Porsche Carrera Cup Italia | Mugello (2), Gara 1 e 2: Cerqui e Iaquinta si dividono le vittorie

Un solo round al termine

Alberto Cerqui e Simone Iaquinta trionfano nelle due gare della Porsche Carrera Cup Italia al Mugello, penultimo appuntamento della stagione.
Porsche Carrera Cup Italia | Mugello (2), Gara 1 e 2: Cerqui e Iaquinta si dividono le vittorie

Sono Alberto Cerqui e Simone Iaquinta a vincere le due gare bagnate della Porsche Carrera Cup Italia al Mugello. Per il bresciano si tratta del secondo successo stagionale, mentre il calabrese allunga sempre più in cima alla classifica del monomarca tricolore.

Cerqui vince Gara 1 davanti a Baldan e Laurini

In Gara 1, Cerqui ha guadagnato la testa della corsa bruciando David Fumanelli in partenza e subito dopo anche il poleman Marzio Moretti alla seconda curva – che a 18 anni si era preso la pole nell’umida mattinata del sabato. Cerqui ha poi dominato sua nei primi giri sia nella seconda parte alla ripartenza da una safety car, entrata in pista in occasione di una doppia uscita in ghiaia di due concorrenti della Michelin Cup. Al culmine di una rimonta spettacolare e dopo aver vinto i duelli innescati con Fumanelli, Moretti e Iaquinta, alle spalle di Cerqui si sono issati nel finale Nicola Baldan e Lodovico Laurini, che in extremis è riuscito a escludere proprio Fumanelli dal podio assoluto. Il pilota ufficiale del Team Q8 Hi Perform ha dovuto così accontentarsi del 4° posto, piazzamento che comunque gli consente di rosicchiare qualche punto in classifica, dove resta in lotta per il titolo anche se ancora un po’ staccato rispetto a Iaquinta e Quaresmini. Il driver brianzolo ha preceduto proprio Iaquinta, che a sua volta ha concluso davanti a Festante.

La classifica di gara 1 (sabato)
1. Cerqui (AB Racing – Centri Porsche di Roma) 13 giri in 30’55”413 alla media di 132,297 km/h; 2. Baldan (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna) a 6”140; 3. Laurini (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Mantova) a 10”528; 4. Fumanelli (Q8 Hi Perform) a 10”614; 5. Iaquinta (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) a 11”264; 6. Festante (Ombra Racing – Centro Porsche Padova) a 15”750; 7. Barri (Raptor Engineering – Centro Porsche Catania) a 17”135; 8. Monaco (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Modena) a 21”710; 9. Moretti (Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo) a 21”786; 10. Strignano (AB Racing – Centri Porsche di Roma) a 22”921; 11. Caglioni (Ombra Racing – Centro Porsche Padova) a 29”086; 12. Pastorelli (Krypton Motorsport) a 41”090; 13. Randazzo (AB Racing – Centri Porsche di Roma) a 41”962; 14. Mardini (Tsunami RT – Centro Porsche Verona) a 44”548; 15. Vukov (GDL Racing – Centro Porsche Bari) a 52”229; 16. Bianconi (Ghinzani Arco Motorsport) a 1’33”920; 17. Parisini (Team Malucelli) a 1’47”218; 18. Donzelli (GDL Racing) a 1 giro; 19. Quaresmini (Tsunami RT – Centro Porsche Brescia) a 1 giro; 20. Galassi (Team Malucelli – Centro Porsche Varese) a 1 giro; 21. Locanto (SVC – Centro Porsche
Firenze) a 2 giri.
Giro più veloce: il 6° di Alberto Cerqui in 2’09”356 alla media di 145,969 km/h.

Iaquinta s’impone in Gara 2 e allunga in vetta

Iaquinta si è invece imposto in Gara 2, dopo aver superato Festante all’inizio del 3° giro alla ripartenza dalla safety car scesa in pista alla prima tornata per l’insabbiamento di Piero Randazzo nella ghiaia della esse Luco – Poggio Secco. Da quel momento in poi il driver calabrese ha allungato sugli inseguitori fino a tagliare il traguardo in solitaria, mentre alle sue spalle Fumanelli e Festante si contendevano la piazza d’onore. Il pilota ufficiale del Team Q8 Hi Perform ha avuto la meglio grazie a un sorpasso effettuato all’Arrabbiata 2 e ha così potuto festeggiare il ritorno sul podio, completato poi dallo stesso Festante. Il 20enne pilota campano è stato bravo a resistere al ritorno di Nicola Baldan nel finale. L’alfiere di Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna ha così concluso 4° dopo l’ottimo secondo posto di gara 1. Grandi emozioni tra sorpassi e controsorpassi ha regalato la lotta per entrare in top-5, che negli ultimi giri del Mugello ha premiato la rimonta di Moretti: questo ha superato in sequenza Giacomo Barri (poi 6°) e Cerqui, che ha concluso 7° dopo la vittoria di sabato. Solo ottavo, seppure in rimonta, Quaresmini.

La classifica di gara 2 (domenica)
1. Iaquinta (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) 14 giri in 31’34”147 alla media di 139,560 km/h; 2. Fumanelli (Q8 Hi Perform) a 8”079; 3. Festante (Ombra Racing – Centro Porsche Padova) a 11”185; 4. Baldan (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna) a 11”440; 5. Moretti (Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo) a 18”846; 6. Barri (Raptor Engineering – Centro Porsche Catania) a 20”555; 7. Cerqui (AB Racing – Centri Porsche di Roma) a 21”863; 8. Quaresmini (Tsunami RT – Centro Porsche Brescia) a 26”429; 9. Monaco (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Modena) a 26”988; 10. Laurini (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Mantova) a 33”186; 11. Vukov (GDL Racing – Centro Porsche Bari) a 45”430; 12. Skaras (Ombra Racing – Centro Porsche Torino) a 45”882; 13. Caglioni (Ombra Racing – Centro Porsche Padova) a 55”778; 14. Mardini (Tsunami RT – Centro Porsche Verona) a 1’05”132; 15. Pastorelli (Krypton Motorsport) a 1’29”718; 16. Locanto (SVC – Centro Porsche Firenze) a 2’09”931; 17. Mercurio (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) a 2’15”338; 18. Bianconi (Ghinzani Arco Motorsport) a 1 giro; 19. Parisini (Team Malucelli) a 1 giro; 20. Randazzo (AB Racing – Centri Porsche di Roma) a 1 giro; 21. Montagnese (GDL Racing) a 1 giro; 22. Strignano (AB Racing – Centri Porsche di Roma) a 2 giri; 23. Galassi (Team Malucelli – Centro Porsche Varese) a 2 giri.
Giro più veloce: il 4° di Simone Iaquinta in 2’08”277 alla media di 147,197 km/h.

Classifiche
Assoluta: 1. Iaquinta 128; 2. Quaresmini 111; 3. Fumanelli 106; 4. Cerqui 80; 5. Monaco 65.
Michelin Cup: 1. Mardini 83; 2. Pastorelli 80; 3. Randazzo 44; 4. Palazzo 26; 5. Galassi 25.
Silver Cup: 1. Bianconi 45; 2. Montagnese 35; 3. Donzelli 32; 4. Biolghini 30; 5. Parisini 28.
Team: 1. Ghinzani Arco Motorsport 138; 2. Tsunami RT 110; 3. Dinamic Motorsport 93; 4. AB Racing 88; 5. Ombra Racing 87.

Copyright foto: Porsche

Leggi altri articoli in Monomarca

Commenti chiusi

Articoli correlati