ERC | Rally Azzorre cancellato, sembra sia ufficiale. WRC, salta il progetto dei test collettivi sulle strade dell’Acropolis Rally

Annullamenti nel mondo dei rally internazionali

Nel calendario dell'ERC 2020 pare salti definitivamente il Rally Azzorre o Azores Rallye. Sul fronte WRC, tramonta l'idea di tre giorni di test collettivi sulle strade dell'Acropolis Rally
ERC | Rally Azzorre cancellato, sembra sia ufficiale. WRC, salta il progetto dei test collettivi sulle strade dell’Acropolis Rally

La notizia che vi avevamo dato qualche giorno fa alla fine sembra si sia rivelata vera: il Rally delle Isole Azzorre, noto ufficialmente come Azores Rallye, non si farà quest’anno.

Impossibile organizzare un Rally delle Azzorre a porte chiuse

L’appuntamento nell’isola portoghese doveva essere il terzo del Campionato Europeo Rally di quest’anno, dopo la ridefinizione dei calendari dell’ERC causa coronavirus. E proprio il Covid, seppur in maniera indiretta, è alla base della definitiva cancellazione per questo 2020 del round fissato dal 17 al 19 settembre. Gli organizzatori, nella persona del Grupo Deportivo Comercial, hanno dato l’annuncio ufficiale oggi: «[…] l’edizione 2020 del Rally delle Azzorre non avrà luogo, e sarà rinviato al 2021». Nel comunicato (riportato da RallyeSport, ma per ora non c’è traccia al momento sui canali ufficiali della manifestazione) si leggono i motivi alla base di questo epilogo: «Questa difficile decisione presa è dovuta alla mancanza di risorse umane e materiali per garantire che l’evento si svolga senza la presenza di spettatori, cosa che potrebbe compromettere la sicurezza dei partecipanti e delle parti interessate di quello che è il più grande evento promozionale della regione, così come la salute pubblica delle Azzorre, che è un punto prioritario su cui teniamo senza concessioni». Sempre nel comunicato si legge che gli organizzatori, assieme al promoter dell’ERC, Eurosport Events, sono al lavoro per riportare l’evento nel 2021 visto che sussiste un contratto per la presenza delle Azzorre nel Campionato Europeo sino al 2022.

L’ERC 2020 quindi per ora rimarrebbe con sei round, di cui il prossimo – il Rally di Cipro – che si terrà dal 16 al 18 ottobre. La competizione continentale così dopo il Rally Liepāja del weekend di ferragosto resterebbe a secco di gare per un bel po’, sempre che non si rimetta mano per l’ennesima volta al calendario e si inserisca un nuovo appuntamento da recuperare al più presto possibile (si parlava del Rally Fafe Montelongo su asfalto, sempre in Portogallo).

Tramonta il progetto dei test collettivi per il WRC in Grecia

A proposito di ERC, sino al 2018 tra i round del campionato c’erano anche i durissimi sterrati dell’Acropolis Rally. Proprio queste scenario era ipotizzato come luogo per l’inedito format dei test collettivi per i team impegnati invece nel WRC. Un progetto intrigante, proposto dal WRC Promoter, con possibili ricadute positive sia per la Grecia che per le stesse squadre, visto che a corredo di queste tre giornate test (comunque senza svelare troppo alla concorrenza presente) sarebbero state previste attività promozionali. Si parlava di organizzare l’evento a settembre, magari prima del Rally di Turchia, ma poi il progetto è naufragato: solo M-Sport si è rivelato entusiasta della cosa, mentre Toyota Gazoo Racing e Hyundai Motorsport hanno accolto l’idea senza troppi salti di gioia, preferendo i canonici test privati (vista anche la posta in palio che si giocano nel WRC 2020, mentre il team britannico è un po’ fuori dalla contesa): la squadra di Tommi Mäkinen si preparerà al Turchia con qualche sessione in Grecia dopo il Rally Estonia, idem il team di Andrea Adamo, pur non sulle stesse strade.

Leggi altri articoli in FIA ERC

Commenti chiusi

Articoli correlati

FIA ERC

ERC | Forse salta il Rally Azzorre 2020

L'indiscrezione sulla gara europea
La stabilità faticosamente raggiunta dal Campionato Europeo Rally rischia di essere messa nuovamente in discussione, perché giunge l’indiscrezione di un