ERC | Calendario 2020 ancora rivoluzionato: esce Cipro, entra Spa

Altre manovre in questa stagione dell'ERC

Forfait del Rally di Cipro nel campionato ERC 2020: ecco quindi che arriva in sostituzione, ma in coda alla stagione, lo Spa Rally che chiuderà in Belgio l'europeo
ERC | Calendario 2020 ancora rivoluzionato: esce Cipro, entra Spa

Ormai il calendario del Campionato Europeo Rally è una vertigine continua di cambi, spostamenti, annullamenti, rinvii e nuovi ingressi, come neppure in altre competizioni. Inevitabile in tempi come questi e all’approcciarsi di un autunno in cui ormai abbiamo compreso che questo Covid non ce lo sbologneremo neppure nei prossimi mesi.

ERC 2020, il punto sugli ultimi cambiamenti

Eravamo rimasti a questa situazione con l’ERC 2020: due appuntamenti sono stati svolti regolarmente, seppur rinviati in piena estate, ovvero il Rally di Roma Capitale a luglio e il Rally Liepāja di agosto. La serie sarebbe dovuta proseguire con il Rally delle Azzorre del 17-19 settembre, poi saltato sempre per causa virus; poi però è stato inserito ex novo un altro evento portoghese, il Rally Fafe Montelongo su asfalto che avrà luogo dal 2 al 4 ottobre.

Salta per l’ERC 2020 il Rally di Cipro

Eccoci quindi a due nuovi cambi di fronte per il calendario europeo 2020: il Rally di Cipro del 16-18 ottobre si terrà sì, ma solo con le validità per il campionato nazionale e per la la serie FIA Middle East. Gli organizzatori infatti hanno chiesto che questo evergreen dell’ERC non si disputasse per l’europeo: una decisione evidentemente spinta, ipotizziamo, dalle difficoltà sia gestionali che economiche nell’ospitare una terza validità internazionale in tempi così difficili per tutti.

ERC 2020, entra lo Spa Rally

Insomma, si è trattato di un’altra gatta da pelare per il promoter Eurosport Events, che nel frattempo discuterà il ritorno di Cipro nel calendario 2021 con gli organizzatori. Ecco però che si è riusciti a tirare fuori l’ennesimo coniglio dal cilindro con l’ingresso in coda al campionato dello Spa Rally, che si terrà il 12-13 dicembre e varrà come sesto ed ultimo appuntamento dell’ERC 2020.

«Seguivamo da vicino lo Spa Rally da un po’ di tempo e siamo sempre stati colpiti dall’approccio lungimirante, dall’attenzione ai dettagli e dalla forte organizzazione e promozione garantita da Christian Jupsin e il suo team DG Sport», ha commentato il coordinatore ERC per Eurosport Events Jean-Baptiste Ley. «Dopo aver discusso in precedenza la possibilità che lo Spa Rally si unisse all’ERC, è motivo di soddisfazione il fatto che queste conversazioni abbiano portato l’evento a entrare per la prima volta nel calendario del FIA European Rally Championship, per quello che promette di essere un finale spettacolare per la stagione in corso».

Spiega inoltre il promoter dello Spa Rally, Juspin: «Questo è un progetto di cui avevamo già parlato in passato. Non era possibile allora, ma il rinvio dello Spa Rally di quest’anno da marzo a dicembre a causa delle restrizioni dovute al Covid-19 ci ha dato l’opportunità di rientrare nelle discussioni con Eurosport Events per quanto riguarda l’ospitare un round ERC. Sono molto contento che sia stato concluso un accordo ed è una grande soddisfazione e un grande riconoscimento per DG Sport e il suo staff, che ora sono in grado di organizzare anche il round finale del FIA ERC 2020».

Spa Rally, le caratteristiche

Lo Spa Rally, come facilmente intuibile, si sviluppa nei dintorni del circuito di Spa-Francorchamps, tra la pista e le campagne, e sarà quasi esclusivamente su asfalto: nato nel 2015 come evento del campionato nazionale belga, la gara nella sua giovane storia è stata vinta due volte da Freddy Loix, pilota di casa quattro volte campione nazionale e vecchia conoscenza del mondo ERC (due top ten finali conquistate tra il 2015 e 2016). L’ultimo successo è di Cédric Cherain, mentre l’edizione 2020 dovrebbe contare una ventina di PS per un totale di un centinaio di chilometri cronometrati, condivisi anche con i tratti del circuito rallycross sede del Mondiale WRX, la cui tappa si terrà a novembre. Previste inoltre delle prove in notturna. Infine è la prima volta che il Belgio ritorna nel calendario ERC dopo una assenza di quattro anni, proprio nell’anno in cui il Paese ospiterà anche il gran finale del WRC con l’Ypres Rally.

ERC 2020, (ennesimo) nuovo calendario

Round 1: Rally di Roma Capitale (asfalto), 24-26 luglio

Round 2: Rally Liepāja (Lettonia, terra), 14-16 agosto

Round 3: Rally Fafe Montelongo (asfalto), 2-4 ottobre

Round 4: Rally Hungary (asfalto), 6-8 novembre

Round 5: Rally Islas Canarias (asfalto), 26-28 novembre

Round 6: Spa Rally (asfalto), 12-13 dicembre

 

Leggi altri articoli in FIA ERC

Commenti chiusi

Articoli correlati

FIA ERC

ERC | Forse salta il Rally Azzorre 2020

L'indiscrezione sulla gara europea
La stabilità faticosamente raggiunta dal Campionato Europeo Rally rischia di essere messa nuovamente in discussione, perché giunge l’indiscrezione di un