IndyCar | Harvest GP 2020: anteprima e orari del weekend

Si ritorna a Indianapolis

L'Indianapolis Motor Speedway ospita di nuovo la IndyCar Series con il doppio appuntamento dell'Harvest GP, che precede il gran finale di St. Petersburg.
IndyCar | Harvest GP 2020: anteprima e orari del weekend

Ormai si avvia alla conclusione la stagione 2020 dell’IndyCar Series, che ritorna all’Indianapolis Motor Speedway per il penultimo doppio appuntamento dell’Harvest GP. Scott Dixon è sempre più vicino al titolo, ma Josef Newgarden tenterà il tutto per tutto per togliere la leadership al neozelandese.

IndyCar, Harvest GP 2020: programma ed orari

Giovedì 1° ottobre
20.25 – Prove libere (75 minuti)

Venerdì 2 ottobre
00.20 – Qualifiche 1 (G1 12’, G2 12’)
21.30 – Gara 1 (85 giri)

Sabato 3 ottobre
16.20 – Qualifiche 2 (G1 12’, G2 12’)
20.30 – Gara 2 (75 giri)

Gli orari sono riferiti a quelli italiani (CEST).

IndyCar, Harvest GP 2020: anteprima del weekend

Prendiamo in mano la classifica: Dixon è sempre rimasto in testa fin dal primo appuntamento in Texas e ha all’attivo ben quattro vittorie, centrando sempre la top-10 tranne nella seconda gara di Road America. Il forte pilota di Chip Ganassi si era “fermato” in Mid-Ohio con due decimi posti, tra l’altro mostrando il primo raro errore dell’anno con un testacoda che poteva relegarlo addirittura più indietro; comunque, i suoi 456 punti sono davvero tanti se confrontati con i 384 di Newgarden, che deve ridurre il gap soprattutto perché l’ultima gara di St. Petersburg assegnerà doppi punti. Difficile vedere nella lotta Patricio O’Ward, molto bravo comunque a portare a casa punti importanti che lo mantengono saldo al 3° posto. Per il messicano di Arrow McLaren SP c’è comunque da guardarsi alle spalle: Colton Herta sta risalendo con Andretti anche grazie alla vittoria in Gara 2 proprio a Lexington, così come sta facendo Will Power con il Team Penske essendosi accaparrato Gara 1. Vicinissimi anche Graham Rahal e Takuma Sato.

Sembra ormai lontano il Gran Premio disputatosi sullo stradale a luglio: allora era stato proprio Dixon a vincere, ma non è così scontato che possa ripetersi di nuovo: allora Power aveva di nuovo gettato alle ortiche un’ottima pole position – e a Indianapolis ha ben tre vittorie – e Rahal si era dimostrato uno degli avversari più tenaci. Probabilmente, quello da tenere più d’occhio è Simon Pagenaud che si è sempre trovato bene nell’infield di Indianapolis (due successi), così come lo stesso Herta. Da segnalare il ritorno di James Hinchcliffe, con Zach Veach che si è diviso da Andretti.

Copyright foto: Walt Kuhn

Leggi altri articoli in Formule

Commenti chiusi

Articoli correlati