WRC | Rally Italia Sardegna 2020, l’ottimismo di M-Sport: “Potremmo ottenere un buon risultato”

I commenti dai piloti e da Millener

Nelle ultime stagioni M-Sport ha ben figurato al Rally Italia Sardegna, motivo per cui aleggia un certo ottimismo, sebbene sia stata una corsa contro il tempo preparare le Ford Fiesta WRC per questa gara
WRC | Rally Italia Sardegna 2020, l’ottimismo di M-Sport: “Potremmo ottenere un buon risultato”

Siamo entrati nella settimana del Rally Italia Sardegna, il penultimo appuntamento del WRC 2020 – sempre che non venga veramente aggiunta Monza in coda alla stagione, e i team impegnati nel campionato vorrebbero a quanto pare avere certezze il più presto possibile. Si vedrà. 

Lappi: “Soprattutto quest’anno non si potrà spingere sempre al massimo”

Dopo aver visto le sensazioni alla vigilia di Hyundai Motorsport e di Toyota Gazoo Racing, vediamo adesso la situazione in casa M-Sport, terza forza del Mondiale che proverà a conquistare un podio sugli sterrati della Sardegna, in un appuntamento che per la prima volta in otto anni si disputa in autunno. «Gareggeremo in Sardegna un po’ più tardi del solito, quindi le cose potrebbero essere abbastanza differenti quest’anno», spiega Esapekka Lappi, che nel 2017 ottenne proprio al RIS la sua prima vittoria in un prova speciale, allora la Tergu-Osilo, oltre a conquistare il terzo posto nel 2018. «Le temperature potrebbero non essere così alte [miti, vi assicuriamo, ma non certo rigide, ndr] e il tempo potrebbe essere un po’ più imprevedibile. Non è mai stato un evento dove puoi spingere a tutta continuamente e questo potrebbe essere ancora più attuale quest’anno. Dovremo completare due giri di prove speciali senza fermarci in assistenza, quindi ci sarà un compromesso da considerare al momento di decidere l’assetto e le strategie delle gomme che funzioneranno su entrambi i passaggi. Sarà un weekend impegnativo, ma siamo determinati a produrre un buon risultato e penso che questo sia un evento in cui abbiamo buone possibilità di farlo».

Le buone prestazioni di Suninen al Rally Italia Sardegna

Lappi attualmente è sesto nella classifica WRC, senza aver ancora conquistato un podio quest’anno, a differenza del suo compagno di squadra Teemu Suninen, terzo al Rally del Messico 2020. L’altro finnico di M-Sport al Rally Italia Sardegna serba ricordi molto positivi, sia nelle categorie di supporto (vittoria nel WRC3 nel 2015 e nel WRC2 l’anno dopo) e splendido secondo lo scorso anno nella classifica assoluta. «Ho sempre avuto delle ottime prestazioni in Sardegna – fa notare giustamente – ed è un evento che attendo ogni anno. È la prima gara che feci con Jarmo [Lehtinen, l’esperto navigatore che lo ha affiancato sulla Ford Fiesta WRC proprio dal RIS 2019, ndr] e l’anno scorso ho ottenuto il mio miglior risultato in assoluto. Ovviamente questa volta gareggeremo in autunno, il che renderà le cose un po’ diverse, ma spero che saremo in grado di mostrare lo stesso buon ritmo. Come sempre in Sardegna, dovremo essere molto concentrati e attenti a segnare ogni pietra in ricognizione. Dovremo anche pensare attentamente al set-up e alla strategia poiché dovremo percorrere due giri senza service, il che significa che io e Jarmo dovremo apportare modifiche a distanza con quello che abbiamo a disposizione sull’auto».

Seconda volta al Rally Italia Sardegna per Greensmith e Fourmaux

Terzo pilota ufficiale sulla Ford Fiesta WRC, Gus Greensmith affronterà per la seconda volta in carriera la tappa italiana del WRC, dopo aver ottenuto un quinto posto al precedente Rally di Turchia che rappresenta il suo miglior exploit da quando è a bordo della World Rally Car Plus. «Ho gareggiato in Sardegna solo una volta prima d’ora [quarto posto nel WRC2 Pro lo scorso anno, ndr], ma mi piacciono molto l’isola e le sue PS. Non sono così difficili come quelle in Turchia, ma certamente non sono fluide e dovremo fornire un’altra buona prestazione se vogliamo ottenere un altro buon risultato questa settimana. Questo è il nostro obiettivo e non vedo motivo per cui non possiamo raggiungerlo. Sappiamo dalla prestazione di Teemu dello scorso anno che la vettura è adatta alle PS della Sardegna, e mi sento come se stessi inoltre sviluppando una maggiore consistency ogni volta che mi metto al volante».

Infine, in quota WRC2, M-Sport ripone le sue chance in Adrien Fourmaux, fresco dall’ottimo risultato ottenuto questo weekend al Rallylegend, con il primo posto nella categoria WRC con la Ford Fiesta. Ma in Sardegna riprenderà la versione Rally2 cui sta disputando il campionato: «Il Rallylegend è stato un fantastico evento, e guidare la Ford Fiesta WRC è stato come un sogno che si è avverato. È stato un weekend positivo con un’atmosfera brillante, e spero che l’esperienza mi possa aiutare quando tornerò a questa settimana a bordo della Fiesta Rally2 nel WRC2. Anche se ho partecipato al Rally Italia Sardegna una volta sola, non vedo l’ora di affrontare la sfida e spero di poter spingere ancora una volta per ottenere risultati per la vetta», commenta il giovane francese, attualmente terzo nel WRC2 con 66 punti, quattordici in meno rispetto al leader Pontus Tidemand.

La corsa contro il tempo per preparare le Ford Fiesta WRC

In genere, le Ford Fiesta WRC come abbiamo visto hanno ottenuto dei buoni risultati al Rally Italia Sardegna, in particolare nelle ultime stagioni a cominciare dal 2017, anno di debutto della vettura. Il team principal Richard Millener ha voluto ringraziare i tecnici di M-Sport che nella base di Dovenby Hall hanno preparato le vetture in tempo per essere imbarcate lo scorso sabato mattina, in particolare quella di Suninen che aveva subito dei danni nello shakedown del Rally Estonia dello scorso settembre. «Innanzitutto, devo fare un enorme ringraziamento ai nostri tecnici. Hanno svolto un lavoro complesso per assicurarsi che le auto fossero pronte per il RIS, e senza il loro duro lavoro e la loro dedizione semplicemente non saremmo stati in grado di partecipare al rally questa settimana».

«In Sardegna – prosegue –  siamo sempre andati bene e spero che sarà così anche quest’anno. L’evento si svolgerà un po’ più tardi del solito e l’ultima volta che è successo ci sono state alcune sorprese, compresi entrambi i nostri piloti junior, Ott Tänak ed Evgeny Novikov, che salirono sul podio [rispettivamente terzo e secondo, ndr]. Il clima potrebbe comportare una gara imprevedibile e gli ingegneri avranno molto a cui pensare anche quando si tratta di set-up e strategie di gomme con due giri senza service sia il venerdì che il sabato mattina. Sarà sicuramente un rally interessante e penso anche eccitante per i fan. Non vedo l’ora di vedere cosa saremo capaci a fare – e se la fortuna questa volta sarà dalla nostra parte, penso che potremo ottenere un buon risultato con tutti i nostri piloti».

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati