetan Kajetanowicz (POL), Škoda, 55 punti
4.Oliver Solberg (SWE), ŠKODA, 43 punti

 

Tags
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati