CIRT | Verso il San Marino Rally: Andreucci difende la leadership, Campedelli cambia vettura

I piloti in vetta al CIRT e la loro vigilia di gara

Al San Marino Rally l'attuale leader del CIRT Paolo Andreucci torna sulla Citroen C3 R5 ma con un altro navigatore. Cambio anche per Simone Campedelli, che debutta sulla Volkswagen Polo R5
CIRT | Verso il San Marino Rally: Andreucci difende la leadership, Campedelli cambia vettura

Questo weekend il Campionato Italiano Rally Terra farà tappa a San Marino con il secondo appuntamento stagionale, dove gli equipaggi dovranno cercare di scalzare l’attuale leader del CIRT 2020 Paolo Andreucci, che però correrà per primo sugli sterrati nella zona intorno alla Repubblica del Titano.

L’avvio di stagione a rotta di collo di Andreucci

Sono settimane intense per l’undici volte campione italiano rally, che dopo il successo al precedente Valtiberina, assieme alla ritrovata Anna Andreussi e a bordo, per la prima volta in gara nella loro carriera, con la Citroen C3 R5, è passato poi agli asfalti del CIR e della prova di casa al Ciocco, questa volta però sulla nuova Peugeot 208 Rally4: ed anche in questo caso l’equipaggio porta a casa un successo, ovvero il primo posto nella categoria del CIR Due Ruote Motrici. Manco passata una settimana ed ecco che Andreucci torna nuovamente sulla C3 R5 con gomme Pirelli per riprendere il discorso nel Tricolore Terra, ma questa volta al suo fianco a bordo della vettura preparata dal team PRT di Daniele Pellegrineschi ci sarà il fresco vincitore nella classifica della Coppa Rally di Zona al Ciocco, Francesco Pinelli (ma Anna tornerà negli appuntamenti validi per il Campionato Italiano Rally).

Pinelli debutta al fianco di Andreucci

Lo stesso Ucci riconosce il tour de force dell’ultimo periodo, una brusca accelerata dopo i mesi di assenza forzata di gare: «La partecipazione al doppio campionato ci porta ad essere in auto continuamente, visto che nei primi 6 mesi dell’anno non si è gareggiato. Anna continuerà a rimanere al mio fianco nel CIR, ma sarà ugualmente presente nelle gare terraiole». Poi l’alfiere della Scuderia Peletto spiega: «La Citroen C3 R5 del Team PRT ha dimostrato di avere tutte le carte in regola in quanto a affidabilità e competitività, grazie anche alle nostre coperture Pirelli. Allo shakedown testeremo nuove regolazioni, ma arriviamo da un buon punto di partenza con il set up del Valtiberina. Al San Marino Rally il nostro obiettivo è quello di difendere la leadership in campionato, anche se sappiamo bene che con il parco partenti e partendo davanti non sarà facile. Ci toccherà pulire le strade anche in questo caso, proveremo quindi a non perdere secondi preziosi nel primo giro di prove».

Simone Campedelli lascia la Ford Fiesta R5 per la Volkswagen

Subito dietro Andreucci partirà Simone Campedelli, che come sappiamo quest’anno assieme a Tania Canton è tornato nel Tricolore Terra. Ma a San Marino ci sarà una novità per entrambi: partirà infatti la sinergia tra l’equipaggio ed una nuova vettura, la Volkswagen Polo GTI R5, che rimpiazza la Ford Fiesta R5 MkII, del marchio con il quale il cesenate ha corso quasi ininterrottamente dal 2016. È la prima volta che lo vedremo a bordo della vettura tedesca, quasi un azzardo ma evidentemente dettato dalle difficoltà con l’auto precedente, testimoniate anche dal complicato esordio stagionale al Valtiberina.

Pur chiudendo secondo, Campedelli infatti ha ammesso anche ai nostri microfoni le difficoltà avute con la Fiesta, come tra l’altro certifica il deus ex machina di questo accordo, il presidente di Project Team Luigi Bruccoleri: «Non è certo un mistero che al Città di Arezzo, al di là dell’ottimo risultato conseguito, Simone non sia riuscito ad esprimersi al meglio riscontrando diversi problemi sulla nuova Fiesta. Così, vista la brevità del campionato, articolato su soli quattro round, gli ho proposto una soluzione alternativa, che io considero estremamente valida, per il prosieguo della stagione. Soluzione che il pilota romagnolo ha accolto con favore, visto che già da tempo aveva mostrato particolare curiosità nei confronti della Polo; in più, e anche questo non è un segreto, ha inciso non poco il duplice rapporto d’amicizia e professionale che mi lega al team manager Marco Perniconi [a cpao di Step Five, ndr] il quale, ovviamente, ha manifestato grande entusiasmo all’idea di accogliere tra le proprie file un professionista del calibro di Campedelli».

Con il coraggio tipico dei rallisti, il pilota ha risposto all’invito di Bruccoleri (che in squadra si era ritrovato con un equipaggio in meno, visto che Stephane Consani si è ritirato da quel CIRT – che vinse lo scorso anno – in polemica con il campionato e gli eventi dello scorso Valtiberina) e quindi correrà da San Marino con la Polo della Step Five Motorsport, con gomme Michelin.

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati