WRC | Rally Estonia 2020, la start list della ripartenza

I protagonisti del Rally Estonia

Scopriamo gli iscritti al Rally Estonia, ripartenza del WRC 2020, categoria per categoria
WRC | Rally Estonia 2020, la start list della ripartenza

Hanno atteso più di cinque mesi, ma adesso team ed equipaggi in corsa nel campionato WRC 2020 sono pronti a riprendere il filo di un discorso interrotto causa pandemia. Chi più pronto, chi un po’ meno a seconda di quanti test e gare preparatorie hanno svolto soprattutto durante una estate avara di eventi iridati, ma tutti risoluti a buttarsi finalmente nell’agone competitivo del Mondiale Rally.

Rally Estonia 2020, i team in gara: Toyota Gazoo Racing attuale leader del WRC

E si riparte dal 4 al 6 settembre con il Rally Estonia, novità del WRC e primo round della seconda metà di un calendario rivisitato dopo l’irruzione del Covid. Avevamo lasciato lo scorso marzo Sébastien Ogier vincere il Rally del Messico e balzare in testa alla classifica piloti con 62 punti, otto in più del compagno di squadra in Toyota Gazoo Racing, ovvero Elfyn Evans. Quest’ultimo, assieme al terzo alfiere del team, il giovanissimo Kalle Rovanpera, condivide lo status di rivelazione della prima parte di stagione grazie alle sue prestazioni di livello e la vittoria al Rally di Svezia, che hanno fatto uscire il gallese dal cono d’ombra dell’onesto mediano, uomo squadra e nulla più (e che torna in quel Rally Estonia che l’anno scorso gli procurò un infortunio alla schiena dopo un salto, motivo in più per regolare i conti con questo appuntamento). E poi il tridente Toyota si completa con il già citato giovane finnico, campione WRC2 Pro 2019 e che non ha sofferto il salto dalle R5 alle più prestanti WRC Plus. Al via anche una quarta Yaris WRC, con a bordo Takamoto Katsuta.

La squadra di Tommi Mäkinen al momento è in testa anche nella classifica costruttori con un saldo di 110 punti, due vittorie e altrettanti podi nelle prime tre gare del 2020. Inoltre parliamo del team che ha svolto non poche sessioni di test su sterrato, sia sulle strade della base Finlandia che ultimamente nella stessa Estonia, affinando una Yaris WRC che già di suo rappresenta una vettura parecchio prestante e molto più affidabile da quanto visto in questo scorcio di campionato. Ricordiamo che si tratta pur sempre dell’auto che ha vinto le ultime due edizioni dell’Estonia e che gli stessi avversari considerano un cliente molto tosto da battere.

Hyundai Motorsport e il favoritissimo Tanak

Diretta inseguitrice ma senza affanni Hyundai Motorsport, seconda nella classifica costruttori a 21 punti di distanza (non un divario incolmabile). Di suo il team di Andrea Adamo può contare sulla gloria locale Ott Tanak, tre volte vincitore del “suo” rally di casa tra cui l’edizione dello scorso anno. Dopo un debutto sulla i20 Coupé WRC al Rallye di Monte Carlo rovinato da un pauroso incidente nella PS4, l’estone ed il suo connazionale copilota Martin Järveoja sono tornati alla grande in Svezia ottenendo un secondo posto finale, bissato anche in Messico. La pausa dovuta al Covid ha poi bloccato la crescita di Tanak con la vettura, ripresa questa estate prima al Viru Rally, sempre sugli sterrati estoni, coronato con la prima vittoria con la i20, e poi all’altro test del Rally di Alba, dove il primo impatto con gli asfalti ha dato qualche buona indicazione ma senza eccellere. Poi per il taciturno pilota è arrivato il (prevedibile) successo al South Estonia Rally, secondo appuntamento del campionato nazionale che lo scorso 23 agosto è stato preso d’assalto dai team del WRC, presenti per fare pratica in gara prima della ripartenza del Mondiale nel Paese baltico. Da notare che al secondo posto si è piazzato uno straordinario Rovanpera, capace di mettere dietro di sé il compagno di squadra Ogier e di dare un segnale molto perentorio sulle sue abilità anche negli sterrati estoni: d’altronde lo stesso finlandese si è detto fiducioso sulle potenzialità della Yaris WRC al Rally Estonia.

Tornando a Hyundai, assieme all’estone attuale quinto nella classifica del WRC (a due punti da Rovanpera) correrà ovviamente l’imprescindibile Thierry Neuville, vincitore del Monte Carlo 2020 e che riparte dal terzo posto nelle posizioni del Mondiale, a 12 lunghezze da Evans e 20 dall’arcirivale Ogier. Dopo la partenza sprint il belga non ha ottenuto ottimi riscontri né in Svezia né in Messico, anche per colpa di qualche imprevisto con la vettura, e non ha brillato più di tanto al South Estonia Rally anche per via di un approccio molto cauto. Sulla terza i20 WRC, infine, riecco Craig Breen, che torna a collaborare con Hyundai Motorsport dopo le due chiamate a sorpresa lo scorso anno ed anche nel 2020, in occasione in questo caso del Rally di Svezia: nel 2019 l’irlandese chiuse quinto assoluto in Estonia. Inoltre su un’altra i20 WRC Plus, però preparata dal team privato 2C-Competition, è pronto all’esordio con la massima espressione delle vetture rally nel Mondiale il già campione WRC2 2019 Pierre-Louis Loubet, reduce dalle prime uscite su asfalto con la vettura questa estate. Proprio dall’Estonia partirà la stagione del transalpino nel campionato del mondo 2020. 

Le difficoltà di M-Sport

M-Sport, tra le tre grandi in gara nel WRC, è quella che invece non ha potuto svolgere test ufficiali e ha suo malgrado lasciato praticamente a secco per tutta l’estate i suoi equipaggi. La crisi economica causata dalla pandemia ha picchiato duro il team semiufficiale che lavora per conto di Ford, e difatti Esapekka Lappi e Teemu Suninen nell’unica competizione a cui sono riusciti a partecipare (il South Estonia Rally del 22 agosto) si sono presentati con due Fiesta per conto di privati (una WRC per Lappi e una R5 per Suninen). Peccato perché la gagliarda creatura di Malcom Wilson, diretta nel team da Richard Millener, è una realtà che pensa in prospettiva, puntando sui giovani e adoperandosi per lo sviluppo del territorio che ospita la sua base in Gran Bretagna. In Estonia, riavvio che lo stesso Suninen ha definito molto tosto e brutale, oltre ai due finnici che attualmente sono sesto (sempre Suninen, un podio in Messico) e settimo (Lappi, sfortunato in Messico) troveremo sulla terza Fiesta anche Gus Greensmith, senza gare all’attivo dallo scorso marzo.

Rally Estonia 2020: gli iscritti per il WRC2

Per quanto riguarda invece le categorie di supporto, la partecipazione sarà di livello anche nel WRC2, che riparte dall’attuale leader Mads Ostberg in gara con la Citroen C3 R5, sempre più a suo agio con la vettura; Hyundai Motorsport risponde con i suoi alfieri ufficiali Nikolay Gryazin ed Ole Christian Veiby, anch’essi reduci dal South Estonia Rally dove entrambi hanno centrato la top ten finale, mentre sulle Skoda Fabia Rally2 Evo troveremo Pontus Tidemand, secondo al recente evento sprint Rally Sweden Lockdown (prima gara rally europea dopo i mesi di chiusura) ed il norvegese Eyvind Brynildsen, al suo secondo appuntamento stagionale dopo il South Estonia Rally. M-Sport si giocherà invece le sue carte con Adrien Fourmaux sulla Ford Fiesta Rally2.

I protagonisti del WRC3 e dello Junior WRC

Più nutrita la pattuglia del WRC3, dove spiccano le presenze di Oliver Solberg su Volkswagen Polo GTI R5, reduce dagli ottimi risultati ottenuti nelle prime due gare stagionali dell’ERC (tra cui la seconda vittoria consecutiva nell’edizione 2020 del Rally Liepāja) e al suo secondo evento su sterrato nel Mondiale di questa stagione dopo lo sfortunato ritiro al Rally del Messico, e poi la spedizione delle Citroen C3 R5 con il ritorno di Nicolas Ciamin, Yohan Rossel ed anche Marquito Bulacia, che si allenerà nel weekend sugli sterrati del nostro San Marino Rally; sulle Hyundai i20 R5 troveremo invece Jari Huttunen e Grégoire Munster, altri giovani nell’orbita di Alzenau, mentre la categoria dei privati del WRC vedrà in gara in Estonia anche le Skoda Fabia di Kajetan Kajetanowicz, quarto di categoria in Messico, Emilio Fernández ed Eerik Pietarinen, nono al South Estonia Rally.

Infine, torna lo Junior WRC con tutti i suoi protagonisti, a cominciare dall’attuale leader Tom Kristensson, seguito da Mārtiņš Sesks e da Ken Torn, attuale leader ERC3 Junior 2020 dopo due fortunose vittorie nei primi round stagionali del campionato europeo. A seguire tutta la truppa degli Under del Mondiale, tra cui la rappresentativa di ACI Team Italia con il migliore dei giovani italiani in Svezia (decimo) Marco Pollara e Fabio Andolfi; salta questo giro, per ora, Tommaso Ciuffi. Sulla Ford Fiesta Rally4 della categoria troveremo anche Enrico Oldrati.

Qui la lista completa degli iscritti al Rally Estonia 2020, mentre qui la nostra guida completa all’evento che riaprirà il WRC.

Crediti Immagini di Copertina: WRC

Tags
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati