WRC | Toyota e la difesa della leadership nel campionato al Rally Estonia

La ripartenza nel WRC di Toyota

Toyota Gazoo Racing riparte dalla testa delle classifiche nel WRC, una leadership che dovrà difendere a partire dal Rally Estonia. Le parole dei piloti e di Makinen
WRC | Toyota e la difesa della leadership nel campionato al Rally Estonia

Toyota Gazoo Racing si prepara a difendere la propria leadership nella classifica costruttori e piloti del WRC 2020 in occasione della volata finale del campionato, con quattro appuntamenti (sopravvissuti alla decimazione causa pandemia) da disputare a partire dall’imminente Rally Estonia.

Dove eravamo rimasti con Toyota Gazoo Racing

Rivedremo quindi in gara i tre alfieri principali del team, a cominciare da quel Sébastien Ogier vittorioso al Rally del Messico dello scorso marzo e leader del campionato dopo i tre round disputati prima del lockdown, seguito dalla rivelazione di questo scampolo di stagione Elfyn Evans, secondo classificato a otto punti di distanza dal francese e trionfante a febbraio in Svezia. Ma occhio anche all’altra sensazione del WRC 2020, ovvero il giovane Kalle Rovanpera, che al debutto con una World Rally Car Plus ha dimostrato di avere la stoffa del campione: attualmente il finnico è quarto in classifica, a soli due punti dal terzo posto occupato da Thierry Neuville. Il team di Tommi Mäkinen in Estonia schiererà inoltre sulla quarta Yaris WRC Takamoto Katsuta, mentre nella classifica costruttori Toyota Gazoo Racing impera a quota 110 punti, 21 in più rispetto ai diretti inseguitori Hyundai Motorsport.

Durante l’estate i tre equipaggi ufficiali hanno svolto diverse sessioni di test, sia in Finlandia che in seguito in Estonia, ma solo a fine agosto si sono ritrovati – tutti e tre assieme – in una gara vera e propria, ovvero il South Estonia Rally (altrimenti detto Ralli Lõuna-Eesti), valido come secondo round del campionato nazionale ed ottimo banco di prova su sterrato in vista della ripresa del WRC. L’evento è stato vinto dall’idolo di casa Ott Tanak, che propria sulla Yaris WRC vinse le ultime due edizioni del Rally Estonia: un bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto per Toyota, che da un lato tiene d’occhio il suo ex pilota dato per favorito in Estonia, dall’altro sa di avere una vettura che sugli sterrati veloci e in altre condizioni ha dimostrato di farsi ampiamente valere. Lo stesso Rovanpera, autore di un impressionante secondo posto al Ralli Lõuna-Eesti, ha sostenuto che la Yaris WRC possa avere ottime chance al Rally Estonia.

Rovanpera: “Confido in un buon risultato al Rally Estonia”

Ha ulteriormente spiegato il giovane finnico: «Le strade in Estonia sono molto veloci e scorrevoli, ma ci sono anche alcuni tratti stretti e tecnici, quindi sarà un rally davvero difficile. Devi andare a tutta per la maggior parte del tempo, ma poi hai anche punti in cui devi essere veramente preciso». Rovanpera ha poi ammesso le difficoltà di una ripartenza dopo tanti mesi di stop, ma confida nel lavoro e nei risultati dei test estivi. «Abbiamo guidato in diverse condizioni meteorologiche, il che è stata un’esperienza utile per me. Ho per ora fatto solo tre rally nel WRC con questa auto e ho ancora bisogno di continuare a imparare per il resto della stagione, ma questo è un rally che dovrebbe essere buono per me e spero in un buon risultato».

Evans torna in Estonia dopo l’infortunio dello scorso anno

Elfyn Evans ha dato prova sia di ottime prestazioni, che di tenere i piedi per terra ogni volta lo si additava da favorito per il titolo 2020. Lo spirito è lo stesso: «È passato molto tempo dall’ultima volta che abbiamo guidato in modo competitivo. Almeno abbiamo potuto almeno fare dei test e tornare al volante, ma non c’è niente come una gara», ha spiegato il gallese, reduce da un tremendo incidente al South Estonia Rally, per fortuna senza conseguenze né fisiche né sul morale. «Il Rally Estonia è una novità per il WRC e ho avuto la fortuna di essere lì per l’evento dell’anno scorso. Anche se il rally non è finito così bene per me [chiuse quarto, rimediando pure un infortunio alla schiena dopo un salto, ndr], mi sono divertito e so un po’ cosa aspettarmi. Le strade sono molto, molto veloci: simili alla Finlandia in qualche modo ma con dei salti in meno e in alcuni punti anche più veloci. Come ho visto dai test che abbiamo fatto, l’auto sembra andare forte su queste strade sterrate ad alta velocità. Speriamo decisamente di avere un buon pacchetto e speriamo di poterne ottenere il massimo».

Ogier: “Dopo i test ho un buon feeling con la Toyota Yaris WRC”

Ogier è chiamato a difendere la sua leadership nel suo penultimo anno nel WRC, in attesa venga confermato il rinnovo con Toyota per la stagione 2021: «Sono contento di poter gareggiare di nuovo dopo così tanto tempo. Il Rally Estonia sarà una novità per molti di noi, ma sono sempre entusiasta di affrontare una sfida diversa. Sarà sicuramente un rally impegnativo con strade molto veloci. La Yaris WRC ti dà una buona fiducia a queste velocità e dopo i test che abbiamo fatto in Finlandia e in Estonia ritengo di avere un buon feeling con la vettura. Era importante anche il South Estonia Rally della scorsa settimana per aiutarci nella preparazione, perché dopo una pausa così lunga non è facile trovare subito il limite. Partiremo per primi sulla strada quindi speriamo che il meteo di settembre possa aiutarci a non avere troppi svantaggi, e l’obiettivo sarà quello di cercare di combattere nel miglior modo possibile».

Makinen: “Le strade del Rally Estonia si adattano alla nostra vettura”

Conclusione affidata al team principal Mäkinen: «È fantastico poter finalmente tornare a fare rally, soprattutto per i nostri fan e i nostri partner che stavano aspettando questo momento. Speriamo di poter portare un po’ di divertimento alle persone in un periodo così difficile. Sembra passato molto tempo, ma l’inizio della stagione è stato molto positivo per noi e speriamo di continuare così. I nostri piloti non hanno molta familiarità con le tappe estoni, ma sappiamo che le strade sono veloci e questo si adatta bene alla nostra vettura [vittoriosa nel Rally di Finlandia delle ultime tre stagione, gara che presenta sterrati dalla stesse caratteristiche dell’Estonia, ndr]. Penso che ci siamo preparati al meglio nelle ultime settimane e spero che possiamo competere per le prime posizioni».

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati