WEC | 24 Ore di Le Mans, Gara: Toyota firma il terzo successo, Aston Martin batte Ferrari in GTE Pro

La cronaca completa della corsa

Toyota si conferma ancora la più veloce alla 24 Ore di Le Mans di quest'anno, battendo facilmente Rebellion. Aston Martin ritorna al trionfo nella classe GTE Pro.
WEC | 24 Ore di Le Mans, Gara: Toyota firma il terzo successo, Aston Martin batte Ferrari in GTE Pro

È arrivata la terza vittoria consecutiva per Toyota alla 24 Ore di Le Mans nell’edizione 2020 corsa atipicamente a settembre. I giapponesi hanno mostrato ancora una volta la propria strapotenza, vincendo con Sebastien Buemi, Kazuki Nakajima e Brendon Hartley. Aston Martin emerge invece tra le GTE Pro, beffando una Ferrari altamente competitiva.

Il resoconto della gara, LMP1: Toyota vince ancora

Fin dall’inizio si erano viste le due Toyota TS050 Hybrid avere un passo nettamente migliore rispetto alle due Rebellion rivali, distanziate fin da subito e incapaci di lottare per il 1° posto. Al termine delle 24 ore sono stati incoronati di nuovo vincitori Buemi e Nakajima, stavolta affiancati da Hartley dopo le due presenze di Fernando Alonso negli anni passati; eppure rimane un rammarico dato che, probabilmente, a meritarsi di più gli allori fossero i piloti della #8: Mike Conway e Jose Maria Lopez e soprattutto Kamui Kobayashi sono sempre stati velocissimi e solo un problema con il collettore dello scarico ha fatto scivolare la loro LMP1 al 4° posto, nonostante la sostituzione record del turbo. Alla fine per loro è arrivato comunque un 3° posto, dietro alla R13 #1 di Gustavo Menezes, Bruno Senna e Norman Nato. Agli svizzeri è mancato un possibile doppio podio per via di un’escursione di Louis Delétraz alla Indianapolis a un’ora dalla fine, che ha costretto una sosta anticipata e un cambio di carrozzeria, oltre alla comparsa di alcuni problemi alla frizione. Peccato invece per ByKolles, ritiratasi dopo la settima ora per un incidente occorso a Bruno Spengler che si è ritrovato senza ala posteriore mentre affrontava le Esses.

Il resoconto della gara, LMP2: solida performance di United Autosports

Battaglia incerta nella classe LMP2 dove ad emergere è stata la solita Oreca di United Autosports. Phil Hanson, Filipe Albuquerque e Paul di Resta hanno corso una gara pulita e devono ringraziare anche G-Drive Racing – che ha guidato per la maggior parte del tempo la testa della classe – che ha accusato la rottura di una sospensione con Jean-Eric Vergne al volante, terminando comunque quinta. Anthony Davidson, António Félix da Costa e Roberto Gonzalez hanno provato a sfruttare l’ultima caution per insidiare la vetta ma, alla fine, si sono accontentati del 2° posto. Sul podio Panis Racing con Julien Canal-Nico Jamin-Matthieu Vaxivière, mentre Signatech Alpine è giunta quarta nonostante un problema occorso nel primissimo giro della maratona francese. Gran lavoro per i ragazzi di Cetilar Racing, ancora una volta sul traguardo senza particolari problemi con Andrea Belicchi-Roberto Lacorte-Giorgio Sernagiotto in decima posizione di classe, 14esimi assoluti.

Il resoconto della gara, GTE Pro: Aston Martin torna al successo

Nonostante la presenza di soli tre marchi ufficiali, la GTE Pro ha regalato un’intensa battaglia dall’inizio fino alla fine: prima vittoria di Aston Martin dai tempi di Le Mans 2017, stavolta con una Vantage GTE di ultima generazione. Alex Lynn, Maxime Martin e Harry Tincknell sono passati in testa alla mattina, quando durante la notte è stata la Ferrari di James Calado, Alessandro Pier Guidi e Daniel Serra a comandare; per AF Corse non c’è stato nulla da fare, accontentandosi della seconda posizione davanti all’altra Aston Martin di Marco Sørensen-Nicki Thiim-Richard Westbrook. Non classificata l’altra Rossa di Sam Bird-Miguel Molina-Davide Rigon, ritiratasi quando mancava poco al termine per una rottura al cambio. Delusione per Porsche che, dopo la pole position, era sprofondata fin dalle prime fasi, lasciando spazio a Risi Competizione (4°) e a WeatherTech Racing, anche questa ritirata per un incidente con Racing Team Nederland nella notte.

Il resoconto della gara, GTE Am: ancora Aston Martin con TF Sport

Aston Martin completa la doppietta con il successo nella classe GTE Am grazie al forte equipaggio di Jonathan Adam, Charlie Eastwood e Salih Yoluç di TF Sport. La squadra britannica è stata una delle contendenti fin dall’inizio, battagliando con l’Aston Martin di Augusto Farfus, Ross Gunn e Paul Dalla Lana fino a quando quest’ultimo non hanno patito un problema alla sospensione. Porsche è seconda con il Dempsey-Proton Racing con Matt Campbell-Riccardo Pera-Christian Ried, mentre AF Corse #83 chiude il podio con Emmanuel Collard-Nicklas Nielsen-François Perrodo.

FIA World Endurance Championship 2019-20 – 24 Hours of Le Mans 2020, gara: classifica

Copyright foto: Marius Hecker / AdrenalMedia.com

Tags
Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati